Febbraio 3, 2023

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Luka Modric, rifugiato diventato superstar, ha dato il via al suo tour di addio

Lo straordinario destino di un bambino che, durante la guerra d’indipendenza croata, dovette fuggire dalla casa della famiglia Modrici, un villaggio alle pendici del monte Velebit, che si affaccia sul mare Adriatico, dove viveva suo nonno, ucciso un altro Luka Modric. dalle forze serbe nei primi mesi del conflitto (1991-1995) che provocò la morte di circa 20.000 persone.

Poi Luka Modric, sei anni, è fuggito con la sua famiglia a 40 chilometri di distanza, nella graziosa città portuale di Zara, sul mare Adriatico. Lì, nel rumore delle bombe che cadono sul porticciolo, nasce uno dei migliori calciatori della sua generazione, L’unica egemonia dei concerti è Messi et al Ronaldo Tra il 2008 e il 2021 sul Pallone d’Oroche premia il miglior giocatore del mondo.

Nel 2018 è la consacrazione. Modric è stato nominato Pallone d’Oro dopo un anno in cui ha raggiunto la finale dei Mondiali (persa contro la Francia 4-2) e ha vinto la Champions League con il Real Madrid.

Sono triste che non abbia visto nemmeno un po’ di quello che ho realizzatoEvocando il ricordo di suo nonno, Modric ha recentemente annunciato con FIFA TV.

Dal suo debutto a Zara, il suo talento ha attirato l’attenzione. “Avevo sentito di un ragazzino iperattivo che, nella hall di un albergo, continuava a calciare un pallone e ad addormentarsi con esso.Ho ricordato prima della Coppa del Mondo 2018 Giuseppe Baglowpoi allenatore NK Zadar.

Il talento del ragazzo è evidente: “Era un idolo della sua generazione, un leader e un tesoro. I bambini hanno già visto in lui ciò che vediamo oggiL’allenatore continuò.

READ  Mehdi Bayat échange avec les supporters de Charleroi: "L'arrivée d'investisseurs? La question mérite d'être posée"

Il fenomeno si schiude in un’atmosfera terrificante: “È successo un milione di volte che le bombe hanno iniziato a cadere mentre stavamo andando ad allenarci, costringendoci a correre in panchinaricorda Marijan Polgatcompagno di Luka Modrić, anch’egli allenato all’NK Zadar.