Luglio 14, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

James Webb: Stella tra le stelle

James Webb: Stella tra le stelle

Affascinante. Le immagini inviate dallo spazio dal telescopio spaziale James Webb lo scorso ottobre sono esteticamente sorprendenti e scientificamente sorprendenti. Così, spiega l’Agenzia spaziale europea (ESA), la Nebulosa del Granchio, il primo corpo celeste a comparire nel Catalogo Astronomico di Messier, venne creata nel 1774 (1). Cosa ha ripreso il telescopio spaziale? Una nube di vapore di gas che forma filamenti, risultante dall’esplosione di una supernova (2) – a 6.500 anni luce dal nostro sistema solare – fu osservata nel 1054. A quel tempo, gli astronomi cinesi e giapponesi poterono studiarla per tre settimane alla luce del giorno. Brillava così intensamente. Filamenti di gas rosso-arancio, zolfo, polvere interstellare, campi magnetici: le immagini catturate dal telescopio sono più dense e precise grazie alla luce infrarossa. Dopo l’esplosione, la nebulosa ha continuato a diffondersi nella galassia ad una velocità di 1.500 chilometri al secondo. Gli scienziati sperano “di poter approfondire la nostra comprensione del ciclo di vita di una stella grazie a questa immagine”.

Il limite è il cielo

Il 25 dicembre 2021, alle 13:20 (ora di Bruxelles), un razzo Ariane 5 ECA si alza in cielo dal Centro spaziale di Kourou in Guyana. Sta portando con sé un progetto da record. Il James Webb Space Telescope (JWST, abbreviazione di James Webb Space Telescope) è stato avviato nel 1996. Il progetto iniziale della NASA prevedeva l’invio di un telescopio spaziale di nuova generazione ad alte prestazioni e a basso costo. Il budget previsto è di 500 milioni di dollari. Il telescopio dovrebbe entrare in funzione tra qualche anno, tra il 2000 e il 2010. Si accumulano molteplici ritardi nei miglioramenti tecnologici e il budget aumenta notevolmente. Quando, venticinque anni dopo, cominciò a osservare le stelle, il più grande telescopio della storia (il tetto di un campo da tennis) era anche il più costoso: 10 miliardi di dollari, venti volte il suo budget.

READ  Uno degli sviluppatori rivela un segreto ben custodito della saga

Guarda l’universo puro

GEMS Webb è stato sviluppato dalla NASA in collaborazione con l’Agenzia spaziale europea (ESA) e l’Agenzia spaziale canadese (CSA). L’obiettivo principale: osservare il passato, le galassie più antiche dell’universo, apparse più di 14 miliardi di anni fa. Lo studio di questo lontano passato (100 milioni di anni dopo il Big Bang) dovrebbe consentire ad astronomi e astrofisici di saperne di più sulla formazione dell’universo, sulle prime stelle e sui sistemi galattici, definisce la popolare rivista scientifica Vitura. Per rendere ciò possibile, il telescopio spaziale è dotato di uno specchio primario del diametro di 6,5 metri e di una tettoia di 22 x 12 metri (il famoso campo da tennis), il tutto del peso di oltre 6 tonnellate. Tutto questo per catturare quanta più luce possibile dagli oggetti celesti e osservarli con precisione. Per raggiungere questo obiettivo, anche il telescopio spaziale James Webb doveva trovarsi in una posizione ideale. A una distanza di 1,5 milioni di chilometri dalla Terra, la Luna, il Sole e il nostro pianeta non influiscono sulla precisione dei suoi strumenti. Questo accadde 13 miliardi di anni fa. “È come mettere gli occhiali a un miope (per osservare l’universo), tutto diventa più chiaro.”

Vita altrove?

C’è un po’ di Belgio nell’avventura di James Webb. In particolare tramite il Centro Spaziale di Liegi (CSL). spiega Christophe Grudent, ingegnere civile elettromeccanico dell’ULiège, direttore commerciale e membro del consiglio di amministrazione di CSL. Si è occupato di test ma anche di progettazione e sviluppo di articoli specifici. In tutto il mondo, migliaia di ricercatori attendono con impazienza le immagini e i dati inviati dal telescopio. Sono state presentate più di 1.000 domande, coinvolgendo più di 4.000 astrofisici, ovvero da quattro a cinque volte il numero di ore di osservazione disponibili. È il caso di Michael Gillon, vincitore del Premio Franke belga 2021, astronomo e astrofisico dell’ULiège, co-scopritore e scopritore di esopianeti come il sistema di esopianeti Trappist-1. “Grazie a James Webb, saremo in grado di studiare la composizione di pianeti potenzialmente abitabili e cercare tracce chimiche di vita, biofirme”, ha detto a Thema ULiège.

READ  40 ore di autonomia per il casco con ANC WH-1000XM5 di Sony ?

James Webb

JWST prende il nome dall’ex amministratore della NASA James Webb. Fu nominato capo dell’agenzia spaziale americana nel 1961 dal presidente JF Kennedy, e ne presiedette le sorti fino al 1968. È considerato uno degli uomini chiave nella conquista dello spazio da parte degli Stati Uniti. Il suo nome rimane strettamente associato al programma Apollo e al primo passo dell’uomo sulla Luna il 21 luglio 1969.

(1) Catalogo Messer

Il Catalogo delle nebulose e degli ammassi stellari, comunemente noto come Catalogo di Messier, è un catalogo astronomico di oggetti dall’aspetto diffuso creato da Charles Messier nel 1774 per aiutare i ricercatori di comete a non confonderli con vari oggetti dall’aspetto diffuso la cui natura non era conosciuta in precedenza. il tempo. (Galassie e vari tipi di nebulose e ammassi stellari) ma sono fissi rispetto alle stelle.

(2) Cos’è una supernova?

Una supernova è un gruppo di fenomeni che risultano dall’esplosione interna di una stella alla fine della sua vita, inclusa un’enorme esplosione accompagnata da un breve ma straordinariamente ampio aumento della sua luminosità. Grandi quantità di materia ed energia vengono poi rilasciate nello spazio circostante (gli astronomi lo chiamano “residuo”). I resti dell’esplosione stessa rimangono un intenso campo di attività per migliaia di anni. Se vista dalla Terra, una supernova appare spesso come una nuova stella, quando in realtà corrisponde alla scomparsa di una stella. (Fonte: Agenzia spaziale europea)

Questo articolo è apparso su Le Télépro il 16/11/2023