Giugno 14, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

GTWC – Vittoria per la BMW M4 GT3 #998 del team Rowe Racing al Paul Ricard

GTWC – Vittoria per la BMW M4 GT3 #998 del team Rowe Racing al Paul Ricard

Quattro diversi produttori tra i primi quattro, cinque tra i primi sei Il round di apertura della stagione 2024 del GT World Challenge Europe è stato molto combattuto, ma la BMW M4 GT3 #998 ROWE Racing ha comunque dominato il suo campo grazie a Max Hesse, Dan Harper e Augusto Farfus.

Alla fine, la McLaren è l'unico costruttore partecipante e non nella top ten, preceduto dalla Ford Mustang #64 della Proton Competition, che non ci aspettavamo di ricevere una simile celebrazione.

Per il ritorno del round del GT World Challenge Europe nel formato di 3 ore al Var, molti degli spettatori presenti non sono rimasti delusi dallo spettacolo presentato in pista. L'auto del Paul Ricard del 2024 segna l'undicesima vittoria della BMW nella serie, una in più dell'Audi e due in più di Porsche e Mercedes.

Sapevamo che Max Hess e Dan Harper erano forti quanto ROWE Racing. Infine, sarà Neil Verhagen, compagno di squadra abituale del tandem negli ultimi anni, ad avere rimpianti, quest'ultimo correndo quest'anno negli Stati Uniti. All'età di quarant'anni, Augusto Farfus aprì il suo conto nella serie.

Immagine: BMW

Scattata dalla pole, la Lamborghini Huracan GT3 EVO2/Iron Lynx di Mirco Bortolotti, Andrea Caldarelli e Matteo Cairoli aveva una buona occasione per provarci, ma il trio della vettura #63 non ha potuto fare nulla per contrastare lo scatto di velocità della BMW. Sotto la scacchiera il divario è di 13,5 secondi. Dopo un 2023 complicato, la Lamborghini torna in attività.

Il podio è stato completato dalla Mercedes-AMG GT3/GetSpeed ​​di Jules Junon, Luca Stolz e Fabian Schiller. Anche qui il vmax dell'AMG GT3 in pista non ha aiutato nel riprovarci dopo il successo 2023 dell'AKkodis ASP.

READ  Lukaku ha perso con Belgio e Polonia e altri tre demoni hanno saltato l'allenamento due giorni prima della partita

Nel campo WRT, la BMW M4 GT3 n. 46 guidata da Maxime Martin, Raffaele Marcelo e Valentino Rossi non è riuscita a raggiungere il podio. Questo quarto posto è il massimo dell'endurance per l'ex motociclista. La vettura numero 32 guidata da Weerts, van der Linde e Vanthoor si è ritirata rapidamente dopo un contatto con la Ferrari 296 GT3/AF Corse numero 51.

Le prime cinque posizioni sono state completate dalla Porsche 911 GT3 R/Rutronik Racing guidata da Julian Andlauer, Sven Müller e Patrick Niederhauser.

In termini di buone prestazioni si segnala l'Audi R8 LMS GT3/Tresor Attempto Racing di Haase, Aka e Feller, partiti dal 35° posto e sesto sotto la scacchiera. Che dire poi dell'Aston Martin Vantage GT3/Comtoyou Racing di Drudi, Sorensen e Thiem, che ha concluso con un ottimo settimo posto, davanti alla Porsche 911 GT3 R/Pure Rxcing condotta da un pilota della classe Bronze.

Foto: Amr

La Ferrari 296 GT3 meglio piazzata è la numero 51 di AF Corse, nona, con la vettura condivisa da Pierre Guidi, Rigon e Rovera, autore di un'ottima partenza di gara.

Ci si aspettava che l'esclusiva Ford Mustang GT3 fosse presa in giro al suo debutto nella serie, ma il trio composto da Vervisch, Olsen e Mies ha fatto meglio che mantenere la propria posizione assicurandosi un posto nella top ten.

Oltre all'equipaggio della BMW M4 GT3/WRT n. 32, ci sono altri tre trii che potrebbero farsi a pezzi. Innanzitutto c'è la Lamborghini Huracan GT3/GRT di Pereira, Mapelli ed Engelhart che si sono scontrate al primo giro, chiudendo 11°. L'altra vettura BMW M4 GT3/ROWE Racing, la numero 98 di Yelloly, Wittmann ed Eng, che potrebbe essere in gioco per la vittoria, ha avuto un problema di rifornimento durante il suo ultimo stint, determinando una sosta extra sinonimo del 12° posto. Non dimentichiamoci della Porsche 911 GT3 R/Schumacher CLRT di Güven, Boccolacci e Heinrich, che stava lottando per la vittoria, ma si è dovuto fermare per rimuovere un cavo bloccato sulla #22, che ha concluso 14esima. La squadra francese era presente per la sua prima gara Pro Endurance.

READ  Haka neozelandese: balliamo!

L’unico marchio rimasto in questo primo incontro del 2024 è la McLaren con un miglior risultato di 38° posto per il numero 188 Smalley, Cottingham e Pretty.

Immagine: Jeep

La vittoria della Gold Cup è andata all'Audi R8 LMS GT3/Saintéloc Racing guidata da Paul Evrard, Jim Pla e Gilles Magnus dopo un'ottima gara (13° assoluto). Il trio della vettura numero 25 ha preceduto la Mercedes-AMG GT3/AlManar di GetSpeed ​​​​​​e l'Audi R8 LMS GT3/CSA Racing di Rougier, Carton ed Eteki.

Winward Racing continua il suo conteggio di vittorie nel 2024 con una vittoria della Silver Cup per il numero 57 Sathienthirakul, Arrow e Caresani, davanti alla Mercedes/Boutsen VDS di Panis, Gazeau e Meyuhas. Terzo posto per Madpanda Motorsport, che regala una tripletta Mercedes-AMG nella Silver Cup.

Immagine: Jeep

Per quanto riguarda la Coppa di Bronzo, il successo in rimonta del Kessel Racing è arrivato grazie alla Ferrari 296 GT3 di Niccolò Schiro, Niccolò Rosi e Davide Fumanelli, davanti ad un'altra Ferrari, la AF Corse guidata da Bertolini, padre e figlio di Machels. Comtoyou Racing inizia la sua stagione Aston Martin con il podio di Van Uetert, Pauwels e John de Wilde.

Immagine: Jeep

La gara è stata interrotta quattro volte, due volte a causa di detriti sulla pista, una volta per un problema di incendio sul ponte e una volta per aver appiccato un incendio sull'Aston Martin/Walkenhurst n. 34.

Il prossimo appuntamento di endurance sarà la 24 Ore di Spa di fine giugno con 70 vetture GT3 attese per l'edizione del centenario.

Classifica gara qui