Giugno 23, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Vivian, agente di frontiera francese: “A malincuore, mi sono dimessa dal Lussemburgo”

Vivian, agente di frontiera francese: “A malincuore, mi sono dimessa dal Lussemburgo”

Vivian, una frontaliera francese che da quasi quattro anni lavora per un marchio di abbigliamento nel Granducato, lascerà il lavoro tra poche settimane, al termine del periodo di preavviso. Se fosse stato felice del suo lavoro, i frequenti ingorghi sulla A3/A31 ei doppi ritardi dei treni gli avrebbero dato una motivazione migliore. pittura.

La sua condizione è meno isolata e più bassa. Dopo diversi anni di lavoro come consulente commerciale per un grande negozio di abbigliamento di marca, Vivian, viaggiatrice transfrontaliera, decide di lasciare il Lussemburgo, stremata da tempi di volo sempre più lunghi ed estenuanti.

« provare »Nel Granducato

Originario di Woippy, a nord di Metz, dove tuttora risiede, Vivien si avvicina sul serio (mentre sorride tra sé) Trenta. Dopo aver conseguito un diploma di maturità +2 nelle vendite e alcune prime esperienze nei negozi della provincia della Mosella, quattro anni fa ha deciso di varcare il confine per vivere l’avventura nel Granducato.

« Mi è sempre piaciuto parlare con le persone. Avendo un buon senso della comunicazione, in tenera età ho iniziato ad interessarmi alle vendite. Ad attrarmi, in particolare, era la possibilità di conoscere ogni giorno nuove persone; Per poter scambiare con loro e consigliarli. »

Amanti della moda, il giovane trova un lavoro part-time in un piccolo negozio a Metz. ” È stata una prima esperienza, molto formativa, che mi ha permesso di confermare che amo questo lavoro Dopo aver trascorso alcuni anni in questa attività, Vivian ritiene che sia giunto il momento di iniziare una nuova sfida professionale.

« È qui che un mio amico mi ha suggerito di candidarmi per negozi di abbigliamento in Lussemburgo, e questa potrebbe essere una grande opportunità, soprattutto perché ci sono molte assunzioni in corso. Quindi ho voluto provarlo! Una volta detto e (quasi) fatto all’istante: Meno di tre mesi dopo, Vivian trova lavoro come commessa in un negozio di abbigliamento vicino alla Grand Rue, nel centro della capitale.

READ  Le etichette bianche sono migliori dei grandi marchi? Test-Achats ha testato 1.500 prodotti

Il primo singhiozzo

Siamo nel 2018 e la giovane Mosella” Vivi al meglio “La competizione, come ama riassumere, in confidenza venata da un tocco di nostalgia. Il suo contratto inizia a fine giugno, lavorando i primi due mesi durante l’estate, con un flusso modesto che gli consente di prendere tranquillamente i suoi voti, e viaggi di lavoro a casa abbastanza tranquilli sulla A3/A31.

« La questione dell’andirivieni era un fattore che lo temeva quasi quanto il fatto di non svolgere il lavoro agli occhi del mio supervisore; Ma alla fine sono stato rassicurato molto rapidamente. »

Come ci si potrebbe aspettare, le cose hanno iniziato ad andare male all’inizio dell’anno scolastico nel settembre 2018, con un afflusso molto maggiore di automobilisti che sono tornati al lavoro nel Granducato e le condizioni del traffico sono inevitabilmente peggiorate.

In linea di principio, una sessantina di chilometri separano Woippy (il luogo di residenza di Vivien) dal centro di Lussemburgo, o di solito circa un’ora di macchina. ” Solo che mi è capitato di sdraiarmi quasi il doppio a volte. A partire dalle 9, sono dovuto partire tra le 7 e le 7:15 per sperare di non arrivare tardi, è stato pazzesco! »

Ripetizione stanca

A partire dall’autunno 2018, Vivian comprende che la reputazione di lentezza dell’A31/A3 è ben consolidata. Tuttavia, convinto che questo lavoro in Lussemburgo, per di più nella sua filiale, rappresentasse per lui una splendida opportunità, tenne duro…” Ho passato tutto il 2019 così. Sono uscito esausto ma una volta arrivato lì tutto andava bene con il mio lavoro, il che mi ha aiutato molto ad andare avanti. »

Inedito quanto imprevedibile, Il 2020 è scosso dal virus Covid-19 che costringe le cosiddette imprese non essenziali a declassare la propria rete per diversi mesi. L’azienda di abbigliamento in cui lavora Vivian è una di quelle, e come migliaia di altri dipendenti, si ritrova a soffrire di disoccupazione tecnica, in trepidante attesa di un ritorno alla vita normale…

READ  Internet in Belgio : voici le meilleur opérateur, selon votre région

Con l’avvento del 2021, le prospettive appaiono un po’ più rosee, nonostante la situazione sanitaria ancora molto complessa. ” Nel 2021 siamo riusciti ad aprirne altri. Anche se l’inizio dell’anno è ancora complicato, la situazione è progressivamente migliorata e i clienti iniziano a tornare. »

Inoltre, tra le tante sorprese che la pandemia ha portato e lo sviluppo del lavoro a distanza che l’ha accompagnata, ha permesso di ridurre sensibilmente il flusso di lavoratori transfrontalieri che al mattino prendono l’auto per recarsi al lavoro in Lussemburgo . . ” Ho trovato la fluidità del traffico che sono riuscito a capire quando ho iniziato qui, perfetta! Purtroppo il rimpatrio faccia a faccia della maggior parte dei viaggiatori transfrontalieri, oltre all’attuazione della legge che fissa la quota massima annua per il lavoro a distanza pena l’imposizione nel proprio Paese, è accompagnato da un rimpatrio. Dagli ingorghi sulla strada …

situazione non è più praticabile

Molto rapidamente, Vivian si rende conto che con una media di tre o anche quattro ore al giorno (nei giorni peggiori) in macchina per andare al lavoro e tornare a casa a Woippy, non sarà più in grado di tenere il ritmo. ” Così l’anno scorso ho deciso di provare ad andare in treno, giusto per vedere se fosse più pratico e soprattutto meno stressante. »

Woippy è anche sul lato destro di Metz perché sulla strada per il Lussemburgo il viaggio di solito dura solo un’ora. Ciò senza tener conto dei numerosi ritardi, incidenti e lavori che si verificano molto regolarmente su questa linea essenziale del solco lorenese.

« Ho iniziato a viaggiare in treno tra febbraio/marzo 2022 ad oggi e onestamente penso che non ci sia stata una sola settimana senza problemi sulla linea… E ancora, non parlo nemmeno di treni soppressi durante scioperi o lavori alla stazione di Lussemburgo che ci ha costretti a sbarcare a Bettembourg. »

READ  La direzione di Bruxelles Airlines non cambierà la sua posizione “anche se ci fossero altri scioperi” | Belgio

Come molti lavoratori francesi d’oltre confine che vivono nella Mosella, il giovane sta gradualmente perdendo la pazienza… e la sua energia. ” L’anticipazione di potenziali guai ogni giorno, che spesso finisce per essere noiosa all’inizio, poi decisamente estenuante alla fine. »

« Alla fine Si è sparsa la voce, Vivian è deluso. Ama il suo lavoro ma rovina la sua salute e i suoi nervi per andare e tornare; o quando le molestie finiscono per avere la priorità sul sogno iniziale. Dopo un’attenta considerazione e i consigli della sua famiglia e dei suoi amici, il giovane consulente di vendita ha realizzato una decisione all’inizio di gennaio 2023 di lasciare la sua posizione in Lussemburgo per tornare a lavorare vicino a casa.

« In qualche modo, con gli ingorghi ei problemi con i treni, era un po’ per loro o per me. Rispetto la resilienza di tutti i viaggiatori transfrontalieri che continuano ad andare avanti e indietro anno dopo anno, ma lascio perdere. Sì, lavorare in Lussemburgo è stata un’esperienza molto positiva, sì, ho guadagnato molto di più di quello che posso richiedere nel mio prossimo lavoro, ma tutto a quale costo? La mia salute, la mia vita personale viene e verrà sempre prima, ecco com’è. »

Nota: se desideri condividere la tua esperienza e far parte delle nostre foto, contattaci via e-mail contact@lesfrontaliers.lu

Trovaci su Instagram: