Febbraio 5, 2023

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Pogacar-Evenepoel, der ‘di Pinot, Van Aert: dieci domande per una stagione

Cosa ci riserva il Pinot nella sua ultima stagione?

Certo, emozioni. Annunciando tempo fa che si sarebbe ritirato a fine stagioneFranck Cometois si è tolto questo peso dalle spalle ma “presenterà” molte espansioni mediatiche. Marc Madiot, il suo preside al Groupama-FDJ, ha promesso che abbiamo diritto a un grande Pinot nel 2023 e possiamo crederci.

Ciclismo

Da Pino a Pino: come è rimbalzato Cavendish

8 ore fa

Il suo obiettivo per la stagione si chiama Giro dove spera di entrare in lotta con i migliori (Evenepoel, Roglic…) per conquistare una vittoria a pedali. E poiché vuole anche dire addio al Tour, l’ex terzo dovrà farsi a pezzi per ottenere uno dei sei nomi insieme a David Gaudu e Arnaud Démare al Groupama.

Pinot, il generatore di sentimenti: i momenti salienti della sua carriera video

Vingegaard tornerà?

Una domanda curiosa è se il vincitore del Tour de France meno di sei mesi fa sarebbe “rimbalzato”. Tuttavia, nel caso di Jonas Vingaard, non è affatto ridicolo. Perché il timido danese sembrava trascinarsi dietro un sacco di bagagli da quel momento in poi. Vincere il Tour ti cambia la vita e il discreto Vingegaard potrebbe non essere pronto. Da luglio, il leader della Jumbo-Visma ha corso solo sette giorni di gare (per conquistare la vittoria). Ci chiediamo se abbia ricaricato le batterie, più mentalmente che fisicamente, questo inverno e se potrà confermare.

Evenpoel, Pogacar o altri: chi vincerà di più?

L’era dei corridori voraci è finita? Dopo Kittel, Viviani, Groenewegen e Démare, la classifica marcatori della stagione ha accolto due nuove file per due anni: Primoz Roglic e Wout Van Aert (2021) e poi Tadej Pogacar nel 2022. Lo sloveno ha finalmente superato Remco Evenepoel grazie ai suoi successi nel Trois Vallées Varésines e il Tour Lombardi (16 vittorie contro le 15 del belga). Il duo dovrebbe ancora monopolizzare la vetta della classifica, a meno che Van Aert non intervenga nella mischia o Arnaud De Lie imponga la sua legge sulle corse di un giorno.

Da Pogacar a Evenepoel: le prime 5 vittorie nel 2022

Un altro nuovo vincitore al Memorial?

Riservato a motociclisti esperti, cinque dei migliori classici della stagione? Si dice che la Milano-Sanremo, il Giro delle Fiandre, la Parigi-Roubaix, la Liegi-Bastogne-Liegi o il Giro della Lombardia non saranno offerti per la prima volta. Esatto, anche se ci vuole molta forza per batterli. Resta il fatto che dal 2010 un nuovo pilota ha, ogni stagione, aperto il proprio banco in queste gare separate. A meno che il raid degli headliner (Pogacar, Van Aert, Van der Poel, Evenepoel, Alaphilippe), ci sono buone probabilità che le statistiche vengano confermate. Perché a volte questi ragazzi tendono a distinguersi ea lasciare le porte aperte.

Il francese può salire sul podio in un Grand Tour?

La Francia lo aspetta da quasi sei anni. Dopo un buon periodo tra il 2011 e il 2017 (Gardet, Péraud, Pinot e Bardet due volte, sul podio in Italia e Francia), la Francia sta sviluppando meno nelle tre settimane di gare. Così vicini, così lontani dal podio come Julian Alaphilippe nel Tour 2019 (+2’34’ con due tappe troncate) o David Godot dello scorso anno (+6’17’).

L’emergere di super talenti ha portato alla privatizzazione dei posti sulle piattaforme. Ci vorrebbe un enorme Gaudu, a Poeta Assolutamente nessun livello migliore e/o condizioni favorevoli per guardare il “Box” il prossimo luglio. La prima indubbiamente vicina ad essa, e la seconda punterà tutto sulla Grande Boucle. Inoltre, la speranza è consentita.

Van Aert ha battuto Van der Poel?

L’uno non va mai o quasi mai senza l’altro. La loro rivalità nel ciclocross è stata esportata su strada, il loro stile si assomiglia all’estremo, i loro obiettivi spesso si incrociano e Wout Van Aert e Mathieu Van der Poel sono irrimediabilmente legati. E questo inverno, il belga sembra aver superato il rivale olandese. Lo farà anche in trasferta? Nel 2022 lo straordinario Tour de France lo mette davanti a Van der Poel… ma conquista un secondo Giro delle Fiandre quando la “WVA” attende il suo primo successo alla Ronde au Roubaix. È il momento di Van Aert e la sua forma invernale promette molto quando preoccupa la parte posteriore del ‘MVDP’.

Triathlon pazzesco: Van der Poel e Pidcock

Bernal può tornare com’era?

Immagina la traccia che accade davanti a Egan Bernal. Alla luce del suo successo al Tour de France 2019, ci si aspettava un dominio duraturo dei Grand Tour. Ci sono stati feriti e persino un terribile incidente che avrebbe potuto causarne la morte l’anno scorso.

Il colombiano affronta una doppia sfida: ridiventare se stesso, forse, per salire sulle vette di Pogacar, Vingegaard o Evenepoel. Nel 2023, è facile immaginare che all’inizio sarà contento del successo. Ovviamente vedere la morte in faccia può lasciare dei segni nella mente di un grande atleta. E l’entità del compito potrebbe esercitare una pressione significativa sulle spalle di Bernal.

Qual è il profilo di Demer?

Arnaud Démare è un velocista puro o un velocista capace di vincere le classiche? Il suo Picard ama soprattutto la Parigi-Roubaix. Lui, l’ex vincitore della Milan-Sanremo (2016), vorrebbe banchettare con la Primavera. Tuttavia, ad eccezione del Paris-Tours, non è più gravato da gare di un giorno. Quindi, dovrebbe scegliere Arnaud Demare? E lui la vuole? Il corridore del Groupama-FDJ dovrebbe essere al via del Tour de France di questa estate (1-23 luglio). Con il cursore posizionato sulle sue qualità di corridore puro, ha le migliori possibilità di brillare là fuori…

Peter Sagan è “finito”?

Il suo arrivo in TotalEnergies all’inizio del 2022 ha sollevato alcune domande. Il primo di questi, e forse il più intenso, è stato questo: è in prepensionamento con i vandeani? Lo slovacco ha sempre promesso che non sarebbe mai morto a lungo nel ciclismo e all’età di 32 anni sembra che la fiamma interiore lo abbia abbandonato. La sua stagione 2022 è stata interrotta da una malattia e ha inseguito la forma per molto tempo. Ha vinto solo due volte e al Tour non sfiora mai una vittoria. In breve, Sagan non ha promesso fiducia alla sua nuova squadra. Seconda stagione, quella di un ritorno al passato?

Chi è l’ispirazione della stagione?

L’abbiamo detto, l’abbiamo scritto e l’abbiamo colpito, il gruppo ha subito un bel trattamento di rinnovamento negli ultimi anni. Tadej Pogacar, Remco Evenepoel, Juan Ayuso o Arnaud De Lie hanno stabilito nuovi standard. Inoltre, ci chiediamo ogni anno chi sarà, se non la nuova bomba del ciclismo nel mondo, almeno la nuova curiosità. Nel 2023, ti consigliamo di guardare Lenny Martinez e Romain Grégoire (entrambi 19), pepite di Groupama-FDJ.

Ma non saranno soli. Come citiamo questi due, è doveroso farlo con Leo Hayter, fratellino di Ethan e vincitore del Giro U23 nel 2022. In INEOS deve lavorare molto ma se il talento c’è… è senza dubbio in Cian Uijtdebroeks (Bora Hansgrohe), vincitore del Tour de l’Avenir dell’anno scorso. E non dimentichiamo Andrea Piccolo (EF Education-EasyPost), Edoardo Zambanini (Bahrain-Victorious), Axel Laurance (Soudal – Quick-Step), Oscar Onley (Team DSM) e altri che non abbiamo nemmeno visto…

Ciclismo

L’ex dottore di Skye viene definitivamente rimosso dall’Ordine

8 ore fa

Ciclismo

Leo Westra è morto all’età di 40 anni

Ieri alle 12:25

READ  'Ho quasi perso un occhio': Patrice Evra racconta il suo ritorno nel quartiere in cui è cresciuto