Luglio 14, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Stretta tra l’Ucraina e gli stati membri confinanti, la Commissione europea deve ancora una volta decidere sulla questione del grano.

Stretta tra l’Ucraina e gli stati membri confinanti, la Commissione europea deve ancora una volta decidere sulla questione del grano.

Si tratta di una questione molto delicata, poiché riguarda il sostegno dell’UE all’Ucraina, le relazioni di Kiev con i suoi più fedeli alleati europei ed è presente anche nelle campagne elettorali in Slovacchia e Polonia. Ciò è diventato ancora più importante da quando la Russia ha concluso a luglio l’accordo sui cereali del Mar Nero, che consente ancora le esportazioni attraverso questa rotta.

Perché la Russia tiene in ostaggio l’accordo sui cereali del Mar Nero?

La saga si estende da aprile

A metà aprile Budapest e Varsavia, poi Bratislava e Sofia, hanno improvvisamente vietato l’importazione di alcuni prodotti agricoli ucraini. Questo annuncio ha causato un’ondata di shock a livello europeo. Perché l’Unione Europea ha sospeso i dazi doganali e le quote sui prodotti provenienti dall’Ucraina, affermando che sta facendo del suo meglio per facilitare le sue esportazioni attraverso le “vie della solidarietà” europee (terrestri o fluviali). Soprattutto, questo duro colpo è stato inferto dai principali difensori degli interessi di Kiev, a cominciare dalla Polonia. Ma l’agricoltura è il polmone dell’economia ucraina, mentre il secondo è l’energia, un ambito strangolato dall’occupazione e dagli attentati russi.

Guerra in Ucraina: la Commissione fatica a ripristinare il transito del grano ucraino attraverso l’UE

Tuttavia, questi Stati membri hanno affermato di essere obbligati ad agire di fronte al calo dei prezzi interni causato dall’abbondanza di prodotti ucraini a buon mercato. Se si suppone che queste rotte continuino verso i porti europei e poi verso i paesi terzi, tale transito va contro i limiti delle infrastrutture. Ad agosto, Janusz Vojciechowski, commissario ucraino per l’agricoltura, ha ammesso che solo il 2-3% del grano ucraino viene spedito verso paesi al di fuori dell’UE, perché i costi di transito sono troppo elevati. Si noti che la presenza di cereali ucraini sui mercati non ha contribuito a ridurre i prezzi mondiali e ad alleviare la crisi alimentare. Ma tra i vicini di Kiev, l’arretrato di cereali ucraini – che di per sé non era anormale, dal momento che qualsiasi prodotto importato nel mercato unico poteva essere commercializzato liberamente lì – era diventato una sfida politica.

READ  Asharq Al-Awsat: escalation mortale a Gerusalemme est dopo il raid di Jenin

Se denunciate misure unilaterali “inaccettabile” Presi da questi paesi, il Comitato li ha ascoltati. Un assegno del valore di 100 milioni di euro è stato inviato in aiuto agli agricoltori di Polonia, Slovacchia, Ungheria, Romania e Bulgaria. Questi paesi hanno ricevuto “misure protettive”: il permesso di “penetrare” nel mercato unico, vietando la vendita di grano, mais, colza e girasoli ucraini sul loro territorio, consentendo invece il transito – e nient’altro che transito. Queste misure avrebbero dovuto scadere il 5 giugno, poi sono state rinnovate fino al 15 settembre, nonostante le proteste di altri Stati membri, tra cui il Belgio, di fronte ai rischi per l’unità europea.

Dodici Stati membri, compreso il Belgio, condannano fermamente la benedizione della Commissione sulla restrizione della circolazione del grano ucraino.

Proroga riluttante?

Si potrebbe chiedere nuovamente alla Commissione di estendere questo regime, nonostante la riluttanza di Parigi e Berlino, espressa durante la discussione della scorsa settimana. Perché “Non esiste una soluzione miracolosa” Per semplificare il transito dei cereali, sospira un diplomatico europeo. Gli Stati baltici hanno proposto la costruzione di una rotta verso i cinque porti baltici (Tallinn, Riga, Ventspils, Liepaja e Klaipeda), che hanno la capacità di esportare un totale di 25 milioni di tonnellate all’anno. Una proposta simile è arrivata dalla Croazia per utilizzare i suoi porti sul mare Adriatico. Anche il Belgio, un paese costiero, vuole aiutare a vendere il grano: il grano deve ancora arrivare lì. Pertanto, continuano gli sforzi per aumentare la capacità del trasporto stradale e delle linee ferroviarie tra l’Ucraina e l’Unione Europea. Voytsikovsky prevede inoltre di fornire sussidi finanziari (tra 20 e 30 euro a tonnellata) per aiutare le aziende ucraine a compensare i costi di transito verso i porti europei.

READ  Francia: il fotografo Rene Robert muore nell'indifferenza dei passanti

Ma tutto questo richiede tempo. Nel frattempo, i principali paesi interessati rifiutano di correre rischi e chiedono che i lavori vengano rinviati fino alla fine dell’anno. Se necessario, la Polonia minaccia di vietare le importazioni dall’Ucraina, come accaduto ad aprile. “I prezzi del grano e del mais sono inferiori rispettivamente del 40% e del 34% rispetto al 2022”.dice un diplomatico polacco, per illustrare l’efficacia delle “deroghe”. “Il fatto che parliamo della Polonia ci rende cauti”.ammette un altro diplomatico, riferendosi “Deficit di immagine” Il Paese ama il ricatto e sfida l’Unione Europea. Ma “Ora non è il momento di correre rischi nell’interpretare la buona volontà europea nei confronti della popolazione polacca, poiché questa può essere manipolata politicamente”.. Traduzione: non dovremmo dare al PiS altre armi da usare contro l’UE prima delle elezioni del 15 ottobre.

La Polonia ha guadagnato influenza, ma ha perso l’opportunità di diventare un peso massimo dell’UE

Da parte sua, la Romania evidenzia i suoi sforzi per facilitare il transito del grano dall’Ucraina attraverso il suo territorio, in particolare fino al porto di Costanza. “I costi di trasporto per gli agricoltori rumeni sono aumentati notevolmente”Lo ha sottolineato il ministro dell’Agricoltura Florin Florin Barbu “Il 70% del grano in transito dall’Ucraina va in Romania”. La Commissione ha chiesto aiuti agli agricoltori pari a 30 euro per ogni tonnellata di grano esportato. Questa situazione crea ulteriore frustrazione per Romania e Bulgaria perché non hanno aderito allo spazio Schengen per la libera circolazione, a causa del blocco a Vienna e L’Aia. Questa è una situazione che costerà caro al Paese “2% del Pil”“, ha osservato il ministro dei Trasporti Grindeau, che intende chiedere anche un risarcimento in questo caso.

READ  La guerra in Ucraina: riconnessione della centrale nucleare di Zaporizhia alla rete elettrica

Proseguono i negoziati tra i cinque vicini dell’Ucraina e la Commissione, anche sulla questione dei prodotti ucraini interessati da “misure preventive” (Bucarest vuole aggiungere miele, olio, bacche di Varsavia, ecc.). L’esecutivo europeo si impegnerà fino all’ultimo per evitare, o almeno limitare, ogni ulteriore proroga. Se questo risulta essere inevitabile, allora dovrebbe esserlo”.“Questa volta abbiamo fissato un calendario e obiettivi più realistici per trovare soluzioni strutturali”.Un diplomatico europeo avverte. In modo che questo puzzle non duri indefinitamente.