Maggio 23, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il partito al potere in Croazia vince le elezioni e si prepara a discutere la formazione di un governo

Il partito al potere in Croazia vince le elezioni e si prepara a discutere la formazione di un governo

Il Partito dell'Unione Democratica Croata, che ha dominato a lungo, giovedì si è preparato a duri colloqui per formare una coalizione dopo aver vinto le elezioni parlamentari di mercoledì senza maggioranza e con un partito di estrema destra un potenziale kingmaker.

Secondo gli ultimi risultati preliminari, il partito conservatore e filoeuropeo dell'Unione Democratica Croata ha ottenuto 61 dei 151 seggi nel parlamento dello Stato membro dell'UE, con il 99,79% dei seggi elettorali scrutinati.

La coalizione guidata dal Partito socialdemocratico all'opposizione è arrivata al secondo posto con 42 seggi, un risultato più debole del previsto dopo che il presidente Zoran Milanovic ha improvvisamente annunciato che si sarebbe candidato a primo ministro del Partito socialdemocratico.

L'HDZ è responsabile l'anno scorso dell'ingresso della Croazia nella zona di libera circolazione dell'area Schengen dell'UE e dell'eurozona. Ha confutato le accuse di tirannia e corruzione dell'opposizione dopo il suo dominio sulla politica dopo la dissoluzione della Jugoslavia socialista nel 1991.

Al terzo posto con 14 seggi si è piazzato il movimento di estrema destra “Patria”, che gli conferisce un ruolo decisivo dopo che il Partito dell'Unione Democratica Croata ha deciso di non collaborare con il principale partito d'opposizione, il Partito Socialdemocratico. Il Movimento per la Patria non ha ancora fatto una scelta chiara riguardo al blocco a cui aderire.

“Spero che nei prossimi giorni determineremo il destino della Croazia”, ​​ha detto Ivan Penava, membro del Movimento per la Patria, aggiungendo che il partito si è impegnato a non aderire a nessuno dei blocchi, ma studierà diverse possibili opzioni.

Penava ha sottolineato che la condizione principale del partito è quella di non entrare nel governo in cui sia presente anche il partito della minoranza serba SDSS, e che l'alleanza con il partito Verde Mozimo è una “missione impossibile”.

READ  Dopo un caldo record, l'Alaska affronta un diluvio di ghiaccio

Il primo ministro Andrej Plenković ha invitato tutti i partiti politici non esclusivi alle discussioni sulla formazione del governo e sembra si riferisse al Partito socialdemocratico.

Plenkovic ha affermato che l'HDZ potrebbe garantire la stabilità della Croazia in un contesto geopolitico difficile.

La breve campagna elettorale è stata segnata dalla rivalità tra il signor Plenkovic e il signor Milanovic, le cui differenze riguardano soprattutto il conflitto in Ucraina e le relazioni con l'Unione europea, con il signor Plenkovic a favore degli aiuti all'Ucraina e il signor Milanovic contro.

Altri partiti di opposizione, come Mozimo e Most, che hanno ottenuto rispettivamente 10 e 11 seggi, hanno invitato tutti i partiti a unirsi contro l'HDZ.

Giovedì la maggior parte dei cittadini della capitale Zagabria sembrava delusa dai risultati.

“Mi aspetto che la situazione peggiori, non sarà migliore, questo è certo”, ha detto Liu, un pensionato, aggiungendo che la sua pensione di 400 euro non gli permette di coprire le sue spese di base. “Quelli che dicono di stare bene, frugano nella spazzatura, e sono quelli che hanno votato di più.