Dicembre 7, 2021

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Microsoft creerà davvero 60.000 posti di lavoro in Belgio entro il 2026?

Batteria, corni… dopo Google qualche settimana fa, Era il turno di Microsoft Ad annunciare, martedì, importanti investimenti in Belgio. 1 miliardo di euro per tre data center e la promessa di creare… 60.000 posti di lavoro. Ma da dove viene questo numero? Diklick cercò di vedere chiaramente.

Solo poche decine di funzioni dirette.

Cominciamo con l’esaminare quanto concretamente annunciato: la costituzione di tre centri regionali di archiviazione dati sul suolo belga. L’investimento è importante dal punto di vista finanziario, più di un miliardo, ma i benefici diretti in termini di occupazione sono a priori trascurabili: bastano poche decine di posti di lavoro per far funzionare questi tre centri. “Si tratta principalmente di personale di manutenzione e sicurezza ‘, identifica il presidente di Microsoft Belgio, Didier Ongina.Questi centri sono altamente automatizzati e richiedono pochissimo personale.

Da dove viene questa cifra di 60.000 posti di lavoro?

Ma da dove viene questa cifra sbalorditiva di 60.000 posti di lavoro che verranno creati grazie a Microsoft entro il 2026? Si tratta in realtà di un’offerta fatta, su richiesta di Microsoft, dalla società di consulenza IDC che ha calcolato l’effetto leva dell’investimento con noi nell’azienda statunitense.

“Per un investimento di un miliardo di euro, sappiamo che i nostri partner (aziende IT, sviluppatori di software e applicazioni, ecc.) investiranno almeno quattro miliardi. E le nuove applicazioni che creeranno, sulla base degli elementi costitutivi che noi offrire loro, devono permettere ai propri clienti di aprirsi a nuovi mercati, creando ricchezza… Parliamo di oltre 30 miliardi in totale”, Aggiunge l’ottimista Didier Ongina.

Trasferisce lo stesso conto in termini di occupazione: “I nostri partner (quasi 4.000 aziende in Belgio) saranno in grado di creare circa 20.000 posti di lavoro e possiamo certamente sperare in 40.000 posti di lavoro aggiuntivi, grazie alle nuove opportunità economiche che offre lo sviluppo di nuove soluzioni, software o applicazioni”.

Questa stima è attendibile?

Ma queste stime sono davvero credibili? Abbiamo posto la domanda a Nicholas van Zybroek, professore di economia digitale alla Solvay School di Bruxelles. Ci incoraggia a diffidare di questo tipo di estrapolazione:Microsoft sta già chiedendo posti di lavoro che avrebbero potuto essere creati comunque. Inoltre, la creazione di posti di lavoro nel settore digitale è il prodotto di un intero ecosistema che include reti di comunicazione, sviluppo delle competenze… È molto difficile isolare la responsabilità specifica di Microsoft nei posti di lavoro da creare. nel settore digitaleQuindi, questo è un calcolo molto teorico, soprattutto perché se Microsoft non fosse in giro, altri giocatori verrebbero sicuramente a fornire software e soluzioni di archiviazione per aziende specializzate.

Quanti posti di lavoro sono stati distrutti?

Resta la domanda su quanti posti di lavoro possono essere distrutti, allo stesso tempo, dalle nuove opportunità offerte dalla digitalizzazione. “È molto difficile da apprezzare”.Nicholas van Zeebroek spiega,Ma la digitalizzazione in generale finora tende a creare più posti di lavoro di quanti ne distrugga. Questo potrebbe non essere vero tra dieci anni, ma il bilancio odierno tra i nuovi posti di lavoro creati e quelli che stanno scomparendo è generalmente positivo. Inoltre, i paesi più avanzati nella digitalizzazione sono anche quelli con i più alti tassi di occupazione oggi.

Maggiori dettagli nel video qui sopra, tratto da Déclic, New Conversation Information, 17:00 a La Première e 19:00 a La Trois.

READ  Come si spiega l'aumento dei prezzi delle materie prime?