Agosto 10, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Quali sono i prossimi obiettivi di Putin? “I contrattacchi dell’Ucraina al sud hanno messo in difficoltà i russi”

Chiudere il Donbass, andare avanti, negoziare per ottenere guadagni territoriali e dividere l’Occidente: con l’eccezione di un colpo di stato militare, il presidente russo Vladimir Putin ha molte carte da giocare, ma rimane piuttosto vago sulle sue intenzioni.

“Tutte le opzioni sono aperte”, riassume Pierre Razzo, Direttore Accademico della Fondazione Mediterranea per gli Studi Strategici (FMES).

Alexander Greenberg, analista del Jerusalem Institute for Security and Strategy (JISS), afferma che “tutto è possibile”. I russi si fermeranno e dichiareranno una vittoria importante, o hanno piani nel sud del Paese?

Continua ad andare avanti

Nessuno sembra essere in grado di impedire ai russi di prendere il pieno controllo del Donbass, controllato in parte dai separatisti filo-russi dal 2014, anche se permangono sacche di resistenza.

Di fronte alle due città cadute di Severodonetsk e Lesechansk, si trovano obiettivi allettanti per Mosca.

“La Russia può sperare di catturare Sloviansk, Kramatorsk e i loro dintorni”, ha affermato Pierre Grasser, ricercatore associato presso il Laboratorio Ceres dell’Università della Sorbona. “Con lo Sloviansk, le forze russe speravano di trovare una popolazione molto amichevole, per coloro che sono rimasti sul sito”.

Ma le forze russe hanno mostrato all’inizio della guerra che non potevano permettersi di andare troppo in profondità. “Le loro barriere al vapore funzionano bene vicino ai confini, ai centri logistici e alle basi aeree. Più si allontanano, più diventa complicato”, osserva Pierre Razzo.

blocco del Mar Nero

Ben presto i russi catturarono Kherson, nel sud, durante i primi giorni di guerra, ma la situazione sulle rive del Mar Nero non si stabilizzò.

Mick Ryan, un generale australiano in pensione, ha affermato che “la guerra nel sud – e la liberazione dei porti ucraini dal controllo russo – è un fronte di importanza strategica molto più importante” che nel Donbass.

READ  80.000 euro l'anno dal suo divano: un'azienda canadese cerca un pasticcere professionista

Il controllo della costa darebbe a Mosca la continuità territoriale con la Crimea, che è stata annessa nel 2014, e l’accesso ai porti ucraini sul Mar Nero.

Ma “i contrattacchi dell’Ucraina nel sud hanno messo in difficoltà i russi. Continuano l’offensiva a est o rafforzano in modo significativo il sud?” , aggiunge l’alto ufficiale.

Mostre di Kharkiv

Kharkiv, la seconda città del Paese (a nord-est), non lontana dal confine russo, è rimasta sotto il controllo ucraino e potrebbe essere un obiettivo per Putin, secondo Pierre Razo.

“In caso di collasso ucraino e completo isolamento di Kharkiv, i russi potrebbero costringere gli ucraini a scegliere tra fare lo sforzo per difendere Kharkiv o rilasciare pressioni a sud, verso Kherson”.

Un dilemma di cui il presidente ucraino Volodymyr Zelensky è ben consapevole.

“Ha bisogno di organizzare le sue unità in modo tale da evitare una svolta importante durante i mesi estivi, per impedire ai russi di tagliare in due le forze ucraine e circondare la grande enclave di Kharkiv”, aggiunge il ricercatore.

Secondo l’esperto, la battaglia per il controllo di questa città, che ha una popolazione di circa 1,4 milioni di abitanti, sarà necessariamente devastante e l’assedio potrebbe durare “per un anno”.

Dividi l’Occidente

Con ogni avanzata militare, Vladimir Putin sta guidando un cuneo di solidarietà occidentale. Perché Kiev, Washington, Parigi, Londra o Varsavia non hanno la stessa visione del conflitto.

“L’obiettivo della Russia è continuare a schiacciare le forze ucraine fino a quando il sostegno politico all’Ucraina non svanisce in Occidente”, afferma Colin Clark, direttore della ricerca presso il Soufan Center, un think tank di New York a York.

Tuttavia, Kiev è soggetta a una grande infusione di aiuti militari occidentali, ma né abbastanza velocemente né abbastanza grandi. “Gli ucraini capiscono che l’Occidente non può fornire tutte le armi pesanti di cui hanno bisogno”, ha detto Alexander Greenberg.

READ  Russia-Ucraina: une lueur d'espoir pour una sortie diplomatique de la crisi

E ogni settimana di guerra aumenta la pressione sull’opinione pubblica occidentale, sullo sfondo dell’inflazione e della crisi energetica. “Gli americani possono dire agli ucraini: ‘Non puoi andare avanti'”, ricorda l’israeliano.

aprire trattative

L’avanzata russa non deve far dimenticare il suo costo, in termini di sanzioni, vittime e distruzione di attrezzature. Quindi Putin, secondo gli analisti, ha molteplici ragioni per voler porre fine alla guerra.

A fine giugno il Cremlino ha aperto le porte alla possibilità di negoziati. “Dobbiamo ordinare (…) ai soldati ucraini di deporre le armi e dobbiamo soddisfare tutte le condizioni poste dalla Russia. Dopodiché, tutto sarà finito in un giorno”, ha detto il portavoce di Putin, Dmitry Peskov.

In effetti, l’uomo forte del Cremlino può dichiarare che i suoi obiettivi sono stati raggiunti e giustificare internamente una pausa nella guerra.

“Putin avrebbe dovuto negoziare a un certo punto, e i suoi occhi erano più grandi del suo stomaco”, dice Colin Clark.

Troverà un fronte sconnesso anche all’interno della classe politica ucraina.

Perché anche se Zelensky era incline a rinunciare al Donbass per comprare la pace, la sua destra ei suoi generali “rifiutano qualsiasi compromesso con la Russia”, assicura Pierre Razo. Possono resistere a un conflitto congelato, ma non possono essere sconfitti”.