Marzo 1, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Peugeot 308 Hybrid 180 vs Peugeot e-308: quale scegliere?

Peugeot 308 Hybrid 180 vs Peugeot e-308: quale scegliere?


Non confrontiamo le mele con le pere. Ma dopo aver messo in griglia le due versioni elettrificate della Peugeot 308, è ancora necessaria una valutazione.

Come soluzione transitoria, che combina il meglio di entrambi i mondi, la tecnologia ibrida plug-in ha diversi argomenti da portare sul tavolo. Tuttavia, come tutti i prodotti versatili, dalla cornice per tutte le stagioni alla fotocamera utilizzata per la fotografia, presenta degli svantaggi nelle sue qualità. Soprattutto, in una fase avanzata, i motori perdono la loro forza di fronte alle tecnologie elettriche che si sviluppano molto rapidamente.

Tuttavia, molti produttori ci credono ancora, per offrire una soluzione apparentemente senza restrizioni agli automobilisti che temono le auto 100% elettriche. Tuttavia, l’utilizzo di un’auto ibrida può diventare rapidamente complicato per chi gioca al gioco della ricarica, che è un esercizio più popolare rispetto all’utilizzo di un’auto elettrica. Per la valutazione abbiamo deciso di abbinare la Peugeot 308 Hybrid nella sua versione da 180 CV con la nuova Peugeot e-308.

Leggi anche
TEST – PEUGEOT 308 HYBRID 180: Tutti i consumi misurati nel nostro super test

Presentazione della Peugeot 308 Hybrid e della E-308

Come alcuni altri modelli sul mercato, queste due versioni della compatta francese si basano sulla stessa piattaforma multienergia EMP2 V3. Sebbene già nota per i suoi motori ibridi plug-in da 180 e 225 CV, ha sorpreso adottando la tecnologia elettrica precedentemente riservata all’unità e-CMP, altra piattaforma multipotenza della gamma Stellantis.

Sotto il cofano dell’ibrido c’è un motore a benzina Puretech 1.6 litri da 150 CV/250 Nm accoppiato a un motore elettrico da 110 CV/320 Nm, con la potenza combinata di 180 CV/360 Nm trasmessa attraverso un cambio automatico elettrico. . La serie elettrica è alimentata da una batteria con una capacità totale di 12,4 kWh contro 10 kWh utili. In termini di valori certificati, questo motore promette un’autonomia elettrica fino a 65 km, contro un consumo standard di 1,1 l/100 km.

La Peugeot e-308 utilizza la carrozzeria bianca della versione ibrida, quindi il volume del bagagliaio simile è di 361 litri. Qui c’è un motore dalla potenza massima di 156 CV/270 Nm di coppia, supportato da una batteria dalla capacità totale di 54 kWh, per ben 51 kWh utili. Come la stragrande maggioranza delle auto elettriche, non è dotata di cambio, il che incide su consumi e prestazioni. La compatta è ufficialmente certificata con un’autonomia di 416 km, per un consumo WLTP, con perdite di carica in AC, di 14,9 kWh/100 km.

Aggiornamento sulle versioni beta

Da notare qui che non abbiamo le stesse finiture per questi due modelli, con la versione GT per l’ibrido e la Allure per l’elettrico. Oltre all’equipaggiamento, la differenza più importante sono i pneumatici, con gomma 225/40 R18 per l’ibrido e 215/45 R18 per l’elettrico. Questa differenza ha un impatto sui consumi, ma dovrebbe essere marginale. Tieni però presente che la Peugeot e-308 in finitura GT monta gli stessi pneumatici della versione Allure. L’equipaggiamento aggiuntivo riduce semplicemente l’autonomia a 415 km. Al contrario, il modello ibrido ricaricabile con finitura Allure aumenta a 66 chilometri di autonomia a parità di consumi. Insomma, nulla cambierebbe il nostro bilancio.

READ  La lattina potrebbe presto sparire: qual è la storia di questa star del supermercato?

Peugeot 308 Hybrid 180 vs e-308: tutti i nostri parametri

Offerte

Nonostante la batteria molto più grande, la Peugeot e-308 pesa solo 81 kg in più rispetto alla sua controparte ibrida (1.684 kg contro 1.603 kg). Ma la potenza complessiva molto più bassa, almeno sulla carta, abbassa di due punti il ​​rapporto peso/potenza rispetto all’ibrido. Con la massima potenza in modalità Sport (o Kick), la Peugeot e-308 accelera da 0 a 100 km/h in 8,98 secondi e supera la soglia dei 400 metri in 16,66 secondi. Nelle migliori condizioni (sorprendentemente con la batteria scarica!) la 308 Hybrid impiega rispettivamente 8,17 secondi e 15,99 secondi.

Inizio permanente e performance di rimborso in dinaro kuwaitiano
modello 0-100 chilometri all’ora 80-120 chilometri all’ora 400 m 80-120 miglia orarie KD
Peugeot 308 ibrida 180 8,17 secondi 5,08 secondi 15,99 secondi 6,70 secondi (12,9 secondi EV)
Peugeot E-308 8,98 secondi 5,83 secondi 16,66 secondi 6,30 secondi

Andando da 80 a 120 km/h a velocità costante, abbiamo misurato un tempo di 6,30 secondi in modalità Sport con la batteria elettrica al 50%. In modalità Drive, il cambio automatico lento estende il tempo a 6,70 secondi con il PHEV. Il tempo scende invece a 5,80 secondi se il conducente inserisce manualmente le marce in 3 Velocità. Da notare infine che l’accelerazione da 80 a 120 km/h in modalità EV richiede 12,9 secondi sul modello ibrido, mentre l’EV può comunque effettuare un sorpasso in 9,62 secondi anche con una capacità della batteria del 10%. Se il deficit di potenza è evidente fin dall’inizio, il divario si riduce una volta lanciata l’auto a causa dell’intorpidimento della trasmissione dell’ibrido.

Leggi anche
TEST – Peugeot e-308: consumi e autonomia misurati nel nostro super test

Ricaricare e ricaricare

Prima di entrare nel vivo della questione, passiamo in rassegna anche l’aspetto della ricarica e del rifornimento delle auto. La Peugeot e-308 è dotata di serie di un caricabatterie AC da 11 kW, che consente una ricarica del 20-80% in 3 ore e 10 minuti, mentre per quanto riguarda la ricarica rapida, il picco di 100 kW consente di raggiungere il 10-80% in 28 minuti. . La Peugeot 308 Hybrid vede il suo serbatoio di carburante aumentare fino a 40 litri in totale. La zona rossa parte da 10 litri rimanenti secondo le nostre misurazioni, mentre l’indicatore di autonomia riporta le braccia da 5 litri rimanenti. La batteria può essere rifornita utilizzando un caricabatterie da 3,7 kW (0-100% in 3 ore e 25 minuti) o un caricabatterie opzionale da 7,4 kW per € 400 (1 ora e 40 minuti). Dovrai però aggiungere una prolunga del costo di diverse centinaia di euro per ottenere un cavo di ricarica adeguato. Risparmiare tempo ha un costo elevato. In termini di efficienza, un serbatoio pieno da 7,4 kW rappresenta in media 11,42 kWh. La differenza del 14% rispetto alla capacità utile è logicamente inferiore al 19% con il caricabatterie da 11 kW per la versione elettrica.

Consumo elettrico e autonomia al 100%.

Nel nostro tipico percorso misto abbiamo registrato con la Peugeot e-308 un consumo medio di 15,2 kWh/100 km, che qui si traduce in un’autonomia totale teorica di 336 km. Con un motore elettrico montato sopra il cambio, i consumi della Peugeot 308 Hybrid in modalità elettrica sono maggiori. Alla fine abbiamo osservato una media di 20,5 kWh/100 km sullo stesso percorso, con un’autonomia totale di 48 km, che non ci permette di coprire la metà del nostro percorso tipico. Il divario nei consumi del 34,9% è enorme!

READ  Tasso di risparmio: "Il lavoro del ministro delle Finanze è del tutto insufficiente", lamenta Ikollou
Consumo elettrico e autonomia misti
modello consumo Completa autonomia
Peugeot 308 ibrida 180 20,5 kW/100 km 48 km
Peugeot E-308 15,2 kW/100 km 336 km

Consumo e indipendenza in autostrada

Al termine del nostro tipico viaggio in autostrada di 500 km tra Lione e Parigi, abbiamo tagliato il traguardo con una media di 19,6 kWh/100 km a bordo della e-308. Registrati sul nostro database dei Supertest Elettrici. Ma questo si traduce in un’autonomia media di 260 chilometri con un pieno, ovvero 180 chilometri tra due rifornimenti. Con la Peugeot 308 Hybrid le strategie sono due: partire con la batteria scarica, aumentando i consumi, oppure con la batteria carica che si scaricherà man mano che il viaggio procede. Quest’ultimo è quello che è stato mantenuto. Tuttavia, a causa della configurazione del sistema, la carica elettrica è stata consumata rapidamente durante il sorpasso di Lione a bassa velocità, mentre il contributo dell’ibridazione è marginale ad alta velocità. Alla fine abbiamo osservato una media di 6,1 l/100 km.

Leggi anche
Ford Kuga Hybrid Flexifuel E85 vs Ford Kuga Hybrid Plug-In: la partita dei consumi

Tempo di percorrenza 500 km: l’ibrido è molto più veloce

Grazie alla sua autonomia, la Peugeot e-308 può effettuare questo viaggio con due soste per il rifornimento. Siamo rimasti fermi davanti alle stazioni per 45 minuti, portando i tempi totali di uscita (4 minuti per stazione) e di viaggio tipico a 5:13 ore, e con la versione ibrida siamo riusciti ad attraversare e raggiungere la linea prima della linea rossa zona dell’indicatore del serbatoio. Tempo di percorrenza senza soste, quindi: 4 ore e 20 minuti, ma segnaliamo qui che se si lascia l’auto con la batteria scarica, abbiamo calcolato, in direzione nord-sud, un consumo medio di 7,1 l/100 km, con necessità di sosta alla pompa. Durante il volo appena si accende la luce di retromarcia, circa 420 km. In breve, questa strategia allunga il tempo di volo di circa dieci minuti aumentando il budget.

Il tempo di percorrenza è di 500 km in autostrada
modello Rotolamento Rifornimento il totale
Peugeot 308 ibrida 180 4 ore 20 4 ore 20
Peugeot E-308 4 ore 20 53 minuti. 5 ore 13

Costo di utilizzo: Utilizzo dell’energia elettrica

Questo è proprio l’aspetto più complesso perché dipende da tanti parametri. Da un lato, il costo unitario varia a seconda delle stazioni e dei giorni relativi alla benzina. Inoltre, a seconda del tipo di ricarica (AC o DC), le quantità variano a causa delle perdite generate dal caricabatterie AC di bordo. Ricordiamo quindi che considereremo prezzi di 0,2276 €/kWh per la casa, 0,49 €/kWh per gli impianti pubblici, 0,59 €/kWh per gli impianti rapidi in autostrada e 1,954 €/L della SP95-E10 in qualsiasi momento. Prezzi medi, che soprattutto permettono di fare confronti su basi omogenee.

READ  Le nostre prime impressioni sul nuovo SUV elettrico giapponese

Leggi anche
Elettrica o ibrida: di quale auto hai bisogno?

In poche parole, la Peugeot e-308 ha un costo teorico per uso misto di 4,10 € per 100 km con ricarica a casa, o 8,90 € per 100 km con ricarica presso stazioni pubbliche. Con consumi più elevati in modalità EV, la 308 Hybrid costa rispettivamente 5,40 € e 11,70 €/100 km. Nell’uso ibrido, tenendo conto della carica elettrica consumata, il costo teorico è compreso tra 8,0 e 10,5 euro/100 km a seconda della fonte di ricarica utilizzata. Con la batteria scarica l’auto costa 12,10 euro ogni 100 km di benzina. In autostrada, il costo totale della Peugeot e-308 è di 9,90 euro per 100 chilometri con il pieno finale effettuato a casa, oppure di 12,80 euro per 100 chilometri con ricariche effettuate esclusivamente presso le stazioni espresse. Nel caso di un’ibrida, con la batteria inizialmente caricata e ricaricata a casa, ciò corrisponde alla fine a un importo di 12,50 euro per 100 km. Se si utilizza la batteria scarica il prezzo sale a 13,90 euro per 100 chilometri.

Nell’uso misto in modalità EV notiamo poi una differenza del 31% rispetto alla modalità di ricarica equivalente. Inoltre, la Peugeot e-308 presenta un costo di utilizzo diretto nello scenario peggiore (ricarica DC costosa) molto vicino a quello della Peugeot 308 Hybrid con le modalità di guida e ricarica più comode.

Peugeot 308 Hybrid 180 vs E-308: risultati

Con tecnologie molto diverse, queste due versioni della Peugeot 308 non possono essere confrontate direttamente. Ma il dubbio può sorgere al momento della scelta nel catalogo del costruttore: la Peugeot e-308 parte da 43.900 euro (bonus esclusi) con la finitura Allure, e richiede 380 euro in più rispetto all’equivalente Hybrid 180 (43.520 euro). Una differenza che diventa inesistente se si esamina il caricabatterie opzionale da 7,4 kW a 400 euro, e chiaramente non a favore dell’ibrido se si toglie il bonus elettrico. Nella versione GT, l’e-308 costa circa 70 euro in meno!

Se il motore ibrido permette già di effettuare viaggi lunghi più velocemente (l’auto non ha bisogno di fermarsi, e ogni guidatore è libero di tener conto delle raccomandazioni di sicurezza stradale o della carrozzeria), le sue prestazioni non aumentano il divario rispetto ad un motore meno potente auto elettrica. Soprattutto, i costi diretti di produzione di un’auto ibrida sono più elevati. Qui mettiamo da parte i costi di manutenzione termomeccanica che logicamente aumenterebbero il bilancio a lungo termine. Per abbassare il punteggio dovrai quindi giocare seriamente al gioco della ricarica: dovrai guidare l’82% del tempo con energia elettrica per raggiungere il consumo medio WLTP. È chiaro che l’auto che ha voluto liberare il suo proprietario dai vincoli della ricarica lo collega di più ai terminali! Il vantaggio della Peugeot e-308, anche se potenzialmente migliorato rispetto ai concorrenti sviluppati su piattaforme vere e proprie elettriche, è innegabile.