Maggio 19, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La Francia manipola i prezzi dell’elettricità?

In genere, i prezzi dell’elettricità tendono ad essere simili tra Germania, Francia, Belgio e circa una dozzina di altri paesi che fanno parte della stessa regione elettrica. Ma questa convergenza dei prezzi sarà possibile solo quando le capacità di scambio di elettricità tra i paesi saranno sufficienti.

Stiamo assistendo ad un fenomeno insolito in termini di prezzi dell'elettricità in Belgio, Francia e Germania

Tuttavia, il regolatore federale dell’energia Creg ha osservato che la Francia ha effettuato riduzioni significative della sua capacità di esportazione di elettricità tra il 15 marzo e il 15 aprile. Infatti, durante questo periodo, RTE, il gestore della rete elettrica francese, ha ridotto la sua capacità di esportazione dell'87%.

Tuttavia, l’elevata disponibilità della flotta nucleare francese e l’elevato livello di produzione di energia rinnovabile stanno esercitando pressioni sui prezzi dell’elettricità in Francia. Ma limitando le sue capacità di esportazione, RTE non consente ad altri paesi della stessa regione, compreso il Belgio, di beneficiare di questi prezzi più bassi.

Craig vuole spiegazioni

Giovedì Creg ha contattato formalmente l'autorità di regolamentazione europea ACER e l'autorità di regolamentazione francese CRE per segnalare le sue preoccupazioni. L’autorità di regolamentazione belga richiede che la Francia sia trasparente sui motivi per cui sta limitando le sue capacità di esportazione. Creg richiede inoltre di presentare un piano d'azione per affrontare questa situazione.

La grande domanda è se RTE abbia buone ragioni per limitare le sue capacità di esportazione di elettricità. Secondo Craig, infatti, le regole europee in questo ambito non sono sempre state rispettate. Se è possibile discostarsi da esso, ciò avviene solo in circostanze eccezionali.

READ  Immobiliare: avanza la formula dell'acquisto immediato

Inoltre alcuni osservatori si chiedono se RTE non stia volontariamente limitando le sue capacità di esportazione per abbassare i prezzi dell'elettricità in Francia. Ricordiamo che Parigi, durante la crisi energetica, fu fortemente critica nei confronti del sistema europeo di fissazione dei prezzi dell'energia elettrica. Infatti, grazie alla sua imponente flotta nucleare, la Francia gode di costi di produzione dell’elettricità relativamente competitivi. Ma l'attuale sistema di determinazione dei prezzi dell'elettricità non sempre consente ai francesi di beneficiare di prezzi competitivi per l'energia nucleare consumata.

Perché l’economia europea vacilla? I ventisette capi si appoggiarono ansiosamente accanto al suo letto

È brutto?

I bassi prezzi dell'elettricità costituiscono un vantaggio competitivo per l'industria francese, mentre la competitività europea è minacciata soprattutto dagli alti prezzi dell'energia prevalenti nel Vecchio Continente. Inoltre, il mercato europeo dell’elettricità punta alla convergenza dei prezzi. “La Francia ha potuto beneficiare degli effetti positivi degli scambi elettrici, nel 2021 e nel 2022, quando gran parte della sua flotta nucleare non era disponibile.conferma anche Creg. Questo spirito di solidarietà rimane cruciale, anche quando i mercati sono meno tesi, come lo sono adesso..

Inoltre, questo fenomeno potrebbe continuare nei prossimi mesi, il che costituirà un vero problema.