Dicembre 10, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Un racconto agghiacciante di un ex prigioniero ucraino: “Abbiamo ricevuto scosse elettriche e ci hanno infilato aghi sotto le unghie”

La sua foto ha scioccato il mondo intero quando è stata pubblicata. Mikhailo Dyanov è uno dei combattenti ucraini dello stabilimento Azovstal che sono stati catturati dai russi e infine rilasciati poche settimane fa durante uno scambio di prigionieri. Nelle immagini, possiamo vedere la trasformazione fisica del soldato la cui cattura è stata molto difficile.

Oggi, Mikhailo Dyanov ha dichiarato nel media britannico Sky News. Pensavamo alla morte ogni giorno.inizia fin dall’inizio la persona che fa parte degli “Heroes of Azovstal”, questa centrale mineraria di Mariupol che divenne il centro della resistenza ucraina e che cadde nelle mani dei russi a metà maggio.

Uomo magro – perso 40 chili! – Ritornano soprattutto nelle settimane successive e nei quattro mesi di prigionia nella prigione di Olinevka a Donetsk, sotto il controllo russo. “Il pane che abbiamo preso era volutamente troppo duro. I ragazzi a cui erano stati tagliati i denti non riuscivano a mangiare in tempo. Dopo 30 secondi dovevi fermarti. Poi dovevi subito alzarti e correre. È così che è stato tutto il tempo .”spiega il soldato a Sky News e ai suoi colleghi da ultime notizie Parole ripetute. ‘Trattaci come animali’Aggiunge.

Mikhailo Dyanov afferma che i russi non hanno esitato a ricorrere alla tortura in questa prigione, che equivale a un campo di concentramento. “Siamo stati picchiati con bastoni, fulminati e le guardie ci hanno messo degli aghi sotto le unghie”.lui spiega.

lancio scioccante

Quattro mesi dopo, verso la metà di settembre, Mikhailo Dyanov riuscì finalmente a essere uno dei 205 prigionieri scambiati. Racconta questo momento altrettanto doloroso. “Eravamo completamente spogliati. Abbiamo perquisito i russi. Poi abbiamo dovuto sederci per cinque ore. Abbiamo solo aspettato. Non sapevamo cosa ci sarebbe successo”.dice l’ucraino. “Mi hanno messo del nastro adesivo intorno alla testa e mi hanno perforato le gambe nello stomaco in modo che potessero stringere il nastro, ed è così che ho passato un giorno e mezzo”.

READ  La guerra in Ucraina: 19 persone sono state uccise in un attacco missilistico russo contro un condominio a Kharkiv, secondo Zelensky

Alla fine, dopo 36 ore di viaggio con gli occhi coperti da autobus e aereo, Mikhailo Dyanov è tornato in Ucraina. ‘Tutti sono scioccati’ Il combattente viene catturato di nuovo. “Mi considero una persona mentalmente forte, ma per me molte cose hanno perso il loro valore”.

Ora, Mikhailo Dyanov sta cercando di recuperare il suo peso prima di partire per gli Stati Uniti, dove sarà sottoposto a un intervento chirurgico al braccio.