Maggio 22, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Perché questo villaggio spagnolo minaccia di chiudere le porte ai turisti?

Perché questo villaggio spagnolo minaccia di chiudere le porte ai turisti?

Benibica è un incantevole villaggio situato all’estremità meridionale di Minorca, una delle isole dell’Arcipelago delle Baleari. Le sue strade sono caratterizzate da facciate bianche luminose, come quelle che si trovano nelle isole greche, e persiane dipinte nei toni del verde. Il luogo ti attira con la sua atmosfera affascinante e accogliente, ma anche con le sue strade acciottolate e il lungomare sul quale potrai passeggiare. Ovviamente, un posto del genere attira i turisti. È un po’ eccessivo agli occhi della gente del posto che minaccia semplicemente di chiudere la strada ai turisti.

Quali sono i viaggi più sottovalutati in Europa? La risposta è nel video:

“I turisti sono già entrati in casa.”

Da diversi anni gli abitanti di Benibika si lamentano dell’enorme afflusso di turisti. Uno di loro ha espresso la sua rabbia sulle colonne del quotidiano spagnolo El Diario: “I turisti sono già entrati nelle case, si sono seduti sulle sedie e se ne sono andati con le loro cose. Alcuni non hanno esitato a scalare le nostre mura e a organizzare feste all’apertoA Benibica vivono circa 200 persone. Durante la stagione estiva, tra maggio e ottobre può ricevere fino a 800.000 visitatori al giorno.

Per non far fronte a tali situazioni, Oscar Monge, capo del gruppo che rappresenta i 195 proprietari del villaggio di Benibika, ha proposto l’idea di chiudere completamente l’accesso al villaggio ai turisti. L’uomo si rende conto che le famiglie gestiscono bar e ristoranti e quindi vivono del turismo locale, ma di fronte ai danni causati dal turismo di massa ritiene di non avere altra scelta che bloccare l’accesso a Benibika. “Dalla costa potrete comunque visitare i dintorni del paese, ma non potrete addentrarvi nelle strade interne, che sono il luogo più gettonato per le foto su Instagram.“, ha detto al The Guardian. Per il prossimo agosto è prevista una votazione per vedere se questa chiusura sarà effettiva o meno. In attesa dell’esito di questa consultazione, i residenti hanno istituito uno sportello di visita per i turisti. A loro è consentito solo entrare in città Il villaggio è dalle 11:00 alle 23:00.

READ  La Germania non sarà in grado di sostituire "ogni carro armato smette di funzionare" | La guerra in Ucraina

Ai residenti di Benibica è già stato concesso un aiuto finanziario di 25.000 euro per consentire loro di riparare le loro case dopo i danni causati dai turisti. Ma secondo le informazioni dell’Economista, questo sostegno non è stato rinnovato quest’anno.

La Spagna nella sua guerra contro l’overtourism

Non sono solo gli abitanti di Benibika a ribellarsi al flusso costante di viaggiatori verso la Spagna. Sembra che l’intero Paese si stia ribellando al turismo di massa. Dalle Baleari a Barcellona, ​​le proteste fioriscono in tutto il Paese. Il 20 aprile ha avuto luogo nelle Isole Canarie una mobilitazione storica in cui migliaia di cittadini sono scesi in piazza per esprimere la loro insoddisfazione e condannare le conseguenze sociali e ambientali del turismo di massa. Sui cartelli erano scritti i seguenti messaggi: “Il turismo aumenta gli affitti“,”Fermare i grandi affari“,”Non è siccità, ma saccheggio“.

Altre persone sono andate ancora oltre nelle loro azioni. In effetti, sei persone del gruppoIsole Canarie esaurite“che può essere tradotto come”Le Isole Canarie sono esausteIn francese ha iniziato uno sciopero della fame per sfidare le autorità. Nel sud del paese, le strade di Malaga sono ora decorate con manifesti anti-turismo, mentre nelle Isole Baleari sono apparsi falsi cartelli “caduta massi” o “meduse pericolose” per spaventare i turisti e allontanarli da alcune spiagge. È sufficiente per scoraggiare i viaggiatori?

Non perdere nessuna notizia sullo stile di vita su sosoir.lesoir.be e iscriviti subito alle nostre newsletter tematiche cliccando qui.