Novembre 27, 2021

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Un’azione una tantum in relazione a un problema più globale

Passamontagna di tutte le taglie graffiato sulla schiena e persino “decorazioni per alberi“…Ecco i prodotti più popolari attualmente sulla piattaforma Wish. Questa settimana è diventato più difficile accedere a questo sito di vendita online in Francia. Servizi antifrode francesi Hanno già chiesto di de-referenziare lo statuto.

In breve: un internauta francese che digita la parola “desiderio” in un motore di ricerca non troverà presto il link diretto al sito in questione. D’altra parte, può comunque accedere alla piattaforma digitando “wish.com” nella barra del browser. L’app dovrebbe anche scomparire dagli app store per dispositivi mobili. Nessuna misura simile è attualmente all’ordine del giorno in Belgio.

La società madre di Wish ha annunciato mercoledì a mezzogiorno che sarebbe iniziato…asilo legaleContro questa decisione francese. In un comunicato stampa Condiviso da BFM Business ChannelL’azienda dichiara:Abbiamo cercato in più occasioni di intavolare un dialogo costruttivo con la DGCCRF [la Direction générale de la concurrence, de la consommation et de la répression des fraudes, NDLR]. Ora stiamo intraprendendo un’azione legale per contestare ciò che consideriamo un’azione illegale e sproporzionata.All’inizio di novembre il podio È già stato annunciato La sua intenzione è quella di migliorare la qualità dei prodotti venduti attraverso di essa.

La nostra risposta deve essere graduale.

Citato da Le ParisienLo riconosce una fonte del Ministero dell’Economia e delle Finanze Bandire il nome di dominio, ovvero bloccare l’accesso completo al sito sul web francese, sarà la punizione finale. Ma la nostra risposta deve essere graduale. Al momento Wish è ancora un po’ reattivo alle nostre richieste“.

Per informazioni sulla FranciaBruno Le Maire, il ministro dell’Economia francese, ha minacciato: o desideri È conforme alle norme sulla protezione dei consumatori o andremo oltre e passeremo dall’eliminazione del sito alla messa al bando sul suolo francese.

Wish, creato nel 2010 da un ex ingegnere di Google, è ora di proprietà di ContextLogic. La società con sede a San Francisco rivendica circa 100 milioni di utenti attivi ed è stata quotata in borsa a Wall Street nel dicembre 2020. Il negozio online funge in realtà da intermediario tra venditori e consumatori. La piattaforma funge da vetrina e gestisce i pagamenti, ma non immagazzina la merce stessa.

READ  Il prezzo del gasolio continua a salire e non si fermerà: i clienti acquistano in piccole quantità

Pericolo per i consumatori

Se Wish è nel mirino delle autorità francesi, è principalmente perché il sito è accusato di offrire in vendita prodotti di scarsa qualità. “Abbiamo campionato 140 prodotti sul sito e la maggior parte di essi erano incompatibili, persino pericolosi‘”, si riferisce alla DGCCRF in Le Parisien.

Pertanto, il 90% dei dispositivi elettrici analizzati è considerato pericoloso, così come il 62% della bigiotteria e il 45% dei giocattoli. Dopo aver informato la piattaforma dell’esistenza di questi prodotti illegali, la DGCCRF ha osservato che anche dopo essere stati rimossi, spesso riappaiono con un altro nome. Quindi Wish ha sostenuto la conformità e ritiene di non aver ricevuto nulla da allora”.risposta soddisfacenteDa qui la sua decisione: la punizione dovrebbe continuare fino a quando Wish non tornerà in conformità con la legge.

a novembre 2020, Lo stesso DGCCRF ha notato in cima ai desideriPratiche di marketing ingannevoli“Come tagli di prezzo”privo di qualsiasi realtà economicamettendo in evidenza i prodottiBuona reputazione, alcuni non sono disponibili sulla piattaformao vendere prodotti recanti loghi di marchi registratiPuò indurre in errore il consumatore“.

Una soluzione più strutturale a un problema oltre Wish

Gli articoli sono venduti su Wish ma anche su altre piattaforme come AliExpress, LightInTheBox, eBay, Amazon È anche oggetto di critiche. Diverse organizzazioni europee per la protezione dei consumatori, tra cui Test-Achats, condotto un sondaggio tra gennaio 2019 e gennaio 2020. In totale sono stati testati 250 prodotti acquistati su questi siti e suddivisi in 18 categorie.

Il risultato: più di sei su 10 di loro presentano un rischio per la salute. Rischio di scosse elettriche, cortocircuiti o incendi dei caricabatterie USB, irritazione delle gengive dei prodotti sbiancanti per i denti, irritazione della pelle dovuta alla presenza di nichel in alcuni gioielli o addirittura soffocamento causato da oggetti fragili in alcuni giocattoli… Pertanto sono stati identificati diversi rischi per i prodotti acquistati durante questo test.

Prodotti non sicuri sono stati segnalati alle piattaforme di vendita online con una richiesta urgente di rimuoverli dalla vendita. In alcuni casi, è stata intrapresa un’azione tempestiva sulla segnalazione e i prodotti sono stati ritirati dalla vendita. In altri casi, la piattaforma ha risposto di non aver riscontrato il problema o semplicemente di non aver seguito l’allerta data dalle organizzazioni dei consumatori.“, Test-Achats scrive sul loro sito web.

Nel caso della decisione della Francia su Wish, Julie Freer, portavoce di Test-Achats, osserva: “Un’azione una tantum contro un problema più globaleE per aggiungere al microfono RTBF:Attualmente è in discussione a livello europeo una normativa che mira a rafforzare la responsabilità delle piattaforme nei casi in cui si osservi la presenza di oggetti pericolosi per la salute dei consumatori e che, nonostante le segnalazioni, la piattaforma non stia adottando misure ragionevoli per intraprendere le azioni necessarie . In questo tipo di casi, la piattaforma può essere direttamente responsabile dei prodotti venduti tramite il proprio broker. Penso che sia una soluzione più strutturale a un problema che va oltre il caso di Wish.

READ  Verso la fine del riscaldamento a gas nelle Fiandre? Open VLD vuole vietare le caldaie a combustibili fossili nelle nuove costruzioni dal 2023