Marzo 3, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Le aziende belghe testeranno la settimana di quattro giorni, senza perdere gli stipendi dei dipendenti

Le aziende belghe testeranno la settimana di quattro giorni, senza perdere gli stipendi dei dipendenti

Lo scorso settembre, il ministro dell’Economia e del Lavoro Pierre-Yves Dermany (PS) ha annunciato la sua intenzione di lanciare un esperimento pilota di riduzione collettiva dell’orario di lavoro (RCTT), rivolto alle imprese.

Giovedì è stato compiuto il primo passo di questo progetto: le aziende interessate a questo approccio sono state invitate a partecipare a un webinar organizzato dall’Ufficio federale di pianificazione. L’organizzazione, in collaborazione con l’Università di Ghent (UGhent), è responsabile dell’attuazione di questo studio e del sostegno alle aziende che adotteranno una settimana lavorativa di quattro giorni senza perdita di salario, per un periodo di sei mesi.

Siamo d’accordo: per i dipendenti, si tratta davvero di lavorare meno giorni, pur continuando a essere pagati. Questo progetto va quindi oltre quanto deciso dal governo federale nell’ambito del Labour Deal, ovvero una settimana più breve, ma con un orario di lavoro settimanale simile, con il lavoro svolto su quattro giorni invece di cinque.

Quindi la filosofia di questo esperimento sperimentale è completamente diversa: “L’idea non è quella di introdurre una settimana molto compressa di quattro giorni, ma di ridurre l’orario di lavoro”.conferma Maritza Lopez Novella, esperta del mercato del lavoro presso l’Ufficio federale di pianificazione, che coordina questo studio.

Trai ispirazione da altre esperienze

Il Belgio non è leader in questo campo e può trarre ispirazione dai suoi vicini. “Le sperimentazioni sono state condotte in Irlanda, Portogallo e Spagna. Nel Regno Unito, ad esempio, 61 aziende hanno partecipato a un progetto pilota di una settimana di quattro giorni con orario di lavoro ridotto.”Con buoni risultati, alla fine dello studio 56 aziende inglesi hanno voluto continuare con questo sistema.

READ  La guerra in Ucraina: carri armati gonfiabili sono usati al fronte per ingannare il nemico

“Tradizionalmente, erano le organizzazioni di difesa dei lavoratori a richiedere questo sistema di lavoro. Ma oggi vediamo che è importante anche per i datori di lavoro, soprattutto dopo lo scoppio della pandemia.”.

Una certa flessibilità di approccio

Concretamente, l’obiettivo non è imporre un unico modello di riduzione massiva dell’orario di lavoro alle aziende che vogliono lanciarsi nell’avventura.

Al contrario, l’esperienza fornisce una certa flessibilità: “In alcuni casi, possiamo scegliere un giorno di riposo fisso per tutti i dipendenti. Ma queste ferie possono anche essere variabili. L’esperienza può valere anche per l’intera azienda, o per alcuni reparti specifici. Ciò che conta è che la riduzione dell’orario di lavoro sia abbastanza significativo da “Possiamo misurarne gli effetti”. Sviluppato da Maritza Lopez Novella.

L’esperto sottolinea inoltre che questo sistema di lavoro esiste già nella nostra legislazione e dà ai datori di lavoro il diritto di ridurre i contributi.

“Le imprese potranno beneficiarne a partire dal trimestre successivo alla decisione di ridurre l’orario di lavoro. Ciò significa che i partecipanti allo studio potranno beneficiarne, ma solo a partire dal secondo trimestre. Facciamo un esempio di importi: una settimana di quattro giorni con un RCTT di 35 ore, o anche meno, “ti dà diritto a una tariffa fissa di 1.000 euro per trimestre e per lavoratore, per un anno. Poi la tariffa fissa sale a 400 euro. Queste misure sono quindi interessanti per perpetuare questo sistema .”

Ma alla fine, perché le aziende adottano questo approccio? Non c’è dubbio che i progetti avviati all’estero abbiano portato a risultati rilevanti, in termini di motivazione dei dipendenti, attrattività delle imprese o risposta alla diffusione delle malattie professionali.

READ  Barometro Immoweb, prezzi stagnanti nel 2023: “Vediamo un forte rallentamento”; Scopri il prezzo al metro quadro nel tuo comune

L’ufficio di pianificazione e il team di UGHent avranno il compito meticoloso di tastare il polso di alcuni indicatori (benessere sul lavoro, performance aziendale, ecc.) per informare in modo oggettivo l’interesse di tale sistema.

A Pertanto è stato lanciato il bando di concorsoL’idea è di avviare questo progetto sul campo nel 2024: “Le aziende hanno la possibilità di candidarsi adesso. Organizzeremo anche altre sessioni informative per costruire il nostro campionedice l’esperto. Attualmente solo poche aziende si sono annunciate. Ma abbiamo appena lanciato la campagna e speriamo di formare un grande comitato”.

Questo contenuto non è disponibile in questa configurazione.
Scoprire ecco.

Le aziende e le organizzazioni interessate possono ottenere dettagli sul progetto pilota sul sito web dedicato: www.4dayweek.be