Dicembre 7, 2021

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Troppo debole, Cyril Gibault teme operatori sanitari non vaccinati

La sua condizione ha fatto sì che il suo sistema immunitario funzionasse solo parzialmente, se non del tutto. Soffre anche di artrite reumatoide e malattie renali. È in dialisi a casa da cinque anni, dopo una rissa che ha condotto nel 2016, con il sostegno di suo figlio.

Cyrille Gibeault nel 2016, con il deputato Gaétan Lelièvre, mentre conduce la sua lotta per l’accesso alle cure dialitiche a Sainte-Anne-des-Monts.

Foto: Radio Canada / Léa Beauchesne

Quindi aveva una vita quotidiana complicata prima dello scoppio dell’epidemia. È un rischio, è la mia vita. Ho molto per cui vivere, ma non voglio finirlo [ma vie] con COVID, fiducia.

La tensione e la paura di contrarre il virus lo seguono ovunque. Ogni volta che vai in ospedale ti fai delle domande, Egli ha detto.

« Se lo prendi, sarà praticamente la sua fine. Mi sorprenderebbe superarlo. »

Citazione da Cyril Gibault, soffre di artrite reumatoide, dialisi e immunosoppressivo

Cyril Gibault si sente ancora tradito da questo annuncio il 3 novembre, quando il ministro della salute ha annunciato che gli operatori sanitari che non erano stati vaccinati contro il COVID-19 potevano continuare a lavorare. Delusione, cadute. Una delusione in quanto è l’unica sicurezza che ho. Perché prima che si ritirassero, quello che ci dicevano era che la sicurezza è il vaccino, nient’altro.

Cyrille Gibeault gestisce la macchina per la dialisi.

Cyrille Gibeault gestisce la macchina per la dialisi. (Archivi)

Foto: Radio Canada / Léa Beauchesne

Ora, quando Cyrille Gibeault riceve operatori sanitari a casa sua, cosa che accade più volte alla settimana, chiede loro direttamente se sono stati vaccinati.

Anche se non ci sono prove. Non è nel regolamento. Qualcuno può rifiutarsi di dirmelo, si rammarica.

« Non mi sento al sicuro quando non so con chi ho a che fare. Non so se erano vaccinati. »

Citazione da Cyril Gibault, soffre di artrite reumatoide, dialisi e immunosoppressivo

Andare in ospedale lo spaventa. Meglio… almeno la mia casa sarebbe sicura, almeno così, aggiunge Gaspizin. Vengono dove dormo e non so chi sia.

Non ci sono notizie dal ministero

Cyril Gibault ha scritto una lettera al ministro della Salute per chiedere l’attuazione della promessa iniziale, ovvero la vaccinazione obbligatoria degli operatori sanitari, almeno per quelli a contatto con i pazienti. Se sono dietro una scrivania, non mi interessa, non è dove sono, come si crede. Ma la persona che viene a prelevarti il ​​sangue o ti dà qualche tipo di benda deve essere vaccinata. Secondo me, sono in grado di farlo, ma si prenderanno la briga.

Apparecchiatura per dialisi vicino al letto.

Cyril Gibolt ora può ricevere trattamenti di dialisi a casa.

Foto: Radio Canada/Catherine Poisson

Quasi due settimane dopo aver inviato il suo messaggio, non ha ancora ricevuto risposta. Dice: non mi fermerò. Voglio che almeno mi rispondano, che mi dicano perché è stato necessario per una settimana, per un po’. Una volta che lo tradiva, non era più necessario.

Né il ministero né CISSS di Gaspé non ha voluto concederci un’intervista.

Il CISSS Si riferisce, tuttavia, a test per determinare se lo stato di immunizzazione degli operatori sanitari sia o meno un’informazione classificata.

Cyril Gibault sta ancora aspettando che venga ripristinata la tranquillità.

Con le informazioni di Catherine Poisson

READ  Covid-19 - Il tasso di infezione è esploso nei Pirenei orientali, un aumento allarmante in tutta la Francia in più di una settimana