Febbraio 23, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

PEB Forest in Belgio: scadenze di mancato pagamento per i proprietari

PEB Forest in Belgio: scadenze di mancato pagamento per i proprietari

Una struttura simile a tutti gli effetti, sia essa situata nelle Fiandre, a Bruxelles o in Vallonia, non otterrà la stessa certificazione PEB. “Questo è uno dei grandi problemi del sistema in Belgio, sottolinea Olivier Hamal, presidente della Federazione nazionale dei proprietari e comproprietari. Notiamo che il metodo di calcolo del PEB varia da una regione all’altra. Peggio ancora, a seconda degli enti certificatori, può anche essere diverso. Possiamo avere anche PEB diversi da un lato o dall’altro della strada, a seconda che l’edificio sia situato in una zona o nell’altra. “Questo è chiaramente assurdo.”

Ma in realtà ciò ha gravi conseguenze per i proprietari o per i potenziali acquirenti. “È stato elaborato un calendario, che varia anche a seconda delle regioni (anche se non è stato ancora votato in Vallonia e Bruxelles) per evitare che acquirenti e proprietari che vogliono affittare un immobile raggiungano un certo livello di PEB su diversi livelli. scadenze. Questi calendari hanno origine da direttive europee quindi non ci sentiamo a nostro agio nel dire se questa sia una cosa positiva o meno. Ma il problema più grande è che questi calendari sono stati creati da teorici concentrati sul mercato degli affitti. Tuttavia, se prendiamo il caso della Vallonia, su circa 1.678.583 unità abitative, 1.124.650 sono occupate dai proprietari. Per il 2028 in Vallonia e il 2031 a Bruxelles, tutte le residenze dovranno avere un PEB, di cui i proprietari non sono ancora a conoscenza. In mancanza del certificato PEB il proprietario è passibile di una multa di 1.000 euro. Inoltre, se questi proprietari non porteranno avanti il ​​rinnovamento energetico, sarà difficile raggiungere gli obiettivi previsti per il 2050.

READ  Perché dipendenti e sindacati Delhaize rischiano di perdere la guerra

Brico ti propone il tuo certificato PEB a 250€: ecco come procedere

A seconda della regione, il livello di PEB da raggiungere e la scadenza per raggiungerlo variano. Ma sarà un obbligo per ogni nuovo proprietario e acquirente e per ogni proprietario che affitta o riaffitta una proprietà. “Il problema è che il lavoro da fare per raggiungere gli obiettivi fissati nei vari calendari regionali è costoso. La maggior parte dei proprietari semplicemente non può permetterselo. Le autorità pubbliche promettono aiuti, sussidi o ricompense, ma quando vediamo che i budget attuali sono già esauriti, le ambizioni sembrano impossibili da realizzare. Si stima che per ristrutturare una casa siano necessari dai 20.000 ai 30.000 euro. È chiaro che i proprietari non hanno i mezzi e nemmeno le autorità pubbliche riusciranno a tenere il passo.

La giungla di PEB ©IPM Graphics

Per Olivier Hamal sarà necessario rivedere la versione graduale dei label PEB da realizzare e prevedere delle eccezioni. “Un grosso problema è la convinzione che il proprietario abbia sempre la possibilità di eseguire il lavoro. Può essere vero, purché ne abbia le capacità: se possiede una casa e decide di cambiare le gomme, di isolare il tetto o le pareti, allora è libero di farlo. In un condominio, invece, è completamente diverso. Per migliorare la prestazione energetica del proprio appartamento, il proprietario dovrà generalmente avviare dei lavori che interessino le parti comuni come la facciata, la caldaia o il tetto, e dovrà quindi ottenere il consenso della comproprietà. Se alcuni oppositori non voteranno a favore dell’azione, verranno puniti nonostante la loro intenzione di rendere il loro appartamento meno dispendioso in termini energetici. In Francia è stato preso in considerazione questo tipo di eccezione ed è necessario fare lo stesso in Belgio.

READ  Elon Musk annuncia un abbonamento da $ 8 al mese per sostenere il suo account Twitter

Immobiliare: Tre quarti delle case in vendita in Vallonia sono mulini energetici

Queste diverse tempistiche e impegni per raggiungere un certo livello di PEB possono avere un impatto anche sui prezzi degli immobili perché l’acquirente designato non avrà necessariamente i mezzi per eseguire i lavori e vorrà quindi ridurre il prezzo dell’immobile. Il suo bilancio generale. Senza contare che, alla luce delle normative regionali, raggiungere il PEB raccomandato non è sempre facile, e nemmeno possibile. “Questa è anche la completa perversione della certificazione così com’è attualmente. Tiene conto solo del consumo teorico e non del consumo reale. Il divario tra i due a volte è enorme. Personalmente ho fatto un audit a casa mia quando volevamo cambiare le gomme L’auditor era molto turbato perché secondo… Per il PEB avrei dovuto consumare 25.000 litri di olio combustibile all’anno, mentre ne consumo solo 5.000!

Per Olivier Hamal è necessario riconsiderare i criteri che permettono di creare un Consiglio di pianificazione economica e armonizzarli tra le regioni. “Ad esempio, non è normale che una casa con riscaldamento elettrico sia PEB G per tutta la vita. Quale segnale vogliono inviare le autorità quando sostengono le auto elettriche? C’è una differenza logica che ci sfugge. Anche in questo caso la Francia è un passo avanti rispetto al Belgio ed è arretrata. Proprio come negli immobili con un PEB “cattivo” che non possono essere (ri)affittati. Ciò escluderebbe centinaia di migliaia di case dal ring. Un passo che potrebbe essere ben lungi dal risolvere la crisi immobiliare.