Maggio 26, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Bronchiolite: un quarto dei ricoveri pediatrici avrebbe potuto essere evitato grazie a Beyfortus in questa stagione

Bronchiolite: un quarto dei ricoveri pediatrici avrebbe potuto essere evitato grazie a Beyfortus in questa stagione

Questo numero era molto atteso. Il ricovero di 5.800 bambini al pronto soccorso a causa di bronchiolite da virus respiratorio sinciziale (RSV) avrebbe potuto essere evitato quest'autunno/inverno grazie a Beyfortus, secondo una stima di Public Health France e dell'Istituto Pasteur, pubblicata venerdì 26 aprile. Questa profilassi, prodotta dall’alleanza Sanofi-AstraZeneca, è stata offerta per la prima volta a tutti i bambini l’anno scorso (entro il numero di dosi disponibili).

Diversi studi hanno già indicato che questo farmaco Bifortus ha contribuito a proteggere i bambini di circa l'80% da forme gravi di infezione da virus respiratorio sinciziale (il virus che causa la stragrande maggioranza delle bronchioliti acute).

In una nuova pubblicazione pubblicata venerdì 26 aprile, anche la Sanità Pubblica francese ha ottenuto un’efficacia di questa portata contro i ricoveri in terapia intensiva. Ma la novità sta in un'altra pubblicazione, realizzata in collaborazione con l'Istituto Pasteur, che sarà presto pubblicata su una rivista scientifica.

È stato evitato un ricovero ospedaliero per 40 bambini immunizzati

I ricercatori si sono basati su diversi dati: il numero di ricoveri per bronchiolite, la prevalenza del virus respiratorio sinciziale nei bambini, le dosi somministrate e così via. Il picco di ricoveri ospedalieri per bronchiolite da RSV è stato simile, tra i bambini di età compresa tra tre mesi e due anni che hanno ricevuto pochissime cure, in questa stagione rispetto alla stagione precedente. D'altro canto, il tasso era dimezzato di anno in anno tra i bambini sotto i 2 anni di età, molti dei quali erano immunizzati. Segno che Beyfortus sembra essere molto efficace.

Dopo aver inserito tutti questi dati nei loro modelli, gli scienziati stimano che 5.800 bambini siano stati evitati al pronto soccorso dal 15 settembre al 4 febbraio, inclusi 4.200 bambini di età inferiore a 2 mesi. Ciò rappresenta un quarto del totale stimato nello scenario “controfattuale”, senza Bifortus.

READ  Moscou accusa il Pentagone d'avoir financé in Ucraina per le ricerche sulle armi biologiche

“Quando gli ospedali pediatrici sono saturi, dobbiamo trarre vantaggio da questa diminuzione del numero di ricoveri. L’impatto dovrebbe essere maggiore se più bambini venissero vaccinati”, ha detto a Le Parisien Simon Cochemez, professore dell’Istituto Pasteur e autore principale dello studio. Rispetto al numero di bambini piccoli che hanno ricevuto cure (più di 200.000), questo risultato corrisponde anche a evitare un ricovero ospedaliero ogni 40 bambini vaccinati.

Presto un vaccino per le donne incinte?

L’effetto sarebbe più forte se si prendessero in considerazione tutti i ricoveri ospedalieri e non solo quelli registrati dopo un viaggio al pronto soccorso. Ma attenzione: si tratta solo di una stima basata su un modello matematico soggetto a diversi vincoli metodologici. Inoltre, qui stiamo parlando solo di bronchiolite da RSV.

Anche altri virus possono causare questo tipo di malattia, ma non possiamo aspettarci alcuna efficacia da Beyfortus. “Inizialmente abbiamo lavorato su tutti i tipi di bronchiolite. “Ma abbiamo notato che alcuni di essi si verificavano quando il VRS non circolava”, spiega Simon Kochemez.

Podcast. Bronchiolite: come il farmaco Pifortus è stato vittima del suo stesso successo

Un numero maggiore di bambini potrebbe ricevere questo trattamento preventivo l’anno prossimo… a condizione che il laboratorio e le autorità sanitarie concordino sul numero di dosi e sul prezzo di acquisto, perché la domanda ha superato le aspettative del governo lo scorso autunno. Ma Bifortus potrebbe non essere solo in questo campo: il vaccino della Pfizer, che mira a proteggere i bambini dall'infezione da virus respiratorio sinciziale ed è destinato alle donne incinte, potrebbe arrivare sul mercato nei prossimi mesi.