Febbraio 5, 2023

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Fenomeno meteorologico insolito: il sangue dei ghiacciai

In alcune montagne, la spessa massa bianca di neve può a volte essere ricoperta di macchie rosse, dando l’impressione di una vera scena del crimine in alta quota. Questo fenomeno naturale, sia esso meteorologico o biologico, è infatti un segnale molto negativo dello stato di salute dei ghiacciai coinvolti.

Le escursioni in montagna possono riservare sorprese su alcuni pendii rocciosi. Negli ultimi anni, gli escursionisti hanno scattato foto di neve rosa, rossa o arancione in particolare sui ghiacciai nelle Alpimoltiplicato. La cosiddetta “neve rossa”, “sangue di ghiacciaio” o anche “neve di melone” (in inglese) è infatti un’osservazione sempre più comune. In passato gli alpinisti pensavano che fossero solo depositi minerali, come tanti altri La sabbia proveniente dal deserto viene regolarmente sospinta dal ventoRaggiungi le cime delle montagne.

Neve rossa “viva” in movimento

Ma poi gli scienziati hanno scoperto che questo sangue di neve era effettivamente vivo. Queste sono alghe microscopiche, Chlamydomonas nivalis Il più comune, o Ancylonema nordenskioeldiiche ha temperature gelide.

Questo piccolo organismo vegetale è ricco di carotenoidi, lo stesso pigmento rosso che colora i pomodori e le foglie d’acero in autunno. Questo tipo di alghe è noto anche per colorare alcuni laghi e corsi d’acqua di rosso o rosa quando le condizioni meteorologiche lo consentono.

Queste alghe non compaiono all’improvviso È presente in alcuni ghiacciai Durante l’anno. Durante il periodo di riposo invernale, semplicemente non è visibile. Ma una volta arrivata la primavera, i muschi riescono a spostarsi con l’acqua dei ghiacciai per raggiungere l’altezza che fa loro comodo: tra i 3.000 e i 3.700 metri in genere, ma alcune specie compaiono anche al di sotto dei 2.000 metri. A contatto con la forte luce solare, il pigmento rosso si attiva per proteggere le alghe dalle scottature: il colore agisce infine da schermo solare.

READ  Stock questa settimana? monitoraggio in tempo reale giornaliero

Le alghe si nutrono dei minerali del terreno, e quando la neve ricomincia a cadere in gran quantità e il sole tramonta alla fine dell’estate, l’alga entra nuovamente in un periodo di riposo, perde i suoi colori e viene sepolta dalla neve.

Una grande quantità di neve rossa è considerata un brutto segno

Anche se l’aspetto di questa alga è normale, lo scioglimento della neve dovuto al riscaldamento globale sembra renderlo più evidente: più la neve si scioglie e più breve è la stagione invernale, maggiore è la fioritura delle alghe. Questa neve rossa ha l’effetto di ridurre l’albedo, con una riflessione fino al 13% in meno. Poiché il calore viene assorbito e non reindirizzato verso il cielo, lo scioglimento della neve e dei ghiacciai accelera. Così il riscaldamento aumenta la quantità di alghe rosse presenti, e più le alghe si diffondono, maggiore è lo scioglimento della neve.

il ” sangue ghiacciato Molto comune nelle montagne della Sierra Nevada della California, della Groenlandia e dell’Antartide, ma anche nelle Alpi italiane, come in Ghiacciaio di Priština. Proprio come il succo di pomodoro è in grado di macchiare i vestiti in modo permanente, il “sangue ghiacciato” può lasciare segni indelebili sui pantaloni degli escursionisti. Se tutti sanno che in montagna non si deve mangiare la neve, allora si dovrebbe correre meno rischi di ingoiare la neve rossa: le alghe sono un potente lassativo. D’altra parte, la neve rossa viene consumata senza preoccupazioni da alcuni vermi, protozoi e artropodi.