Giugno 30, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Ancelotti, il grazioso allenatore che è diventato il più grande

Convocato in panchina a Madrid la scorsa estate dopo il suo primo periodo (2013-2015) culminato con la corona europea, ‘Carlito’, all’età di 63 anni il 10 giugno, ha trovato una posizione all’altezza del suo talento per continuare a scrivere la sua leggenda.

Il suo stile brillante, a volte tradito dal famoso sopracciglio sinistro alzato, ripaga sempre: a fine aprile “Il Mister” è diventato il primo allenatore della storia a vincere i cinque maggiori campionati europei di calcio grazie a una vittoria nella Liga con il Real.

Poi l’immagine del reggiano, lucchetto bianco, occhiali scuri e sigaro in bocca in mezzo ai suoi esilaranti giocatori, ha acceso i social.

“I giocatori sono miei amici”, ha sorriso il tecnico, e sabato lo hanno riportato da lui.

Con questa nuova corona europea, l’italiano si è piazzato da solo negli dei del calcio vincendo la sua quarta Champions League dalla panchina (2003 e 2007 con il Milan, 2014 e 2022 con il Real Madrid), davanti alle fenomenali Zinedine Zidane e Bob Paisley (tre premi a testa).

“Gentile grande orso”

La carriera di Ancelotti ha però visto dei buchi d’aria negli ultimi anni, prima nel Napoli (2018-2019) e poi nell’Everton (2019-2021), club di livello inferiore alle abitudini degli italiani, dopo il suo fallimento – parente – alla guida di Bayern Monaco dove ha vinto lo scudetto tedesco nel 2017.

Maldini, l’ex capitano del Milan, lo ha spesso descritto come un “simpatico orsetto” incapace di spargimento di sangue: “Può succedere solo quando mangia, perché una volta che tiene una spina ci vuole un esercito per fermarlo!”

Quella calma, quell’amore, ma anche una formidabile esperienza di gestione umana e di scienza tattica (il suo famoso schema “albero di Natale”), che valse ad Ancelotti, con il quotidiano supporto del figlio e vice David, il sostegno e l’affetto dei sollevatori di pesi del Real spogliatoio.

READ  Patrick Lefevre dà notizia di Julian Alaphilippe: "E' stato uno shock, è sopravvissuto al peggio"

Non è bastato nel 2015 a salvargli la testa dopo una seconda stagione deludente.

creatore di pace

Ma la storia d’amore tra Carlo Ancelotti, la moglie ispano-canadese, e la “Casa Bianca” non è ancora finita.

E quando il suo ex assistente Zidane, che ha vinto la tripla C1 sulla panchina del Real Madrid, ha lasciato il suo incarico la scorsa estate, il presidente Florentino Perez ha chiamato “Carlito”, che era abituato alla divisa da pacificatore.

Nel 2013, il suo talento di diplomatico ha aiutato a rimarginare le ferite dello spogliatoio di Madrid, dato alle fiamme e allo spargimento di sangue dal suo predecessore Jose Mourinho.

Al Paris Saint-Germain, dove ha firmato nel dicembre 2011, non è riuscito nel primo anno a vincere il campionato francese prima di riuscirci nel 2013, premio per gli ambiziosi investimenti dei proprietari del Qatar.

E all’interno del Chelsea, di proprietà del miliardario russo Roman Abramovich (ora scomparso), ha vinto una doppia FA Cup, prima di essere ringraziato nel 2011.

“Dopo il reale, ho smesso”

Tuttavia, il club della sua vita è rimasto il Milan, come ha rivelato lo stesso “Carlito”.

Inizialmente giocatore ombra dal 1987 al 1992, poi allenatore dal 2001 al 2009, il tecnico ha trascorso 13 anni nel club lombardo, prendendo d’assalto diplomazia – e intrighi – nella lobby.

Da giocatore, questo centrocampista bisognoso (26 presenze) ha vinto due C1 (1989 e 1990) con la leggenda Arrigo Sacchi, prima di diventare il suo assistente in panchina per l’Italia, il secondo ai Mondiali del 1994.

Da allenatore, l’ex tecnico di Parma e Juventus (1999-2001) ha rispolverato il primato rossonero con la Coppa Italia nel 2003, lo scudetto nel 2004 e due volte la Champions League nel 2003 e nel 2007, oltre all’ultima sconfitta di Homer in 2005 contro il Liverpool.

Dopo la sua quarta C1, è difficile immaginare questa delizia, appassionato di enogastronomia, sopravvissuta nel mondo del calcio.

“Voglio passare del tempo con i miei nipoti, andare in vacanza con mia moglie, ci sono tante cose che ho trascurato che mi piacerebbe fare”, ha ribattuto l’italiano a inizio maggio, sotto contratto fino al 2024, in un Amazon Prime microfono video. “Dopo il Real sì, probabilmente mi fermerò. Ma se il Real mi tiene qui dieci anni, mi allenerò per dieci anni”.