Maggio 22, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Guerra dei volumi: la pubblicazione di Lidl sbaraglia la concorrenza, ed ecco perché

Guerra dei volumi: la pubblicazione di Lidl sbaraglia la concorrenza, ed ecco perché

Un post che sta suscitando polemiche nelle cassette postali in questo momento. Questo lo spot di Lidl che non esita a confrontare i prezzi della sua frutta e verdura con quelli dei suoi concorrenti. Quest’ultimo ha denunciato la campagna, che considera “fuorviante” e “imprecisa”.

Tutti i prezzi di frutta e verdura nei supermercati belgi vengono confrontati sulla prima pagina degli annunci della catena. Il gruppo tedesco afferma di aver confrontato le stesse varietà provenienti dagli stessi luoghi.

Tuttavia Aldi, un concorrente diretto, ritiene che l'annuncio non abbia molta credibilità dato che Lidl cambia il prezzo dei suoi prodotti quasi ogni giorno: “Ad esempio, i mirtilli lunedì 8 aprile costavano 3,99 euro. Martedì costavano 2,09 euro. Mercoledì costava 3,99 euro, afferma Jason Sevestre, direttore stampa. “Sempre a 3,99 euro”.



Colruyt ha notato la stessa cosa e ritiene che Lidl stia confrontando cose che non dovrebbero essere confrontate. “Abbiamo notato che confrontano il prezzo dei loro kiwi normali con quelli dei nostri kiwi biologici. Questo non è vero. Correggendo i calcoli, vediamo che la Colruyt è la più economica”, afferma Eva Bilterist, direttrice stampa del gruppo.

Esistono diverse norme che disciplinano la pubblicità comparativa. Lidl non è d'accordo con nessuno di loro: “È la logica della diversità in un dato momento, il che significa che c'è solo biologico da una parte e non dall'altra. Cosa dovremmo fare in questa situazione Lidl dovrebbe astenersi dal menzionare il prezzo? ?” Da Kiwi Perché invece esistono solo kiwi biologici?” si chiede Christophe Sansi, caporedattore della rivista Gondola.

READ  Mitra in pericolo: la storia di successo della Vallonia sostenuta dal denaro pubblico è quasi sulla strada del fallimento