Dicembre 7, 2021

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Sono comparsi 12 consigli su Lancet per prevenire il morbo di Alzheimer

Il morbo di Alzheimer è una minaccia reale per le società occidentali sempre più anziane. Gli studi hanno dimostrato che le donne sembrano essere maggiormente a rischio di svilupparlo rispetto agli uomini. Sapendo che attualmente non esiste un farmaco efficace per rallentare la progressione della malattia, la prevenzione gioca un ruolo essenziale o comunque aggiuntivo prima che qualsiasi farmaco raggiunga il mercato. Si presume che la malattia di Alzheimer inizi effettivamente nel cervello circa 20-30 anni prima della comparsa dei primi sintomi. Questo articolo si basa su uno studio pubblicato nel luglio 2020 sulla popolare rivista inglese The Lancet. Insieme, i 12 fattori di rischio modificabili rappresentano circa il 40% dei casi di demenza in tutto il mondo che possono essere teoricamente prevenuti o ritardati. I primi segni della malattia di Alzheimer possono essere dimenticare eventi o conversazioni recenti.

1. Fare esercizio regolarmente (e sbarazzarsi del grasso della pancia)

In generale, per una buona salute, gli specialisti raccomandano circa 150 minuti di attività fisica a settimana, come camminare. L’esercizio aiuta ad aumentare il flusso sanguigno al cervello. Diversi studi hanno dimostrato il valore dell’esercizio fisico nella prevenzione della malattia di Alzheimer. Possiamo citare uno studio pubblicato il 27 dicembre 2017 sulla rivista scientifica Neurology che ha dimostrato che l’esercizio due volte a settimana può migliorare le capacità di pensiero e memorizzazione nelle persone con lieve decadimento cognitivo. Perdere il grasso della pancia è anche un ottimo metodo di prevenzione.

2. Presta attenzione al tuo udito

Fai di tutto per prevenire la perdita dell’udito, ad esempio, se lavori in un luogo rumoroso, indossa sempre le cuffie ed evita di ascoltare musica ad alto volume. Se possibile, consulta di tanto in tanto uno specialista per far valutare il tuo udito. Secondo lo studio The Lancet, l’ipoacusia è il principale fattore di rischio per il morbo di Alzheimer.

READ  Troppo debole, Cyril Gibault teme operatori sanitari non vaccinati

3. Miscelazione

Cerca di socializzare il più possibile, soprattutto se non lavori più. Alcune idee: entrare in un club (es. giocare, camminare, fare sport, leggere, ecc.), prendere lezioni (es. lingua, ecc.). Se hai una religione, partecipa attivamente alle attività della tua comunità, viaggia con amici o familiari o in un tour. La socializzazione migliora alcune importanti funzioni del cervello.

4. Smetti di fumare

Per i forti fumatori di età compresa tra 50 e 60 anni, il rischio di sviluppare il morbo di Alzheimer è doppio rispetto a quello dei non fumatori. Il tabacco aumenta il rischio di infiammazione nel cervello, che in particolare porta alla formazione di neurotossine. Una meta-analisi dell’Università della California, San Francisco, ha anche scoperto che il fumo raddoppia il rischio di malattia di Alzheimer. Inoltre, una persona che ha una predisposizione genetica e fuma ha maggiori probabilità di sviluppare la malattia.

5. Monitoraggio della pressione sanguigna

L’ipertensione è un importante fattore di rischio per la malattia di Alzheimer. Pertanto, è necessario misurare regolarmente la pressione sanguigna e mantenerla entro il range di normalità.

6. Perdi peso se sei obeso

Sappiamo che l’obesità è un fattore di rischio per il morbo di Alzheimer. Fai di tutto per perdere peso cambiando la tua dieta ed esercitandoti regolarmente.

7. Fai funzionare la tua mente

Ogni giorno il nostro cervello ha bisogno di stimoli. Parlare più di una lingua è un buon modo per aumentare la tua memorizzazione. Se parli già una lingua diversa dalla tua lingua madre, cerca di mantenere il tuo livello in quella lingua, ad esempio leggendo siti di notizie o guardando video. Con Internet è ora molto facile imparare una lingua e mantenerne il livello a basso costo. Sappiamo che il cervello è in grado di svilupparsi in modo positivo, in particolare facendolo funzionare, e questo concetto è noto con il termine neuroplasticità. Tuttavia, sappiamo che con l’età questa plasticità tende a diminuire in tutti, non solo nelle persone con malattia di Alzheimer. Un hobby ti aiuta anche a mantenerti mentalmente attivo. Particolarmente consigliato è il giardinaggio. Se possibile, trova un hobby che pratichi in gruppo, come un club di passeggiate o viaggiare

READ  Come viene finanziata la salute della comunità nel mezzo di una pandemia?

8. Indossare un casco, l’obiettivo è evitare qualsiasi trauma cranico.

Quando vai in bicicletta, sci o qualsiasi altro sport violento, indossa un casco. Il trauma cranico aumenta il rischio di malattia di Alzheimer.

9. Non bere troppo alcol

Consumare non più di 21 unità di alcol a settimana, un bicchiere di vino equivale a 3 unità, come spiegato dallo studio The Lancet. In altre parole, non bere più di un bicchiere di vino o una birra (300 ml) al giorno.

10. Fai attenzione al diabete

Controlla la glicemia per vedere se hai il diabete. In tal caso, consultare un medico per trattare la condizione. Dovresti sapere che una dieta equilibrata e un regolare esercizio fisico possono ridurre significativamente l’insorgenza del diabete di tipo 2. Se hai già il diabete, fai di tutto per controllarlo bene con l’aiuto del tuo medico.

11. Tratta la depressione

Come il diabete, la depressione è un’altra malattia che aumenta il rischio di malattia di Alzheimer. In caso di depressione, dovresti consultare un medico o uno psichiatra. La depressione viene solitamente trattata con farmaci antidepressivi e/o psicoterapia.

12. Fai attenzione all’inquinamento atmosferico

Anche se non è sempre facile combattere l’inquinamento, perché spesso dipendi da dove vivi, cerca di non uscire nelle giornate con alto inquinamento atmosferico. Evita di camminare su strade o strade con molte macchine. Non esporsi nemmeno al fumo passivo.

Altri due aspetti da tenere in considerazione

Attenzione a non prendere alcuni medicinali

Sempre più studi dimostrano che i farmaci comunemente usati possono aumentare il rischio di sviluppare demenza. Uno studio pubblicato nel settembre 2014 ha mostrato che l’assunzione di benzodiazepine (farmaci ampiamente utilizzati contro l’ansia e l’insonnia) per più di 3 mesi ha aumentato il rischio di malattia di Alzheimer fino al 51%. Chieda consiglio al medico o al farmacista sugli ultimi studi pubblicati.

READ  la salute. Quando la mancanza di sonno influisce sul modo in cui cammini

Dormire a sufficienza

Numerosi studi pubblicati in tutto il mondo hanno dimostrato l’effetto del sonno sulla funzione cerebrale e sulla memorizzazione. Ad esempio, uno studio pubblicato il 5 aprile 2017 sulla rivista Neuron, condotto dall’Università della California, Berkeley, ha dimostrato l’importanza del sonno a onde lente o profonde (non REM) negli anziani. Secondo i ricercatori della California, la mancanza di sonno ristoratore negli anziani aumenta il rischio di perdita di memoria.

Fonte

Prevenzione, intervento e cura della demenza: The Lancet Commission Report 2020. Commissioni DOI Lancet: 10.1016 / S0140-6736 (20) 30367-6

Ti piacciono i nostri contenuti?

Ricevi i nostri ultimi post ogni giorno gratuitamente e direttamente nella tua casella di posta