Maggio 22, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Polemica sui trasferimenti dei giovani: “Una guerra tra Brugge, Genk, Standard e Anderlecht” – Tutto Il Calcio

Polemica sui trasferimenti dei giovani: “Una guerra tra Brugge, Genk, Standard e Anderlecht” – Tutto Il Calcio

La Professional League non è contenta dopo che la saga del trasferimento di Elis Benin ha fatto notizia. E tutto questo per un giocatore che ha solo 13 anni.

Elias Benin è considerato uno dei più grandi talenti europei. Dopo molte trattative, ora lascerà il Genk e si trasferirà all'RSC Anderlecht, dopo essere già passato per Eupen e Standard.

Questo tipo di trasferimento di giovani giocatori ha fatto sempre più notizia negli ultimi anni e la Lega Professionistica vuole porre fine a questo fenomeno. “La situazione sta peggiorando”, ha detto a Het Nieuwsblad Dennis Hendricks, direttore sportivo della lega professionistica.

Ciò indica che gli interessi del bambino non sono più importanti. “La situazione familiare, la situazione scolastica, tutto questo deve essere preso in maggiore considerazione”.

Guerra tra club

Attualmente si sta elaborando un piano d'azione per evitare che ciò accada in futuro, ma secondo l'agente dei giocatori che ha testimoniato in forma anonima al giornale, non ci saranno molti cambiamenti.

“È una guerra tra club come Club Brugge, Standard, Genk e Anderlecht. Sono tutti coinvolti e lavorano secondo il principio “occhio per occhio, dente per dente”: tu prendi uno da me, poi io prendo uno.” Indietro.”

Ai giocatori di età inferiore ai 15 anni in genere non è consentito avere un agente, ma aggirano in modo creativo questa regola chiamandoli “accompagnamenti”. Perché non sono solo i club a commettere errori, ma anche la famiglia del bambino e il suo entourage sono coinvolti in tutto questo circo.