Marzo 3, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Anche se Bloom disinveste, il sindacato guadagna per la prima volta: «E saremo ancora in bonus per il 2023-24».

Anche se Bloom disinveste, il sindacato guadagna per la prima volta: «E saremo ancora in bonus per il 2023-24».

Mercoledì sera, durante la tradizionale cena pre-partita tra i dirigenti, Al-Ittihad e Tolosa hanno probabilmente discusso della decisione della UEFA di indagare sui loro rapporti con i loro club “amici”, il club francese AC Milan (Red Bird Group) e Brighton & Hove. Per i residenti a Bruxelles. Dal 2009, il club inglese è nelle mani della sua stella locale, Tony Bloom. Questo ex giocatore di poker, che ha fatto fortuna principalmente attraverso la società di consulenza sul gioco d’azzardo StarLizard, basata sull’analisi dei dati, è stato il principale finanziatore dell’Union Saint-Gilloise da quando il club si è trasferito sotto la bandiera britannica nel 2018. Alex Muzio è il presidente, ma il presidente ha stato l’azionista di maggioranza Tony Bloom.

Ma ora, per la prima volta in questa stagione, i club del miliardario si sono qualificati per l’Europa, motivo per cui il Comitato di Controllo Finanziario dei Club UEFA (CFCB) è intervenuto nei conti e nelle strutture gestionali delle due società, chiedendosi se i legami tra loro siano reali. Non sono in conflitto con queste regole sostenute da Tony. Bloom è con l’articolo 5 del regolamento, che si concentra sulla “proprietà multipla” e sulla “correttezza della concorrenza”.

Tony Bloom, nel 2018, quando divenne l’uomo forte dell’Unione Saint-Gilois. © Vincent Dauternay/Notizie fotografiche

Il messaggio della dirigenza unionista era stato già allora abbastanza rassicurante e la decisione presa il 7 luglio confermava di fatto il permesso ai due club di competere in Europa League. Lo stesso vale per Tolosa e Milan, così come per il terzo caso spinoso, Aston Villa e Vitoria (Girone Quinto Sport). La squalifica avrebbe potuto sorprendere in quanto la UEFA non ha mai escluso una squadra da una delle sue competizioni per questo motivo ma il via libera è stato dato dall’ente.Dopo i grandi cambiamenti da parte dei club e dei loro investitoriLei spiegò.

Muzio passa in vantaggio

Questi cambiamenti hanno limitato in modo significativo l’influenza degli investitori e il potere decisionale a più di un club, garantendo il rispetto delle normative sulla multiproprietà., UEFA dettagliata, senza specificare chi sia stato esattamente interessato dalle modifiche. Ma il comunicato diffuso dal Sindacato ha fatto subito capire che si trattava in realtà di una piccola rivoluzione avvenuta dietro le quinte, nelle settimane precedenti, da quando era cambiata la proprietà del club. Alex Muzio, amico di Tony Bloom e molto apprezzato anche a San Gil dal suo arrivo come presidente, è diventato il 15 giugno il maggiore azionista della società inglese proprietaria della Union, Langford Holdings Limited, di cui oggi possiede più di 75 %. di azioni, mentre in precedenza era inferiore al 25%. “Ora sono l’azionista di maggioranza dell’associazione e sto aumentando il mio investimento nel club mentre la partecipazione di Tony nel club è ridotta a una quota di minoranza“, ha spiegato Alex Muzio nel comunicato stampa del club, lo scorso 7 luglio.

L’inglese Alex Muzio, 39 anni, è ormai quasi l’unico capitano a bordo. ©Foto Belga di Tom Goevaerts
Nawras

La UEFA ha avvertito che c’era un problema.

In una telefonata con noi, il 39enne inglese racconta di più, per la prima volta, su come ha vissuto questo cambio di ruolo e il suo impatto sul futuro del numero 10.Non ci sono stati contatti tra Brighton e l’Etihad. Tranne Tony, che era in contatto con entrambi i club. Il consiglio che abbiamo seguito ci diceva che non ci sarebbero stati problemi se entrambi i club si fossero qualificati per l’Europa, sulla base del fatto che io avevo una quota di minoranza, ma avevo una quota di maggioranza. (Nota del redattore: utilizzo del sistema di ponderazione dei voti) E quindi al sindacato. “Ma i regolamenti UEFA spettano alla UEFA interpretarli, e loro hanno ritenuto che ci fosse un problema, ed è un loro diritto”.

Nawras

Anche se Tony non esiste più, se necessario è ancora possibile un aumento di capitale.

Anche se è chiaro che la mia fortuna è molto inferiore a quella di Tony, credo che questo cambiamento avrà poco impatto sul futuro del sindacato, per due ragioni:Continua Alex Muzio. Innanzitutto perché le nostre spese sono attualmente coperte dalle nostre entrate; Soprattutto con il modo in cui abbiamo strutturato il nostro reddito derivante dalle rimesse in entrata. Ad esempio, i ricavi legati a Boniface ammonteranno, in media, a 6,5 ​​milioni di euro nei prossimi due anni. In secondo luogo, perché se mai il club avesse bisogno di un altro aumento di capitale per ragioni operative, ciò sarebbe comunque possibile.

READ  'Si torna a scuola... e stanotte non si dorme a casa': una commovente richiesta di aiuto dalla conduttrice televisiva belga, madre di una figlia disabile

Ma, a priori, non da Tony Bloom. Anche se, secondo le nostre informazioni, la decisione della UEFA non impedisce al miliardario del Brighton di reintegrare in misura maggiore il capitale dell’associazione se in futuro uno dei due club non sarà più europeo, questa non sarebbe l’idea, secondo il rapporto. Ad Alex Muzio: “Tony ha mantenuto una partecipazione di minoranza in Etihad attraverso Langford, ma non ci sono piani per lui di tornare come azionista di maggioranza.

2022-23: Ricavi raddoppiati e bonus

Il primo punto sottolineato dal nuovo uomo forte del sindacato rende chiaramente meno scoraggiante il declino dell’influenza di Tony Bloom. Dopo aver ammesso perdite per anni, al punto che poco più di un anno fa la perdita cumulata ha raggiunto i 36 milioni di euro, la RUSG ha realizzato per la prima volta un anno finanziario positivo, nel 2022-23, si legge nei conti annuali pubblicati all’inizio di novembre. Merito soprattutto dei bonus pagati dalla UEFA per la trasferta ai quarti di Europa League – circa 12 milioni di euro – e del trasferimento record all’estero, con le cessioni di Kasper Nielsen, Dante Vanzer e Denis Undav. Se gli stipendi aumentano logicamente di sei milioni, a 21,7 milioni di euro, allora i ricavi esplodono, raddoppiando, raggiungendo i 41,3 milioni di euro. Sono stati soddisfatti anche i nuovi requisiti della Lega Professionisti in termini di rapporto salario/ricavo e diritti di proprietà.

Rendiconto Finanziario della Federazione ©IPM Grafica
Nawras

Positivi anche i conti della stagione in corso.

“Siamo soddisfatti della stagione 2022-23“, prosegue il presidente. Il modo in cui sono strutturati i nostri conti, con i profitti di trasferimento riconosciuti immediatamente e le spese di trasferimento ripartite sulla durata dei contratti dei giocatori, ci consentirà di acquisire un nuovo profitto nei conti 2023-24.

READ  Il tecnico Yves Sernels è “orgoglioso” dopo la vittoria dei Fiamme Rosse sull'Olanda: “Per me un grande sogno”

Le lucrative partenze di Boniface, Theoma, Al-Azouzi, Lenin, Nieuwkoop, Kundus e van der Heijden non saranno separate l’una dall’altra. Un buon trasporto rimane fondamentale per la federazione. Perché non bisogna dimenticare che Langford ha dovuto pompare 26 milioni di euro in aumenti di capitale tra il 2020 e il 2022-2023 per tenere a galla la barca, come tanti altri club del PSL. Ma adesso la nave di Marine naviga bene da sola.


L’elenco è preoccupante e potrebbe essere ridotto

Se l’Unione deve adeguare il proprio contributo, è a causa delle norme sulla proprietà multipla incluse Nei regolamenti UEFA. Si è votato per evitare ogni sospetto sull’esistenza di accordi tra club “amici”, come nel caso di Union e Brighton, o addirittura appartenenti alla stessa entità, come nel caso tra Tolosa e Milan (Red Bird). Altro esempio noto: 777 Partners Group, azionista di maggioranza dello Standard, ma anche del Genoa, dell’Hertha BSC e della Red Star e azionista di minoranza del Siviglia. Ma i gruppi multi-club stanno crescendo di numero, e la UEFA deve far fronte a regole che comunque hanno senso: non vedere due entità nelle mani degli stessi influenti azionisti incontrarsi in Coppa dei Campioni.

La volontà espressa da Enos, già proprietario del Nizza, di acquistare quote importanti dal Manchester United solleva interrogativi anche in Inghilterra, visto che il club francese attualmente occupa un posto nella Ligue 1 che qualifica alla Champions League. Infatti, lo scorso marzo, in un’intervista con l’ex leggenda dei Red Devils Gary Neville, il presidente della UEFA Aleksander Ceferin credeva che la sua organizzazione dovesse riconsiderare queste regole. Da allora, la pressione è continuata poiché, secondo i media inglesi, il Comitato Esecutivo UEFA, riunitosi a dicembre, potrebbe discutere di questo regolamento e la modifica potrebbe essere votata all’inizio del 2024. Un imperativo reso più forte dalla riforma globale del campionato. Campioni d’Europa che lo accoglieranno. Più squadre dal 2024 al 2025, stime UEFA. Resta da vedere se l’etica vincerà.

READ  Lo Standard è vicino all'acquisto di un centrocampista molto ricercato! - Tutto il calcio