Aprile 18, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Festeggiamo i 40 anni di Guillaume Gillet con i suoi ex compagni di squadra: “Ho mandato la mia Porsche su una Proto tirando il freno a mano”

Festeggiamo i 40 anni di Guillaume Gillet con i suoi ex compagni di squadra: “Ho mandato la mia Porsche su una Proto tirando il freno a mano”

Domenica si giocherà la partita tra Anderlecht ed Eupen, le due squadre di cui Guillaume Gilet ha vestito i colori. Ma in un altro incontro della sua ex squadra lo abbiamo ritrovato mercoledì a Marcinelle: Charleroi – Anderlecht U12. Suo figlio Romeo ha giocato lì con i Mauves contro gli Zèbras di Daniel Van Buyten Junior.

Prima dell'incontro si è seduto per un colloquio, prima di spegnere 40 candeline in una settimana (9 marzo). Per questa occasione abbiamo deciso di avvalerci dei servizi di dodici giornalisti piuttosto illustri. Dodici dei suoi ex colleghi. Dodici, tante le maglie che ha indossato nel corso della sua carriera da professionista.

Hanno potuto porre una domanda a loro scelta, a volte due. O addirittura tre per Silvio Broto, che ha giocato di più nel Guelé (264 partite).

Steve Darcis e Guillaume Gillet si rivolgono alla rete per una buona causa: “Sempre lì per sostenere Télévie”

FC Liegi (2002-2004): Eric Dipero

Cosa pensi dell’umanità del calcio oggi rispetto a quando è nato?

In vent’anni mi sono evoluto molto. L’umanità è stata sostituita dal mercantilismo. I giocatori sono più individuali. Pensano alla carriera senza preoccuparsi del futuro del club. Il calcio ha perso molto a questo livello”.

Guillaume Gillette durante il suo calcio d'inizio a Rocourt. © Dott

CS Visé (2004-2005): Terrence Guénot

Hai mai pensato di acquistare un club e diventarne il presidente? Come a Visé per esempio ?

No, non è mai stata un'ambizione. Prima di tutto, devi essere molto ricco. Conosco alcuni presidenti dell'ACFF D2-D3 e devono spendere molto per mandare avanti il ​​club. Con pochissimo ritorno. Puoi solo perdere i tuoi soldi. Quando sei molto ricco puoi comprare un gioco per divertirti, ma non sono io. Potrei volere una posizione dirigenziale ma non quella di proprietario.

Guillaume Gillette (sullo sfondo) con una camicia Visé. ©Belga

AS Eupen (2005-2006): Jeffrey Rentmeister

Hai mai incontrato di nuovo “Mocassino”? Se sì, cosa gli è successo?

“Ero a Eupen in D2. Ho già parlato con diversi club della D1, tra cui Ghent, Charleroi e Standard. Ma anche Ronse (D2) mi ha chiamato. La società aveva tanti soldi e il direttore sportivo mi chiamò dicendomi che dovevo essere il loro giocatore titolare. Poi ha aggiunto un argomento a riguardo “Ci saranno anche le pantofole.”. Come se fosse Zidane. Tuttavia non sapevo chi fosse questo “mocassino” e non l’ho mai conosciuto. (Nota del redattore: potrebbe essere stato Thibaut Denonsin, lo standard precedente). Quando l'ho detto nello spogliatoio dell'Eupen, tutti hanno riso molto. Con Jeffrey, ci chiamiamo sempre “Mocassino” quando ci vediamo. (Lui ride)“.

Nawras

Likens mi ha riportato alla lavagna e ho alzato il dito come un bambino: “Allenatore, ha commesso un errore.”.

La Jeantoise (2006-2008): Christophe Gregoire

Avresti fatto la stessa carriera se Sandy Martens non si fosse infortunata?

READ  Giro dei Paesi Baschi: seconda vittoria in due giorni per Vingaard, che resta leader

“Una carriera inizia sempre con una spinta. Sandy Martens ha avuto un grave infortunio al ginocchio. Subito dopo avremo un'amichevole per dare un po' di tempo alle riserve. Quando sono arrivato ho giocato a malapena. Alla lavagna, George Likens mi ha riportato sulla destra. Come un bambino alzo il dito: ““Mister, hai commesso un errore e mi hai messo in una brutta situazione.” Mi ha chiesto di stare zitto e ho giocato una grande partita in una posizione in cui non avevo mai giocato prima. Da lì ha iniziato prima in D1, poi è passato alla Nazionale per poi trasferirsi all'Anderlecht. Sono rimasto sorpreso ma ho fatto del mio meglio e sono stato premiato. Oggi, se chiedessi a un giovane numero 10 di fare il terzino destro, non sono sicuro che accetterebbe. Preferirebbe cambiare club”.

Anderlecht (2008-2014 e 2015-2016): Saša Kljestan

Chi è stato il tuo miglior collega durante la tua carriera?

“Ho visto tanta gente nella mia carriera. Ho conosciuto grandissimi giocatori, soprattutto tra i Devils. A livello di club, Mate Suarez era il più forte. Anche Boussoufa era qualcosa. Due geni. Mi è piaciuto giocare con Sacha Kljestan. in mezzo, un ragazzo intelligente.” Estremamente. E davvero bravissimo fuori dal campo.

Nawras

Mia figlia è nata in Corsica, lì mi sono sposato e lì ho conosciuto i miei migliori amici.

Bastia (2014-2015): Giuliano Palmieri

Hai qualche preconcetto sulla Corsica? Qual era il tuo stato d’animo quando hai lasciato Bastia?

“No, ero semplicemente felice di andare in una bella zona. Ho detto a Muji Bayat:“Voglio il sole”. Sarebbe arrivato con un'offerta del PSV, club del nord dell'Inghilterra e del Bastia, Io sceglierei la Corsica. Ho amato questa stagione. La mia mentalità si adatta bene a quella dei corsi, combattenti che non si arrendono. È stato difficile lasciare Bastia. Oltre alla bella stagione in cui siamo arrivati ​​12°, lì è nata mia figlia, mi sono sposato a Porto Vecchio e lì ho conosciuto il mio migliore amico. Con la Corsica è stato amore a prima vista. Mia moglie Mary ed io ci siamo detti che forse un giorno saremmo tornati a vivere lì.

Con la maglia del Bastia. © Immagini Notizie

Nantes (2016-2017): Valentin Rongier

Qual è la tua migliore risorsa come giocatore?

READ  Ostenda-RWDM: nonostante il grande orgoglio, il Molenbeekois è stato logicamente eliminato dalla Croky Cup (2-0)

“Non è facile. Direi combattivo. Mi hanno parlato anche del mio senso di penetrazione ma a Nantes ho giocato da vero numero 6 e non avrei dovuto salire troppo.

Piccola Rondine, preferiresti segnare un goal in una partita importante o ottenere una coppia d'assi in un torneo di poker?

“Dovrei davvero spiegare 'La piccola rondine'.” (Lui ride). È colpa di François Limbroy. Le sue telecamere nascoste e il film Dikkenek erano di gran moda. I francesi risero del mio accento. A quanto pare, l'ho sentito forte e chiaro quando ho detto “piccola rondine” e mi è rimasto impresso. E la sua domanda è ancora l'obiettivo. Mi sento pazzo. Ma trovo l'adrenalina durante i tornei di poker. “Una presa e un calcio di rigore sono molto simili.”

Olympiacos (2017-2018): Silvio Broto

Quando il calcio di rigore è stato assegnato a Jorgacevic al 93' contro il Bruges A darci il titolo nel 2012Quanto velocemente batte il tuo cuore?

“Chiedo la palla con grande fiducia. Sento solo la pressione in quel momento. È come se il mondo fosse sulle mie spalle. Mbokane mi ha chiesto due o tre volte se ero sicuro ma lo sentivo. Mi sono preparato per questo. Guardavo i calci di rigore di Jorgasevic. Si tuffava sempre nello stesso punto. Il punto in cui tiravo ogni volta. Mi sono detto: “Ovviamente andrà lì. Ho colpito dall'altra parte e ha funzionato. È stato un sollievo terribile, il sentimento più forte della mia carriera.”

Ti sei pentito di aver detto alla dirigenza dell'Anderlecht che volevi giocare come centrocampista e più come terzino destro?

“Ho detto ai dirigenti, come ho detto alla stampa: volevo giocare come centrocampista ma non avrei mai rifiutato un giocatore di riserva come terzino destro, soprattutto perché quello era il mio posto in Nazionale. La scorsa stagione con Ariel Jacobs ho segnato 19 gol da centrocampista, ma John van den “Brum è arrivato e mi ha riportato indietro. Devi ancora digerirlo”.

Cosa ti passava per la mente il giorno in cui hai tirato il freno a mano nel parcheggio innevato dell'Anderlecht?

READ  Dove guardare dal vivo il GP di F1 dell'FC Bruges-Anderlecht, della Parigi-Roubaix e del Giappone? Sport in diretta in TV domenica 7 aprile in Belgio

“Ho avuto la mia prima Porsche. Era nel grande parcheggio dello stadio. C'era la neve e volevo azionare il freno a mano. Solo che l'auto non smetteva di sbandare e ha colpito un'altra macchina. C'erano alcuni compagni di squadra che morivano di risate. Hanno detto a tutti di venire a vedere. Renick pensava che fosse la sua macchina e piangeva. Poi abbiamo capito che era Silvio ad avere la stessa cosa (Lui ride). “Ero arrabbiato, ho strappato la parte anteriore della Porsche”.

Durante la sua stagione all'Olympiacos. © Dott
Nawras

Se da allenatore avessi a cuore solo Guillaume Gillettes, soffrirei.

Obiettivo RC (2018-2020): Philippe Montagnier

Come reagirà il tecnico Guillaume Gilet al giocatore di Guillaume Gilet?

“Sentiamo la domanda dell'allenatore (Lui ride). Eri un giocatore facile in campo. Se fossi un’alternativa, inizierei a lamentarmi. Mi è stato detto di cercare di rimanere più positivo, ma era oltre il mio potere. Non è stato facile per l'allenatore. Se da allenatore avessi nel mio gruppo solo Guillaume Gillets farei fatica. So che non è stato facile controllarmi. Ma stavo ancora lottando per tornare.”

Al Boulaert Stadium con la maglia del Lens. © Anthony Peppard / FEP / Panoramica

Charleroi (2020-2022): Stephen Willems

Cosa ti manca di più da giocatore?

“Dipende tutto dal gioco. E dalla vita dello spogliatoio. Stai in gruppo tutto il giorno e questo crea legami familiari. Quando finisce, manca. Penso di essere sempre stato un buon compagno di squadra. È il complimento più grande che qualcuno potesse farmi.”

SK Beveren (2022): Kevin Hujas

Quale lavoro è più difficile: giocatore di football, allenatore o giocatore di poker?

“Allenatore, senza esitazione. Divora energie. Ricevi tante informazioni in allenamento ma devi tenere in considerazione tante cose quando fai le tue scelte. Ti chiedi continuamente. È un mal di testa”. Ma mi fa davvero venire voglia di intraprendere questa fantastica carriera. Giocatore, è molto più semplice.”

Red Devils (22 partite internazionali): Kevin Mirallas

Cosa ti piacerebbe cambiare nella tua carriera?

“Partecipare a un grande torneo. In Brasile meritavo di andarci. L'Anderlecht mi ha regalato un ottimo record ma mi sarebbe piaciuto partire presto per vivere più avventure all'estero. Speravo di giocare nel campionato tedesco. “Penso che il mio gioco sarebbe stato decente.”

Guillaume Gillet ha giocato 22 partite con i Devils (1 gol). © Immagini Notizie