Maggio 19, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Chi c’è dietro il movimento di boicottaggio filo-palestinese?

Chi c’è dietro il movimento di boicottaggio filo-palestinese?

DottNei giorni scorsi, le stelle sono state scosse dopo un’iniziativa globale chiamata “Block Out 2024” che chiede la rinuncia e il blocco delle figure che non hanno sostenuto pubblicamente i palestinesi dopo gli attacchi compiuti da Israele. In Francia, questo movimento è in crescita e prende di mira emittenti, autori, attori, calciatori, marchi e influencer. Dietro questa iniziativa si può vedere l’influenza del controverso movimento di Boicottaggio, Disinvestimento e Sanzioni (BDS).

Aggiornamento serale

Tutte le sere dalle 18:00

Ottieni le informazioni analizzate e decodificate dal team editoriale di Point.

Grazie!
La tua registrazione è stata presa in considerazione utilizzando l’indirizzo email:

Per scoprire tutte le altre nostre newsletter, vai qui: Aritmetica

Registrandoti accetti le nostre Condizioni Generali d’Uso e l’Informativa sulla Privacy.

“Si tratta di un movimento volto a boicottare le celebrità che non hanno parlato pubblicamente della Palestina e che traggono la loro popolarità e i loro guadagni in parte dalle reti dei social media e dall’attenzione che i loro fan danno loro”, spiega FaceCam. Sul suo account InstagramAttivista Zazam. Presentato come un “movimento di lobbying”, l’hashtag #BlockOut2024 ha spinto i social network come Instagram e TikTok a creare elenchi di figure da prendere di mira.

Il principio della “ghigliottina digitale”

Poco dopo l’evento culturale Met Gala 2024, la piattaforma TikTok ha visto emergere Molti video con statistiche spaventose Dove abbiamo potuto vedere momenti della sontuosa serata organizzata da Anna Wintour e scontrarci con i video dei bombardamenti in Palestina. Chiamato anche la “ghigliottina digitale”, il movimento nasce da un video dell’influencer e modella Halle Bailey (vero nome Halle Kalil) che si filmava in abito da sera ad un Met Gala mentre pronunciava in inglese la frase erroneamente attribuita a Maria Antonietta. : “Che mangino le brioche!” »

READ  La rabbia della regina Letizia, ignorata dall'ambasciatore iraniano (video)

Il video è stato presentato come un disprezzo per la sofferenza delle persone più umili, in particolare dei palestinesi, ed è stato subito utilizzato come simbolo di ribellione contro l’influenza delle celebrità che in cambio non sarebbero state in grado di denunciare l’ingiustizia.

da allora, Molti video di TikTok hanno creato nomi di celebrità Hanno difeso Israele o sono rimasti in silenzio dal 7 ottobre sul destino della Palestina. L’hashtag #BlockOut2024 ha più di 32.000 post sull’app. secondo Il DNA dei media digitaliLa star Kim Kardashian, accusata di sostenere Israele, avrebbe perso più di 800mila abbonati. Lo stesso vale per l’attore Dwayne Johnson (alias The Rock) che ha perso 398.000 follower o la cantante Beyoncé che ha perso circa 700.000 abbonati.

In Francia, l’account Instagram @BlockOut2024_France elenca più di 60 personalità che dovrebbero essere bloccate nella loro lista di iscrizione. Lì troviamo l’attrice Geraldine Naccache, i comici Camille Lelouch e Marie Seinfelter, la conduttrice televisiva Lea Salama, l’attore Pierre Nenni, il calciatore Antoine Griezmann, lo YouTuber Squeezy e la designer Joan Safar. L’elenco verrà ampliato, l’account è già stato annunciato.

“Blocchiamo le celebrità che tacciono di fronte al genocidio di Gaza”, riassume nella sua offerta l’account Instagram che inizia i suoi attacchi attaccando pubblicamente il presentatore del programma, Cyril Hanouneh, e il team del programma. Non toccare la mia TV. Secondo questo account, che conta già più di 20.000 abbonati, le persone prese di mira “trasmettono e amplificano continuamente la propaganda israeliana” dal 7 ottobre.

Dietro questa mossa c’è il movimento BDS?

Nel suo video, l’attivista Zazam, partner di comunicazione dell’account @BlockOut2024_France, prende come esempio il movimento BDS. “L’idea è in realtà quella di dare seguito al lavoro del movimento BDS attuando azioni mirate”, ha osservato, spiegando ampiamente l’account Instagram @CampagneBDSFrance, che ha recentemente avviato un boicottaggio del concorso Eurovision in cui ha gareggiato un candidato israeliano.

READ  Al Rayyan è stato scagionato Luna è in pericolo? (Riepilogo dell'episodio DNA 1473)

Leggi anche Eurovision 2024: censura e “dettagli” di Malmö il 7 ottobreIl movimento BDS spiega che i nati nel 2005, Sul suo sito webvolendo boicottare i marchi associati a Israele per proporre “un atto di condanna politica che continuerà finché Israele non si impegnerà chiaramente a rispettare il diritto internazionale e a porre fine all’occupazione e al colonialismo”.

Il movimento BDS è stato oggetto di molte critiche per le campagne di boicottaggio ed è stato evidenziato nel 2019 in un rapporto scritto da Gilad Erdan, ministro della Sicurezza interna israeliano, a causa dei suoi stretti legami con Hamas e con il Fronte popolare per la liberazione della Palestina ( FPLP). ), entrambe classificate come organizzazioni terroristiche da diversi paesi, tra cui la Francia.