Maggio 22, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il Belgio potrà raggiungere l’indipendenza energetica nei prossimi anni? “C’è una nuova tecnologia rivoluzionaria”

Pertanto, il nostro Paese dipende, come è sempre stato, dai maggiori produttori mondiali di gas o petrolio. Ma poiché ogni giorno nascono nuove tecnologie, non siamo mai al sicuro da una (bella) sorpresa. I membri del gruppo REHS (Energie Rinnovabili in Alto Mare) hanno lavorato su questo tema e hanno firmato carta bianca per aprire la porta a nuove possibilità.

Tra i firmatari c’è Damien Ernst. Ci dice di più su cosa potrebbe cambiare il mercato belga. “Siamo partiti dal principio che il potenziale eolico è molto basso nelle acque belghe. Anche con i grandi progetti in corso, raggiungeremo solo il 15-20% delle forniture necessarie in Belgio. In mare o altrove mancano le superfici per raccogliere le energie rinnovabiliLui dice. Pertanto, il potenziale esiste in alto mare, nelle acque internazionali.

Installare pannelli solari è troppo costoso? Esistono formule di leasing per evitare di ottenere un prestito bancario

ma come ? “Esiste una nuova tecnologia rivoluzionaria che potrebbe consentire al Belgio di raggiungere l’indipendenza elettricaLui dice. Siamo in una fase embrionale, ma sta prendendo forma un movimento che mira a raccogliere energia rinnovabile nelle acque internazionali. Per fare una caricatura, possiamo immaginare un sistema simile alla pesca. Le barche vanno a pescare in acque internazionali per portare il pesce in Belgio. Nel nostro caso vedremo piattaforme galleggianti o barche con turbine eoliche a bordo, collegate ad una batteria. Un’altra barca arriverà e raccoglierà l’energia raccolta per riportarla a terra.

Naturalmente non sarà possibile attuare il progetto domani alla luce degli accordi internazionali che sarebbero necessari per tale esercizio. “Utilizziamo ancora una tecnologia molto moderna, ma è l’unica che permetterebbe di ottenere energia rinnovabile in modo indipendente in Belgio. Questa è l’elettricità che non otterrai in un altro paese. È anche più economico da installare rispetto all’eolico offshore poiché il sistema è mobileDamien Ernst insiste.

READ  Lo scorso anno i dipendenti belgi hanno perso il 10% del loro orario di lavoro: perché questo assenteismo?

È anche l’occasione per fare il punto sulla situazione energetica del Belgio. “Qui vediamo ancora lo sviluppo dell’energia eolica e fotovoltaica, ma dobbiamo affrontare problemi diversi. Per quanto riguarda l’energia eolica, i progetti hanno difficoltà a realizzarsi perché nessuno la vuole in fondo al proprio giardino. Inoltre mancano gli spazi per i parchi fotovoltaici. In totale, soddisferemo al massimo solo il 20-25% delle nostre esigenze. Ecco perché devi essere creativo.

E l’energia nucleare? “Esiste un modo per esplorare attraverso impianti SMR che siano facili da integrare nel tessuto industriale e quindi possiamo recuperare il calore di produzione. Grazie ai reattori convenzionali viene recuperato solo il 33% del calore generato durante la fusione. L’SMR può sfruttare meglio questo calore e quindi ridurre il costo dell’energia nucleare.“, conclude.