Aprile 17, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Turni di salute: i consumatori di farmaci dimagranti potrebbero aver bisogno di istruzioni speciali prima dell'intervento chirurgico – 03/07/2024 alle 21:09

Turni di salute: i consumatori di farmaci dimagranti potrebbero aver bisogno di istruzioni speciali prima dell'intervento chirurgico – 03/07/2024 alle 21:09

((Traduzione automatica da Reuters, consultare il disclaimer https://bit.ly/rtrsauto))

(I round sulla salute vengono pubblicati il ​​martedì e il giovedì. Pensi che il tuo amico o collega dovrebbe sapere di noi? Invia loro questa newsletter. Possono anche iscriversi qui.) Scritto da Nancy Lapid

Ciao lettori di Health Tours! Il numero crescente di persone che assumono nuovi farmaci dimagranti popolari porta inevitabilmente a problemi correlati, come i ricercatori hanno scoperto in alcuni di questi pazienti prima che venissero sottoposti a un intervento chirurgico. Oggi presentiamo anche nuove ricerche su come le infezioni virali possono portare a gravi malattie cardiache, nonché una ricerca su ciò che le società mediche stanno facendo per combattere gli strumenti diagnostici basati sulla razza potenzialmente dannosi.

Gli utilizzatori di farmaci per la perdita di peso potrebbero aver bisogno di istruzioni speciali prima dell’intervento chirurgico

Secondo i ricercatori, i pazienti che utilizzano nuovi potenti farmaci per il diabete e la gestione del peso, come Ozempic e Wegovy di Novo Nordisk NOVOb.CO e Mounjaro e Zepbound di Eli Lilly LLY.N, potrebbero dover adottare misure speciali prima di un intervento chirurgico pianificato.

Questi farmaci appartengono alla classe degli agonisti dei recettori GLP-1 che rallentano lo svuotamento del contenuto dello stomaco, prolungando la sensazione di sazietà. Di conseguenza, i pazienti sul tavolo operatorio possono avere lo stomaco pieno di cibo nonostante abbiano digiunato il giorno prima, hanno riferito i ricercatori mercoledì su JAMA Surgery.

All'UTHealth Houston, gli anestesisti hanno osservato casi di aspirazione derivanti dall'entrata del contenuto dello stomaco nei polmoni in pazienti anestetizzati che assumevano questa classe di farmaci, nonostante il normale digiuno sufficientemente prima della procedura.

READ  I buoni personaggi di Equasens nel primo tempo

Per studiare questa domanda, hanno eseguito ecografie su 124 pazienti in procinto di sottoporsi a un intervento chirurgico elettivo, metà dei quali assumevano farmaci GLP-1. Più della metà di coloro che hanno assunto questi farmaci avevano lo stomaco pieno di cibo nonostante il digiuno, rispetto al 19% di coloro che non hanno utilizzato questi farmaci.

Il leader dello studio, il dottor Sudipta Sen, ha affermato in una dichiarazione che potrebbe essere necessario estendere la durata del digiuno prima dell'intervento chirurgico per i pazienti che assumono questi farmaci.

L'American Society of Anesthesiologists ha affermato che questi farmaci dovrebbero probabilmente essere sospesi prima di un intervento chirurgico elettivo.

“I pazienti dovrebbero assicurarsi di rivelare il loro uso di questi farmaci ai loro chirurghi e anestesisti”, ha detto il dottor Sen.

“Queste informazioni sono importanti per poter formulare raccomandazioni appropriate, come l’adeguamento della somministrazione dei farmaci prima delle procedure elettive, la raccomandazione di un digiuno prolungato o il rinvio di una procedura elettiva se necessario”.

La cardite mortale è sottilmente mostrata

Le nuove scoperte aiutano a spiegare come le infezioni virali possano portare alla miocardite, una condizione cardiaca potenzialmente fatale, secondo un rapporto pubblicato sulla rivista Circulation Research.

La miocardite è un'infiammazione del cuore causata dalla risposta immunitaria dell'organismo a infezioni, farmaci o sostanze chimiche.

Secondo gli autori del rapporto, fino al 42% delle morti cardiache improvvise nei giovani sono attribuibili alla miocardite, di cui l'infezione virale è la causa principale.

Negli esperimenti sui topi, i ricercatori hanno scoperto che prima che iniziasse l’infiammazione, il virus aveva già creato condizioni potenzialmente pericolose nel cuore.

READ  Suggerimenti per prendersi cura dei propri reni - Matin Libre

“La nostra comprensione delle infezioni virali del cuore si è concentrata sull'infiammazione, che causa problemi con la frequenza cardiaca o il ritmo”, ha affermato in un comunicato stampa James Smith, leader dello studio presso il Fralin Biomedical Research Institute presso Virginia Tech Carilion.

Prima che la risposta immunitaria del corpo causi l’infiammazione, “il cuore si prepara per un’aritmia”, ha aggiunto.

I ricercatori hanno affermato che i virus interrompono precocemente “le giunzioni gap e i canali ionici” coinvolti nei sistemi elettrici e di comunicazione del cuore, aumentando il rischio di schemi irregolari di attività elettrica che possono portare a improvvisi problemi cardiaci.

“Le persone con infezioni gravi possono sembrare normali alla risonanza magnetica e all'ecocardiogramma, ma quando abbiamo esaminato il livello molecolare, abbiamo scoperto che potrebbe succedere qualcosa di molto serio”, afferma Smith. “In termini di diagnosi, ora possiamo lavorare con i nostri colleghi qui per iniziare a cercare modi per analizzare il sangue per individuare un biomarcatore del problema più grave”.

Le società mediche stanno lavorando per eliminare gli strumenti basati sui pregiudizi razziali

Molte aziende mediche statunitensi hanno lavorato per porre fine all’uso di algoritmi basati sulla razza potenzialmente dannosi che abusano della razza come indicatore biologico, mostra un sondaggio.

I medici sanno da anni che molti test e strumenti comuni sono meno affidabili nei pazienti di colore, ma credevano erroneamente che questi errori fossero insignificanti.

Solo di recente, in alcuni casi a seguito dell’esperienza della pandemia di COVID-19, le autorità mediche hanno iniziato ad affrontare formalmente alcune di queste vulnerabilità.

Nel 2023, i ricercatori della Boston University e dell’American Medical Association (AMA) hanno intervistato 204 società mediche professionali statunitensi sui loro sforzi per promuovere l’equità nella salute, inclusa l’eliminazione dell’uso di algoritmi clinici basati sulla razza.

READ  Questo è il modo migliore per conservare la carne cruda nel congelatore! - Tuxboard

Hanno risposto all'indagine 29 organizzazioni regionali su 54 e 39 associazioni specializzate su 150.

Nel complesso, solo 10 (15,6%) hanno riferito di aver raggiunto l’obiettivo di eliminare algoritmi e strumenti decisionali che utilizzano la razza come indicatore di ascendenza genetica o biologica, hanno riferito i ricercatori martedì su JAMA Network Open.

Gli sforzi si sono concentrati sul coinvolgimento dei membri, delle associazioni ospedaliere, degli ospedali e dei laboratori clinici.

Altre 22 aziende (34,4%) hanno riferito che stavano lavorando per raggiungere questi obiettivi, mentre 12 organizzazioni (18,8%) non hanno considerato di intraprendere alcuna azione e otto aziende (12,5%) hanno ritenuto che la domanda non le riguardasse.

Secondo i ricercatori, i risultati del sondaggio servono come standard per ritenere responsabile la medicina organizzata.

“Quando sostituiremo questi algoritmi dannosi con strumenti antirazzisti e supporteremo approcci riparativi per affrontare i danni del passato, tutti avranno un'assistenza medica migliore e più sicura”, ha detto in una conferenza stampa la dott.ssa Emily Cleveland-Manchanda di Boston, che ha guidato lo studio. . lancio.

L'AMA ha dichiarato che prevede di ripetere l'indagine ogni anno.