Luglio 24, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Agghiaccianti testimonianze dei belgi sul posto in Marocco dopo il terremoto: “I morti vengono evacuati a bordo di asini”

Agghiaccianti testimonianze dei belgi sul posto in Marocco dopo il terremoto: “I morti vengono evacuati a bordo di asini”

Thierry Debecker è il direttore del Resto des Belges di Essaouira. In una zona sopravvissuta al terremoto. Tuttavia, le strade sono rimaste vuote per diversi giorni, anche se la stagione turistica è solitamente in pieno svolgimento.

Thierry Debecker ©DR

Tutti hanno lasciato la città per aiutare le vittime. Ad esempio, sono tante le donne che arrivano da tutto il Marocco con un forno a legna e producono sul posto migliaia di filoni di pane. Altri producono lì il tè alla menta”. “Molti hanno famiglia lì, inoltre la gente che non ci va lascia acqua, olio, sacchi a pelo, tende, coperte, ecc., nei parcheggi e nei camion dei volontari, rimuove tutto e lo porta sulla zona del disastro.

Il Marocco sta facendo una scelta molto politica per respingere la Francia

Il ristoratore coglie l’occasione per riformulare alcuni preconcetti. “È sbagliato affermare che il Marocco rifiuta gli aiuti internazionali. Semplicemente non possiamo accogliere immediatamente tutti gli aiuti internazionali. Ci sono pietre sulle strade e i villaggi colpiti sono inaccessibili. Per prima cosa devi cancellare tutto. Prendetevi il tempo per organizzare il coordinamento tra le delegazioni di altri paesi e indirizzare le esigenze specifiche.

Josiane de Lenier è responsabile di Amicale des Belges in Marocco.

Si parla tanto di Marrakech, ma non è la città più colpita. Gli edifici sono solidi e abbastanza nuovi. L’orrore è più evidente nei villaggi circostanti, soprattutto quelli situati in montagna. Interi villaggi furono distrutti. Le case sono cumuli di pietre o mattoni, tenuti insieme a malapena dal fango. In queste zone i morti vengono trasportati dagli asini.

Terremoto in Marocco: minuto di silenzio e cordoglio a Liegi
Terremoto in Marocco: minuto di silenzio e cordoglio a Liegi

La questione della sistemazione di queste persone è già spinosa: “Queste persone hanno perso tutto. In Marocco non esiste l’assicurazione sulla casa.

READ  Crack Insider: la società di Donald Trump condannata a 'massime multe' per evasione fiscale

Al momento non siamo ancora stati informati di morti o feriti in Belgio.“, aggiunge Josiane de Lenier.

“Ho visto la morte con i miei occhi”: dopo il terremoto del Marocco, le ricerche continuano nelle zone colpite