Maggio 22, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Tadej Pogacar sul Giro: “Forse è meno stressante del Tour”

Tadej Pogacar sul Giro: “Forse è meno stressante del Tour”

Nel sobborgo torinese di Peñasco, la squadra emiratina si è sistemata in un albergo di fronte…a un distributore di benzina. Ma nonostante ciò, il suo leader Tadej Pogacar, anche se amava davvero l’Italia, non è venuto a fare il turista. A 25 anni correrà il suo primo Giro che partirà sabato e, come ogni volta che affronta una corsa, vuole vincerla, come ha spiegato in conferenza stampa. Prima del tentativo del raddoppio del Giro, sequenza che non si realizzava dal 1998 e da Marco Pantani.

“Cosa hai fatto realmente dopo aver vinto a Liegi?
Mi sono allenato tanto, mi sono allenato bene, in sessioni molto buone e ho anche riposato. Mi sono divertito moltissimo prima del Giro. Trascorrere del tempo con la mia famiglia non era molto. Tra Liegi e il Giro è stato molto veloce.

A due giorni dalla partenza, in che stato d'animo ti trovi?
Più si avvicina la partenza, più diventa stressante, ma in senso positivo. Tutti vogliono davvero iniziare prima con me. Amo correre in Italia, amo i tifosi italiani, ci saranno anche tifosi dalla Slovenia e da altri paesi, e mi aspetto di vedere tanta gente sulle strade. Dovrebbero esserci tappe con un numero incredibile di spettatori e non vedo l'ora di vedere come sarà l'atmosfera sulle grandi salite e nelle parti importanti della gara.

READ  Formula 1 | La grogne di Lewis Hamilton è un problema fondamentale della F1

Speri di conquistare la maglia rosa nella seconda tappa?
No, non è quello l'obiettivo principale, voglio riportarlo alla Roma. Vedremo giorno per giorno come sono le gambe all'inizio. Se ci sarà la possibilità di prendere la maglia o vincere una tappa, lo faremo, ma dobbiamo correre con intelligenza in questo Giro. So che la seconda tappa è ai vertici d'Europa e mi piace iniziare i grandi viaggi con tappe difficili. Ma ci sarà anche una fase Livigno (16-21 maggio, con ascensione allo Stelvio)Montegrappa (La ventesima tappa, 25 maggio) Nel mezzo ci saranno altre belle salite che conosco bene, dato che qualche volta mi sono allenato. È un bel Jiro.

“Mi sento meglio sulla moto, mi diverto sempre di più e mi sembra logico essere migliore rispetto al passato”.

Come ci si sente ad essere favorevoli a questo tour in Italia?
Ad ogni gara a cui partecipo sono considerato il favorito e mi sono abituato. Mi preparo con questa aspettativa, con una squadra che teniamo sempre presente che tutti vogliono batterci. Quindi dobbiamo controllare la gara dall'inizio e anche il Giro sarà lo stesso, dovremo controllare la gara più o meno ogni giorno perché altre squadre proveranno le cose. Ma sta a noi seguire il nostro percorso e il nostro piano. Ma quando hai una buona squadra intorno a te, non senti molta pressione.

Ha già gareggiato alla Vuelta e al Tour de France. In cosa differiscono da Jiro?
Tutti sanno quanto i grandi tour siano diversi. Ma una volta giocato, saprai cosa aspettarti. Qui so che ci sarà brutto tempo, tappe lunghe e difficili al freddo ma allo stesso tempo probabilmente sarà meno faticoso del Tour. Ne saprò di più tra due settimane.

Ti senti meglio rispetto agli anni precedenti?
Penso di si. Mi sento meglio in sella, mi diverto sempre di più e mi sembra logico essere migliore rispetto al passato. »