Febbraio 28, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La “partenza” dei baby boomer potrebbe abbassare temporaneamente i prezzi degli immobili

La “partenza” dei baby boomer potrebbe abbassare temporaneamente i prezzi degli immobili

in questa occasione, gratuito Interrogateli.

“Come economista bancario, devi essere un po’ ottimista, giusto? È meglio per gli affari. C’è un bias cognitivo nella tua analisi?”Glielo chiediamo un po’ provocatoriamente.

C’è sempre un pregiudizio ottimista. Quinn è un economista e io sono un consulente aziendale. Il nostro obiettivo è la “superiorità comparativa”. Ci sono opportunità durante le crisi, e raggiungere il -10% quando tutti gli altri fanno il -20% può essere “ottimistico” in questo senso. Ma ovviamente, se sono ottimista sul lungo termine, devo dire che sarà più difficile nel breve termine. “Devi adattarti.”afferma Philipp Jessels, Chief Strategy Officer di BNP Paribas Fortis, che per primo ha intrapreso questo rigoroso esercizio di riflessione.

Per me, che tu sia ottimista o no, la cosa migliore da fare è essere realista. Il clima è una sfida enorme. Quindi ci muoveremo verso un’ondata di consolidamento. Penso che tutti vedano queste tendenze, ma le persone sono stanche del Covid e delle guerre e non si prendono più il tempo per guardare al futuro. Questo è ciò che vogliamo aiutare a fare. Siamo ottimisti ma molto realisti“, annuncia Quinn De Leo.

Trasformazione delle certezze

Stiamo vivendo un momento cruciale e sempre più instabile. Non tutti i fatti sono più necessariamente veri. Ci sono molte cose che cambiano. Bisognerà vedere se questo diventerà strutturale. Mi sarebbe piaciuto fare Le Dieci Direzioni, ma lì era la mia relazione che non sarebbe durata“Quinn De Leo ha scherzato ancora.

“Vogliamo tutti smartphone e auto elettriche, ma nessuno vuole le miniere di litio. Questa è ipocrisia.”

READ  La Francia ha appena inflitto a Rolex una multa di 91 milioni di euro. Sì, gli orologi dell'azienda dovrebbero essere costosi, ma non lo sono

“Crediamo che con la globalizzazione multipla, la transizione climatica, l’invecchiamento della popolazione e il debito, l’inflazione sarà strutturalmente più elevata e dovrebbe raggiungere in futuro circa il 3% in tempi “normali”, anche se crediamo anche che la produttività effettivamente aumenterà in futuro.Lui continuò. Per lui i tassi di interesse negativi sono finiti, e per molto tempo.

Nawras

Ma dobbiamo avere il coraggio di dirlo: abbiamo troppe aziende morte per incidere sulla produttività complessiva. Questo farà una sorta di pulizia.

“Ripagare il debito diventerà più difficile. Non andiamo verso il disastro, ma dovremo controllarlo più rigorosamente”Lui continua, anche se difende il fatto che si continuino gli investimenti in alcuni settori, pubblici e privati, compreso il rinnovamento energetico o negli strumenti di produzione.

Dovrà essere fatto. Dovranno farlo i paesi e anche le aziende. Probabilmente ci saranno più fallimenti. Ma dobbiamo avere il coraggio di dirlo: abbiamo troppe aziende morte per incidere sulla produttività complessiva. Ci sarà una sorta di purificazione. Perché alcune aziende sopravvivono solo grazie agli attuali tassi bassi“Quinn De Leeuw ammette, in modo un po’ sarcastico.

Schumpeter (L’economista dietro la teoria della distruzione creativa, ndr) Si addormentò ma tornò. Si prevede un’ondata di default. Quindi, dovremmo cadere in una qualche forma di recessione nel breve termine, ma in seguito la situazione migliorerà. Sarà però necessario destinare risorse e manodopera a progetti redditizi e che abbiano un futuro“, ha continuato Philip Gijsels.

Il mondo deve cercare questo nuovo equilibrio e lo troverà. Spero che l’innovazione ci aiuti. Abbiamo bisogno di meno profeti pessimisti, ma di maghi più sperimentali, di persone che trovano soluzioni, ad esempio nel campo dell’energia. Dobbiamo anche evitare di sottovalutare troppo il benessere della popolazione, altrimenti si alimenterà il populismo. Ho speranza per i Millennials e la Generazione Z. Ma vedremo se questa innovazione sarà sufficientemente deflazionistica.ha spiegato Quinn De Leeuw.

Nawras

“Dobbiamo evitare di sottovalutare troppo il benessere della popolazione, altrimenti si alimenterà il populismo”.

Per Philipp Gijsels, l’EROI, il ritorno energetico sull’investimento, ha attraversato diverse fasi. da “EROI di 5 Nell’antichità si arrivava a 15 Eroi con il carbone, 30 con il petrolio e 50 con il nucleare. Tutto è legato all’energia. Dobbiamo vedere come possiamo mantenere questo elevato ritorno sull’investimento utilizzando l’energia rinnovabile, in modo da non sottovalutare la dimensione della torta che verrà divisa tra tutti.“, lui spiega.

READ  Gaz russe : pourquoi l'Europe est piégée

Un discorso che ricorda quello dell’ingegnere e consulente energetico Jean-Marc Jancovici.

Le conclusioni a cui giunge sono più negative e più pessimistiche. “Credo che possiamo farcela, ma dobbiamo essere realistici”.“, risponde Philip Gijsels.

Penso che la guerra in Ucraina e la crisi del gas ci abbiano portato 10 anni contemporaneamente. Ma dobbiamo andare avanti. Dobbiamo introdurre una tassa sul carbonio, e non solo sulle aziende, entro dieci anni. I più ricchi dovranno pagare di più“, continua Koen de Leeuw, che stima che il costo potrebbe ammontare in media a circa 2.000 euro all’anno per famiglia.

E gli immobili in Belgio? Verso prezzi stagnanti?

Gli economisti sono piuttosto ottimisti per il Belgio. “I prezzi sono aumentati perché i tassi di interesse sono diminuiti drasticamente, è vero, e dovresti soffrire un po’ perché i tassi di interesse stanno aumentando. Ma in Francia e Olanda ci sono prezzi pazzeschi e qui non è ancora arrivato. Nonostante il recente aumento, i prezzi in Belgio rimangono bassi e il rischio di un calo è minore.spiega Quinn De Leeuw.

Nawras

“Questi sono gli stessi baby boomer che vogliono evitare l’immigrazione, anche se sono loro che ne hanno bisogno”.

“Il settore immobiliare stabilizza il portafoglio“Aggiunge. Tuttavia, stima che nei prossimi decenni l’ondata di morti tra i baby boomer dovrebbe avere un impatto minimo sui prezzi aumentando l’offerta di alloggi disponibili”.La partenza di questi baby boomer potrebbe abbassare temporaneamente i prezzi degli immobili.. Da ogni crisi nasce un’opportunità.

“Questi sono gli stessi baby boomer che vogliono evitare la migrazione, anche se sono loro che ne hanno bisogno, sia per mantenere e ristrutturare alloggi, curare o sostenere le persone. Una popolazione che invecchia significa che abbiamo bisogno di lavoratori. Non saremo in grado di alzare muri ovunque”. Dobbiamo stipulare accordi con alcuni paesi e praticare un’immigrazione controllata“, precisa.

READ  RTL 5minuti - Explosion du prix du diesel: "La folie station" dans les-service du Luxembourg