Agosto 10, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Una vittima di stupro di 10 anni ha negato l’aborto in Ohio

La ragazza, incinta dopo essere stata violentata, non ha potuto abortire in Ohio che ha deciso di vietare l’aborto.

Tempo di lettura: 2 minuti

Da quando la Corte Suprema degli Stati Uniti ha deciso il 24 giugno di abrogare il diritto all’aborto, ogni stato è ora libero di decidere se consentire o meno l’aborto sul proprio territorio. Sulla scia dell’annuncio della Corte Suprema, il Missouri ratificò immediatamente una legge che vietava l’aborto e presto seguirono altri stati. È il caso dell’Ohio, ad esempio, dove sta circolando sui media statunitensi la storia di una bambina di 10 anni, incinta dopo essere stata violentata.

Alla bambina è stato negato l’aborto nello stato in cui vive (Ohio), perché era incinta di sei settimane e tre giorni quando è andata dal medico e la legge dell’Ohio d’ora in poi vieta qualsiasi interruzione volontaria della gravidanza dopo sei settimane.

Così il medico della ragazza ha contattato un collega nella vicina Indiana, dove l’aborto non è proibito (ancora?). La piccola americana ha dovuto percorrere diverse centinaia di chilometri affinché il dottore potesse interrompere legalmente la sua dolorosa gravidanza.

La storia di questo bambino si è diffusa in tutto il mondo, sconvolgendo molti politici americani. ” Stupro di una bambina di 10 anni. Lo Stato la costringe a rimanere incinta e le chiede di considerarla una ‘opportunità’ […] Questo non è per impostazione predefinita. È successo oggi in Ohio ”, tra gli altri, ha twittato un candidato democratico dell’Ohio.

Sulla CNN, il destino della vittima è stato oggetto di un dibattito con il governatore del South Dakota (dove l’aborto è ora illegale), Kristi Noem, una repubblicana che si oppone all’aborto. Se trovi questa storia tragica, Kristi Noem crede comunque che sarebbe meglio prendersi cura degli stupratori, in modo che questo tipo di situazione non si ripeta. ” Per quanto possiamo parlare di cosa possiamo fare per questa bambina, penso che dobbiamo anche parlare con queste persone malate che stanno facendo questo ai nostri figli. Ha detto prima di aggiungere: Non credo che un’altra tragedia debba continuare in una situazione tragica. E quindi c’è ancora molto da fare per assicurarci di vivere davvero una vita che dice che ogni vita è preziosa, specialmente vite innocenti che sono state distrutte, come questa bambina di 10 anni ».

READ  La Polonia è stata multata di 1 milione di euro al giorno