Febbraio 23, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Per tornare alla grande, Rafael Nadal non dovrà essere completamente se stesso

Per tornare alla grande, Rafael Nadal non dovrà essere completamente se stesso

È il ritorno che tutti aspettavano. Sul pianeta tennis, ma non solo. Rafael Nadal tornerà in campo nei prossimi giorni durante il torneo ATP 250 di Brisbane. È passato quasi un anno dall'ultima volta che abbiamo visto l'ex numero 1 in lizza a causa di un infortunio all'anca. Immortalità per il piccolo amante della palla gialla. Ovviamente, se le aspettative sono alte e un po' di entusiasmo accende la pista, non mancheranno anche i dubbi. E domande. Delle sue ambizioni e del suo livello, ma anche, e forse soprattutto, della sua capacità di reggere il ritmo della competizione.

Questo è il tallone d'Achille della sua carriera. Tenendosi a un ritmo infernale sia in allenamento che in partita, Rafa ha visto regolarmente il suo corpo cedere e fermarlo nella sua ricerca di record, mentre ha dovuto ritirarsi per 14 tornei del Grande Slam dall'inizio della sua carriera, senza contare. Abbandoni o ritiri durante i tornei. Già nel dicembre 2013 aveva ammesso che “Il suo corpo non gli permetteva più di impazzireInevitabilmente, con il passare degli anni, questa osservazione si è rafforzata.

Un'incertezza è come reagirà il suo corpo

Nel 2022, l'uomo da 22 titoli del Grande Slam ha già dovuto usare i freni in più occasioni a causa dei suoi piedi, delle costole e poi degli addominali. Nel 2023, è stata la sua anca a costringerlo a trascorrere un anno lontano dai campi. A 37 anni, e pur credendo che il 2024 dovrebbe essere il suo “ultimo anno” in pista, il re del Roland Garros dovrà trovare il giusto equilibrio per essere competitivo prendendosi cura di se stesso. E non esagerare ancora, il che significa chiedergli di lottare contro la sua natura più profonda. Il che ti fa chiedere come farà ad arrivare lì.

READ  Il Manchester City ha giocato contro l'Atletico (0-0)

La capacità del suo corpo di riprodurre gli sforzi passati senza arrendersi di nuovo rimane la principale zona grigia del suo ritorno. “Una cosa che è incerta è come reagirà il suo corpo, non solo all’infortunio subito, ma anche alle potenziali difficoltà che potrebbe affrontare in un dato momento.“, ci racconta l’ex numero due del mondo Alex Corretja, ora consulente di Eurosport.Questo è l'unico dubbio che ho, perché Rafa è così bravo che quando torna vince subito tante partite.“.

Rafael Nadal

Credito: Getty Images

Moya: “La mia paura più grande è la sequenza delle partite”

È noto che gli allenamenti non sostituiranno mai le partite, perché l’intensità è sempre più alta, i ritmi più sostenuti e le restrizioni più severe. Anche l'allenatore del Maiorca Carlos Moya ha espresso le sue preoccupazioni sulla questione a metà dicembre. “La mia più grande paura è la sequenza delle partite, Lo ha rivelato l'allenatore spagnolo in un'intervista al sito della Professional Tennis Players Association. Rafa passerà dagli allenamenti, che stanno andando molto bene, alle gare. È impossibile avere le stesse condizioni in allenamento e in partita. Giocare il miglior match da cinque set, vincere, riposarsi, tornare in campo due giorni dopo… Questo è il dubbio che ho in questo momento, soprattutto in uno Slam.“.

Corretja: “Decidi a che punto, dovrà dire a se stesso: 'Va bene, ho già giocato tre partite, basta.'”

Tornando al 670esimo posto, Rafael Nadal, che non è noto per prendere le cose con calma, dovrà riuscire a cambiare un po' il suo programma per raggiungere i suoi obiettivi quest'anno. “Dovrà controllare molto bene il suo allenamento e le sue partite ufficiali. Dovrà decidere a che punto e dovrà dire a se stesso: ok, ho già giocato tre partite e questo basta”. E forse lo farà. Dovrà poi dirsi: “Il torneo è finito” per preservarsi. In questo modo, quando arriverà il suo momento perfetto della stagione e i suoi obiettivi saranno in vista, potrà dare il meglio di sé. “Penso che sia la chiave”, ha detto Alex Corretja.

Il successo del nuovo ritorno di “Bull of Manakor” ha certamente questo merito. Dovrà gestire i suoi sforzi e i suoi obiettivi affinché durino per raggiungere veramente il suo obiettivo finale. Anche a costo di saltare certi incontri per ascoltare Alex Corretja. All'inizio dello scorso dicembre, dopo aver annunciato il suo ritorno, Nadal sembrava già muoversi in questa direzione. “Mi aspetto di non aspettarmi nulla di particolare. È la verità. Avere la capacità di non pretendere più da me stesso ciò che ho preteso da me stesso durante la mia carriera“, ha lanciato il Maiorca. Il passaggio dalle parole ai fatti resta. E non è sempre il più semplice per un campione del calibro di Nadal, noto per le sue straordinarie esigenze e il senso della battaglia finale.