Giugno 19, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Ecco, partita dopo partita, come Besnik Hasi vinse il titolo in modo surreale, esattamente 10 anni fa

Se vincesse il titolo domenica, l’Anderlecht avrebbe messo a segno una straordinaria rimonta contro l’Union. Ma la più grande rimonta che ha portato al titolo è stata la firma di Besnik Hasi. Il suo giorno di gloria è stato il 18 maggio 2014, dieci anni prima di questo sabato. L’attuale allenatore del Mechelen ha chiesto a DH di raccontare la storia di questo ritorno, partita dopo partita.

Ma prima di addentrarci nel passato, gli abbiamo chiesto quali sono i suoi pronostici per questa domenica. “Davanti ai suoi tifosi l’Anderlecht è favorito, nonostante le assenze di Delaney, Vertonghen e Hazard, che sarà pesante. Il Brugge ha subito due colpi in poco tempo: l’eliminazione contro la Fiorentina e il pareggio contro il pacchetto Al-Ittihad una grande perdita. Raramente ho visto un brasiliano lavorare così tanto”.

1 “Lauzon aveva ragione: è stata ingannata”

Standard – Anderlecht: 1-0. Hasi parte con Poulette unica punta, mentre Mitrovic siede in panchina. Carcela segna l’unico gol della partita mentre l’Anderlecht segue lo Standard di otto punti, e Hassi dice che il suo obiettivo è il terzo posto. L’allenatore dello Standard Jay Lauzon risponde: “Non credi a quello che dice Sensei?” Al-Hassi oggi: “Lauzon aveva ragione, stavo bluffando: le qualificazioni dovevano iniziare contro il Club Brugge. Dopo aver preso il posto di John (van den Brom) prima del 30, avevo un’idea in mente: mettere Koyate a centrocampo (4-0) E allo Standard era troppo presto da anni, Shehu giocava in poltrona ed è diventato un trattore. Ho dato tre settimane al mio allenatore Mario Inorato per prepararlo alla partita contro il Bruges.

Carcela segna l’unico gol per Standard – Anderlecht. © Immagini Notizie

2 “Il mio trattore Kouyaté era pronto”

Anderlecht-Club Brugge 3-0. Tielemans e due volte Cyriac hanno fatto la differenza prima dell’intervallo. L’Anderlecht fa saltare in aria il club. Koyate a centrocampo è la sorpresa dello chef. “Il mio trattore era pronto. Questa scelta tattica ha sorpreso Michel Prudhomme. Sheik è stato eccezionale. Ho messo anche Praet a sinistra. Per anni suo padre mi aveva preso in giro dicendo che suo figlio era ’10’ e poi c’era un 66-“. passaggio basso di Tielemans al tiro “Ho mantenuto quella sequenza, e qualche volta la mostro al mio staff. Ho anche dovuto prendere la dolorosa decisione di mettere Gillett in panchina, ma contava solo il risultato della squadra. ‘Questa vittoria’ ha funzionato ‘ nella nostra testa: ‘Possiamo realizzare qualcosa di bello.’

Koyate – qui contro Tom De Sutter – in modalità leader. © Immagini Notizie

3 “Maes all’Anderlecht? “Sapevo che era sbagliato.”

READ  Formula 1 | Wolff : Il tuo livello di potenza in un débloquer sur la W13

Lokeren-Anderlecht 1-2. Prima della partita, Peter Maes era stato menzionato come potenziale nuovo allenatore dell’Anderlecht per la prossima stagione. Al-Hassi: “Questa voce non mi ha destabilizzato. Sapevo che era sbagliato. ‘Se finisci terzo, il tuo contratto verrà prolungato’, mi ha detto Roger Vanden Stock, prima dell’inizio delle qualifiche.” A Lokeren, l’Anderlecht ha vinto la prima trasferta in quattro mesi. Con fortuna. Mitrovic salva i suoi segnando l’1-2. Al-Hassi: “Dopo un passaggio di Vanden Borre ha sfondato la difesa del Lokeren. Ricordavo la sconfitta nella fase classica con il punteggio di 2-1 a fine febbraio. L’atmosfera era marcia. I tifosi ci aspettavano fuori. Lì Van Holsbeek mi aveva già detto: “Sii preparato”.

Mitrovic ha appena segnato l’1-2 e Marek geme. ©Belga

4 “Niente Metro Hand? Roger era arrabbiato con me!”

Anderlecht-Zulte-Waregem 0-0. Piccola battuta d’arresto per l’Anderlecht che non riesce a segnare. L’immagine della partita è il rifiuto di Mitrovic di stringere la mano a Hassi dopo essere stato sostituito da Vargas al 76′: “È una mentalità balcanica, quanto ho lottato per questo!” Nel giugno 2013, ha disputato una bellissima partita con la Serbia all’Heysel, contro la Kompany (2-1 per i belgi). Di notte Roger Vanden Stock mi sveglia: “Costa 5 milioni, sei sicuro che sia l’uccello raro di cui abbiamo bisogno?” Ho detto di sì. Ma poi, quando gli ho dipinto i palloni bianchi in testa, e quando ha mangiato la pizza con la Nazionale, il presidente è venuto a cercarmi. “Va bene, Besnik, hai trasferito i 5 milioni?” Ho detto a Mitro: ‘Non dimenticare che io, albanese, lotto per te, serbo!’

Mitrovic respinge la mano di Hassi contro Zulte Wargem. © Immagini Notizie

5” 5 vittorie necessarie? Di’ a Roger di smetterla!

Genk-Anderlecht 1-0. L’Anderlecht batte il Genk ma spreca sette occasioni da rete e Mitrovic sbaglia addirittura un calcio di rigore. Al-Hassi dopo la partita: “Chiunque osa portare rancore nei confronti di Metro deve vedersela con me.” Al-Hassi ora: “Ho difeso pubblicamente i miei giocatori, ma internamente sono stato duro con loro”. È stato Pavel a segnare, all’89’, l’unico gol della partita. Hassi :”Non so ancora se lanciare la palla sia stato intenzionale.” Questa volta il titolo sembra essere scomparso. Roger Vanden Stock ha detto: “Ci vorranno cinque vittorie su cinque per diventare campione”. Al-Hassi oggi: “Sono andato a cercare Herman (Van Holsbeek) Gli ho detto: chiedi al presidente di smetterla di dire cose stupide. È impossibile vincere cinque partite!

Le Fameux lob de Buffalo contro Deschacht et Anderlecht. ©Belga

6 “Metro è corso verso di me dopo il suo gol”

READ  Andretti è stato finalmente accettato come 11° team di F1 dal 2026?

Anderlecht-Standard 2-1. L’Anderlecht soffre contro la Roche. Mbemba segna contro i suoi (0-1), Batshuayi perde 0-2 e 0-3 prima della fine del primo tempo. Mbemba (1-1) e poi Mitrovic (2-1 al 78′) ribaltano il risultato. Al-Hassi: “Mitro è corso verso di me. Ero sollevato perché non abbiamo fatto una grande partita”. Hassi è stato premiato: dopo questa partita ha firmato per due anni. “E John van den Broome? Ha capito la situazione. Sapeva che non gli stavo giocando uno scherzo sporco. Parliamo ancora regolarmente.”

Mentre Mojangi Piya si prepara a entrare in partita, Mitrovic festeggia la sua vittoria per 2-1 tra le braccia di Hassi. ©Copyright ISOSPORT

7 “Quella chiamata di nonno Amy mi ha toccato”.

Club Brugge-Anderlecht 0-1. La partita dell’anno inizia male per l’Anderlecht: Mitrovic viene espulso al 37′ dopo un uno contro Engels. Il serbo è scoppiato in lacrime nello spogliatoio. Al-Hassi: “Gliel’ho detto mille volte: stai attento, Engels è un campione della provocazione e ti verrà a cercare”. “È caduto in una trappola.” Ma l’Anderlecht non si arrende. “Quando Michel ha cambiato il suo stile passando al 4-4-2 ho detto al mio staff che avevamo buone possibilità di vincere. Ho fatto entrare Bruno, Gillette e Acheampong e li abbiamo fatti male in contropiede. Guillet sbaglia una grande occasione e poi Meunier segna un autogol, ma non è una coincidenza. Julien Prudhomme, il figlio di Michel, piange sul palco. Al-Hassi: “Michel era arrabbiato dopo la partita.” Hassi conferma che l’Anderlecht punta al terzo posto. Reazione di Preud’homme: “Credi davvero a quello che dice il sensei?” Al-Hassi ora: “Volevo ridurre il più possibile la pressione. Ricordavo la partita 2-5 tra Genk e Anderlecht nel 1998, quando giocavo a Genk eravamo così nervosi per essere campioni che ci tremavano le gambe”. Al suo ritorno a Bruxelles, dopo lo 0-1 a Bruges, Emi Anthonis ha chiamato Hassi. “Mio nonno mi diceva: ‘Se non fai cose stupide, sei un eroe.’ “Mi hai toccato.”

Acheampong è emozionato, Meunier ha appena segnato lo 0-1 contro la sua squadra. © Immagini Notizie

8 “Ho detto ad Anthony The Showman le mie verità”

Anderlecht-Genk 4-0. L’Anderlecht è scatenato. Bruno (doppietta), Najjar e Brett segnano. Il punteggio è stato segnato 4-0 da Anthony Vanden Borre, che per primo ha creato un piccolo ponte verso Shrivers prima di alzare la mano e alzare il braccio, per emozionare il pubblico e turbare gli avversari. Al-Hassi: “Ero arrabbiato. Si stava comportando alla grande, ma non era compito suo fare quel gesto con la mano. Anzi, contro l’Oostende si è alzato sulla palla. Gli ho detto che se fossi stato il suo avversario lo avrei lanciato in aria. Ma lui era al suo meglio perché aveva due obiettivi: un nuovo contratto e un posto nel “La selezione per la Coppa del Mondo non poteva essere migliore di quella in Belgio”.

Il famoso gesto della mano di Vanden Borre contro il Genk, che ha fatto arrabbiare Hassi. ©Belga

9 “No, presidente Shehu, non ha sbagliato il tiro!”

READ  Invasion de l'Ukraine: le capitaine de la sélection russe Dzyuba dénonce un "deux poids deux mesures"

Zulte-Waregem-Anderlecht 1-2. L’Anderlecht supererà lo Zulte, che non perdeva in casa da un anno, con un gol di Kouyaté e un gol di Bruno. “Dopo la partita, Roger Vanden Stock è entrato nello spogliatoio e ha detto: ‘E penso che Shehu abbia sbagliato il tiro in porta!’ Gli ho detto: ‘No, capo! È così che Shehu tira in porta!'” Lo spettatore più famoso è Jose Mourinho, che viene a scovare Youri Tielemans. Dopo la partita, Mitro alza la mano e firma i soldi sfregando insieme l’indice e il pollice. Al-Hassi: “Nei Balcani i giocatori fanno così per segnalare alla loro dirigenza: ‘Preparatevi a pagarci un grosso bonus!’ E nello spogliatoio c’era un’euforia totale che dovevo calmare i giocatori dicendo loro: ‘State attenti , è rimasta una partita!’”

Koyate, il capocannoniere dello Zulte, si considera già un eroe. © Immagini Notizie

10 “Brutto voleva andare avanti con la mano rotta”.

Anderlecht-Lokeren 3-1. Basta un punto per conquistare il titolo, ma la partita vede alti e bassi: Proto si rompe la mano, Al-Harbawi pareggia e Vanden Borre viene squalificato, portando il punteggio sull’1-1. “Prima della partita ho incontrato Peter Maes e quando mi ha salutato ho sentito che voleva viziarci. Silvio voleva finire la partita con la mano rotta. E poi c’è stata la salvezza per 2-1 di Mbemba. “Per noi è stata una punizione e ho visto Mbemba andare avanti. Dico ai miei dipendenti: cosa diavolo farà in anticipo? Dobbiamo mantenere l’1-1 alle dieci!’ Su questo calcio di punizione ha segnato. Dopo la partita sono entrato in campo con mio figlio di 10 mesi. Ma sono dovuto scappare perché i tifosi stavano entrando in campo”.

Bruto festeggia il titolo con la mano rotta e ingessata. ©Belga

Besnik Hassi, il successore di Heine Vanhaysbrouck a La Jeantoise?