Febbraio 8, 2023

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il repubblicano George Santos è anche il “sogno americano” a dire il vero

Da lunedì il neoeletto Jorge Santos è al centro di una massiccia controversia politica negli Stati Uniti. Il repubblicano mentirebbe su tutto il suo curriculum, arrivando al punto di inventare antenati fuggiti dal nazismo durante la seconda guerra mondiale. Una possibile ragnatela di bugie non gli ha però impedito di sedere al Congresso.

chi è lui ? Da dove viene ? cosa sta facendo ? Le domande su Jorge Santos si accumulano da decenni. Rivelazioni scioccanti dal New York Times Nella foto è questa casa repubblicana appena eletta.

Al momento, gli unici fatti sono che all’età di 34 anni “questo figlio di immigrati brasiliani ha vinto il novembre 2022 [lors des élections de mi-mandat, NDLR] Una zona di New York che i democratici hanno dato per scontata». Note del sito di notizie Vox. Una vittoria che permette anche a Jorge Santos di diventare il primo conservatore apertamente gay a entrare al Congresso senza aver precedentemente ricoperto cariche elettive.

CV falso al 100%?

Ma per il resto, Jorge Santos sarà a porta inviolata. Infatti, “ha costruito la sua candidatura sull’idea di incarnare l’essenza del sogno americano”, quando in realtà avrebbe inventato tutto, dice il New York Times.

La storia che ha venduto agli elettori di New York è quella di un giovane che avrebbe potuto tirarsi fuori da un contesto svantaggiato: una famiglia povera, un curriculum scolastico in pubblico. [ce qui est considéré comme un handicap aux États-Unis, NDLR] Diventa un finanziere multimilionario.

Biografia che ha scritto per il sito web della sua campagna – Ora è accessibile solo su Web-archive.org Detti lavori con giganti di Wall Street come Goldman Sachs o Citigroup.

Jorge Santos afferma inoltre di essere diventato “uno dei più giovani vicepresidenti del settore”. [financier]Una storia di successo che gli avrebbe permesso di arricchirsi e di devolvere parte della sua fortuna a varie associazioni benefiche come il sostegno ai bambini affetti da epidermolisi bollosa – una rarissima malattia della pelle – e il benessere degli animali attraverso la sua ONG Friends for Pet.

READ  La guerra in Ucraina: Kiev si aggrappa al destino della battaglia di Solidar

Quindi, questo repubblicano sarebbe il genero perfetto per un’America che vuole ancora credere nel suo “sogno” di farsi da sé. Tuttavia, Goldman Sachs e Citigroup sono stati contattati dal New York Times, i quali hanno entrambi negato di conoscere un ex dipendente di nome George Santos.

Il Baruch College of State University, che avrebbe conferito la sua laurea a Jorge Santos, non ha trovato traccia di un ex studente con tale cognome. C’è anche una discrepanza nelle date. Jorge Santos afferma di aver conseguito una laurea in finanza nel 2010, mentre il New York Times ha confermato che all’epoca si trovava in Brasile, dove ha avuto problemi con il sistema giudiziario a causa di un’oscura storia di frodi sugli assegni.

Ma il neoeletto repubblicano non è solo sospettato di aver inventato da zero il suo curriculum professionale. La Animal Welfare Society che afferma di guidare non è registrata come organizzazione senza scopo di lucro, contrariamente a quanto affermato da George Santos.

Ma “Pet Buddies” avrebbe potuto essere in giro, osserva il New York Times. Il quotidiano ha trovato tracce di una raccolta fondi organizzata da questa associazione per un progetto di aiuto agli animali abbandonati… Ma il beneficiario di questa azione – che ha preferito non essere identificato – ha confermato al New York Times. Non ha mai visto il colore dei soldi guadagnati da Friends Pets.

Dopo queste rivelazioni, Jorge Santos è rimasto in silenzio. “Non è sorprendente”, ha detto il suo unico avvocato con cui ha parlato [son client] Ha dei nemici sul New York Times che cercano di screditarlo con accuse diffamatorie».

enigma finanziario

Tuttavia, il New York Times non è più l’unico a sostenere George Santos come un “bugiardo seriale”. Altri media hanno scoperto che ha anche mentito sulla sua storia familiare. Sua madre è nata ufficialmente in Brasile da genitori ebrei fuggiti dalle persecuzioni in Ucraina per stabilirsi in Belgio prima di unirsi al Sud America durante la seconda guerra mondiale.

READ  Francia: Due bambini morti trovati in un frigorifero

Questa saga familiare ha permesso a Jorge Santos di presentarsi come un “ebreo latino”, segno di importanza politica in una città cosmopolita come New York.

Tuttavia, non vi è traccia che attesti tale spostamento, dice The Forward, un giornale ebreo americano che cercava informazioni genealogiche dalle autorità brasiliane. Una nuova storia confermata dalla Cnn, che precisa che i nonni di Jorge Santos sono nati in Brasile prima della seconda guerra mondiale.

Infine, c’è il mistero delle sue finanze. Jorge Santos è andato alla grande negli ultimi mesi, affermando che il suo ultimo lavoro – dirigere la società di consulenza finanziaria Devolder Organization – lo ha aiutato a diventare milionario, Lo riporta il North Shore Leader, quotidiano locale di Long Island, New York.

Ha anche prestato oltre $ 700.000 alla sua squadra della campagna e afferma di possedere diversi edifici per un valore di oltre dieci milioni di dollari. Ancora una volta, non c’è traccia di case di sua proprietà e nel 2020 era ancora un inquilino in un appartamento. Inoltre la sua azienda non fa pubblicità a nessun cliente e nessuno sa da dove provenga il denaro che viene poi trasferito al suo amministratore delegato.

Sostegno repubblicano dopo tutto?

“Il Congresso ha già avuto la sua parte di scandali, ma con George Santos è assolutamente senza precedenti scuotere questa istituzione”, afferma Vox. Come poteva questo repubblicano pensare di farla franca con tante calunnie? Parte del “genio” di George Santos è che queste “bugie” spesso ruotano attorno a cose piuttosto banali. Ad esempio, chi si inventa una laurea al Baruch College invece di Harvard? Direttore del Center for American Politics presso l’University College di Londra.

Poteva anche intuire che il contesto politico generale negli Stati Uniti aveva rafforzato il suo approccio. Dopo le trasgressioni di Donald Trump alla Casa Bianca, Richard Johnson, specialista in politica americana alla Queen Mary University di Londra, ha dichiarato: “Non sappiamo più molto bene quale sia uno scandalo inaccettabile negli Stati Uniti”.

READ  Regno Unito: Di fronte alle turbolenze, Boris Johnson sceglie di fuggire

Può sembrare altrettanto sorprendente che bugie così sfacciate possano essere sfuggite al suo sfortunato avversario nelle elezioni del novembre 2022. Il partito ha approvato un altro candidato così tardi, il che significava che non aveva molto tempo per fare ricerche approfondite sul suo rivale. Note di Richard Johnson.

Queste bugie potrebbero metterlo nei guai legali. Le false dichiarazioni, comprese quelle finanziarie, durante la campagna rischiano di comportare una multa salata e fino a cinque anni di carcere. Ma “è molto difficile dimostrare l’intenzione di nuocere in questo tipo di attività”, osserva il New York Times.

La ciliegina sulla torta, nonostante il torrente di rivelazioni, ha detto John Herbert, professore di scienze politiche alla Keele University, “il Partito Repubblicano può sostenerlo il più a lungo possibile”. In quanto tale, il caso George Santos è “un eccellente esempio dell’intensificazione del ‘pregiudizio politico negativo’ negli Stati Uniti, il concetto per cui un partito accetta di difendere posizioni che possono apparire inaccettabili perché impediscono all’opposizione di guadagnare punti”, Richard Johnson.

In effetti, George Santos ha vinto un distretto ben lungi dall’essere acquisito dai repubblicani. Se quest’ultimo non lo vuole più al Congresso, ci sarà un nuovo voto “e c’è una buona probabilità che il Partito Repubblicano perda un seggio quando i rapporti di forza sono già molto tesi”, riassume John Herbert.

Per ora George Santos può contare anche sull’appoggio molto opportunistico di Kevin McCarthy, candidato a presidente della Camera. È, infatti, il leader di un gruppo di repubblicani profondamente divisi sulla sua candidatura a presidente della Camera, notano gli esperti intervistati da France 24. George Santos ha avuto un’ottima idea nel dichiarare il proprio sostegno alla candidatura di Kevin McCarthy … il giorno in cui il New York Times ha pubblicato le sue rivelazioni sulla biografia L’io immaginario del “bugiardo seriale”.