Marzo 1, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Smettere di volare? “Non posso immaginare che i nostri figli non avranno più l’opportunità di scoprire il mondo”.

Smettere di volare?  “Non posso immaginare che i nostri figli non avranno più l’opportunità di scoprire il mondo”.

Nell’aviazione siamo all’alba di una rivoluzione. Il settore si è impegnato a raggiungere la neutralità delle emissioni di carbonio entro il 2050 e, a breve termine, a sviluppare velivoli a basse emissioni di carbonio entro il 2035. Si tratta di obiettivi molto ambiziosi. Ma non ci arriveremo da soli: abbiamo bisogno del sostegno delle autorità pubbliche per poter affrontare questa sfida. È fondamentale sviluppare questi aerei a basse e zero emissioni di carbonio in Europa piuttosto che consentire a paesi a basso costo come India e Cina di continuare a produrre aerei ad alta intensità energetica che emetteranno CO2 nei prossimi decenni. Le autorità valloni e belghe dovrebbero aiutarci in questo progetto, che eviterà anche che i nostri posti di lavoro industriali vadano in altri paesi.

Secondo te l’aereo del futuro sarà elettrico o a idrogeno?

Sì, queste rimangono le due tecnologie chiave per raggiungere zero emissioni di carbonio. Ma ci vorrà del tempo prima che l’intera flotta aerea venga modificata. I combustibili alternativi sostenibili (SAF) sono la soluzione che colma il divario tra gli aerei di oggi e gli aerei elettrici e alimentati a idrogeno del futuro.

Nawras

“Aerei 100% carbon neutral? No. Non saremo in grado di entrare in questa cerchia ristretta e chiusa di grandi produttori.”

Chiedete concretamente aiuti alle autorità vallone, belghe o addirittura europee?

L’aviazione è un settore privato. L’aereo è come un’infrastruttura di trasporto. Oggi lo Stato finanzia strade, ferrovie, porti, aeroporti, ecc. In ogni Paese del mondo esiste uno sviluppo congiunto tra un attore industriale e un attore pubblico. Il costo per lo sviluppo dell’aereo è così elevato che non può essere sostenuto solo dal settore privato. Questo è il caso da decenni nei paesi di tutto il mondo. Chiediamo quindi di mantenere il sostegno delle autorità pubbliche che abbiamo ricevuto negli ultimi decenni. Non vogliamo necessariamente più risorse, vogliamo renderle più efficaci ed efficienti.

READ  Zero Motorcycles estende gratuitamente la garanzia delle sue moto elettriche a 5 anni

“Il Belgio dovrebbe investire 800 milioni di euro nei futuri aerei da caccia europei”.

Che cosa vuoi dire con questo ?

Nella Regione Vallonia chiediamo la creazione di un centro di ricerca dedicato all’aviazione. Attualmente c’è dispersione, con centri sparsi a destra e a sinistra. Abbiamo però leader mondiali nelle tecnologie altamente avanzate, con una rete di PMI molto attive. Ma ci manca questo polo di ricerca che possa riunire le imprese e tutti i centri di ricerca e le università esistenti. L’industria aeronautica rappresenta 12.000 posti di lavoro nella regione Vallonia.

Con tutte queste competenze, pensi di poter sviluppare un aereo a zero emissioni di carbonio al 100%?

NO. Devi rimanere umile. I principali produttori di aeromobili sono Airbus, Boeing, Embraer, Bombardier e Gulfstream. Non potremo entrare in questo piccolo circolo chiuso. Ma in Vallonia disponiamo di competenze molto specializzate che già servono tutti questi clienti. Credo quindi nel contributo forte e innovativo di questa industria vallone a questo aereo a zero emissioni di carbonio.

Nawras

“Non posso immaginare che i nostri figli o nipoti non avranno più l’opportunità di scoprire il mondo.”

Lei dice che sarebbe ingiusto dire alle nuove generazioni che hanno il diritto di prendere l’aereo solo una volta nella vita. Dovremmo giungere a questa conclusione se l’aereo del futuro dovesse fallire?

È un dato di fatto che gli aerei di oggi sono una fonte di inquinamento. Dobbiamo assumerci le nostre responsabilità. Alcuni comportamenti non sono appropriati, come prendere un aereo quando potresti prendere un treno. Dobbiamo creare sanzioni o incentivi per incoraggiare questo buon comportamento, fornendo al contempo risorse per un’aviazione sostenibile. Oggi tutta una serie di tasse non è in linea con le esigenze ambientali. Alcuni viaggi possono essere effettuati anche solo in aereo. Fin dalla notte dei tempi, il bisogno fondamentale dell’essere umano è stato quello di incontrare gli altri, di scoprire il mondo e le altre culture. Questa esigenza diventa più urgente con questa tendenza all’autoisolamento e con l’aumento dell’estremismo. Le persone che sostengono che l’aviazione dovrebbe essere fermata stanno combattendo la battaglia sbagliata. Dobbiamo renderlo sostenibile e preservare questa capacità delle nuove generazioni di aprirsi agli altri in modo responsabile dal punto di vista ambientale. Non posso immaginare che i nostri figli o nipoti non avranno più l’opportunità di scoprire il mondo.

READ  Colruyt, Delhaize, Intermarché: come sono progettati i supermercati per incoraggiarci a consumare?

“Il Belgio è stato completamente ingannato nell’acquisto dell’aereo da caccia americano F-35”.

Siete in grado di attrarre queste nuove generazioni nelle compagnie aeree?

L’“Aircraft bashing” (movimento antiaereo, ndr) non ci aiuta molto e vorremmo che il governo della Vallonia avesse una comunicazione positiva su queste professioni per gli aerei del futuro, per aumentare la formazione e renderle più attraenti. Attualmente al Forum sono disponibili 3.200 posti di lavoro nel settore dell’aviazione e dobbiamo assumere dal nord della Francia.

Nawras

“Vorremmo che il governo vallone avesse una comunicazione positiva su queste professioni nei futuri aerei, per aumentare la formazione e renderli più attraenti”.

Avete richieste anche a livello federale ed europeo. quali sono ?

È necessario mantenere l’esenzione fiscale per i ricercatori. Il Belgio è una terra di innovazione e deve mantenere questo status. Tanto più importante è che i due aerei più venduti al mondo, l’Airbus A320 e il Boeing 737, saranno presto completamente rinnovati con sviluppi previsti a partire dal 2025. Le aziende valloni dovrebbero essere in grado di integrare la costruzione di questa nuova generazione di aerei. A livello europeo vogliamo essere nella classificazione verde (che classifica le attività economiche che hanno un impatto positivo sull’ambiente, ndr) dalla quale sono escluse tutte le attività aeronautiche. Anche quando vogliamo sviluppare un aereo elettrico, non ci adattiamo a questo sistema. È una deviazione.