Maggio 23, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Quando le dimensioni contano: le regioni del cervello e le interazioni sociali sono collegate

Hai letto questo titolo e ti trovi di fronte a una sfida. È necessario, francamente, aggiungere alcune parole: “Almeno, tra i macachi”. Ma è un’ipotesi di ricerca anche nelle neuroscienze umane: più relazioni sociali abbiamo, più determinate strutture nel nostro cervello si sviluppano.

I ricercatori dell’Inserm (Institut National de la Recherche et Medicale et de la Recherche) in Francia e dell’Università di Lione Claude Bernard Lyon1, in collaborazione con l’Università della Pennsylvania, hanno approfondito questa ipotesi studiando una specie di macaco con cervello struttura vicina a quella umana. . Hanno osservato gli animali nel loro stato naturale, nelle loro relazioni sociali e hanno analizzato l’imaging medico del loro cervello. Il risultato: il numero di amici che questo primate ha permesso di prevedere le dimensioni di alcune aree del suo cervello, che sono particolarmente associate alla cognizione sociale e all’empatia. I risultati del loro studio sono pubblicati sulla rivista.progresso della scienza“.

“Scimmie di Facebook”

In che modo il team è stato in grado di monitorare le relazioni sociali delle scimmie? Jerome Salé, ricercatore dell’Inserm, spiega: “Inizialmente, abbiamo effettuato osservazioni comportamentali di scimmie che vivevano su quest’isola caraibica, Cayo Santiago. Attraverso queste osservazioni comportamentali, siamo stati in grado di ricreare il social network in cui vivevano queste scimmie. Eravamo in grado, in un certo senso, di ricreare Facebook per le nostre scimmie. Numero di amici, stato sociale, popolarità, tutto è stato misurato per questi macachi rhesus. Una volta ottenute queste informazioni, i ricercatori hanno voluto vedere se c’erano differenze morfologiche nel cervello associate a differenze nelle norme sociali studiate: in altre parole, se una persona era più “comune” o “sociale”, determinate aree del cervello erano più sviluppati.

READ  Il reste encore plus de 9 000 espèces d'arbres à découvrir, estiment des scientifiques dans une étude

nello scanner

Una volta ottenute queste informazioni, gli individui dovevano essere scansionati utilizzando la tecnologia di risonanza magnetica (MRI). E c’è, all’improvviso, un link:Ciò che abbiamo evidenziato”, spiega Jerome Salle, “è che in due aree del cervello avevamo correlazioni positive: più ci integravamo socialmente, più partner lavoravamo per rimuovere lo sporco, più grandi erano queste aree”.“Queste sono aree della corteccia temporale.

La causa o l’effetto?

E lì, l’autore di queste righe diventa un po’ premuroso. Mi dico che dici a te stesso:Ma ehi, hanno grandi aree del cervello perché hanno relazioni sociali o, al contrario, hanno molte relazioni sociali a causa di queste dimensioni sviluppate?

Ottima domanda. I comportamenti sociali influenzano le dimensioni del cervello o viceversa? Un altro studio fornisce gli elementi più antichi dell’analisi. Ha mostrato che modificando l’ambiente sociale della scimmia da laboratorio, potremmo indurre cambiamenti nella struttura di alcune regioni del cervello, in particolare le regioni del cervello trovate in questo studio.