Luglio 5, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Smantellare la salute animale e umana e l’ecosistema

Come possiamo prevenire e ridurre le nuove malattie infettive? La pandemia ha riportato alla ribalta il concetto di “One Health/Uneunique santé”. Il 15 giugno Bruxelles ospiterà una conferenza su questo approccio integrato alla salute. Con, come ospite d’onore, lo scrittore Eric Orsina, il grande viaggiatore dei paesi viventi.

L’attuale diffusione del vaiolo delle scimmie sul suolo europeo conferma la tendenza evidenziata dall’epidemia di Covid-19: la frequenza e la portata delle epidemie di zoonosi, queste malattie infettive trasmesse dagli animali all’uomo, continuano ad aumentare. Si stima che il 60% delle malattie infettive e il 75% delle malattie emergenti elencate nell’uomo siano di origine animale. Tre delle cinque nuove malattie umane che emergono ogni anno trovano la loro origine nel mondo animale. Alcuni di essi (SARS, AIDS, Ebola, influenza aviaria, ecc.) sono ancora latenti. A volte innocuo nel suo ospite, l’agente patogeno può essere fatale per l’uomo.

La Terra è un’astronave il cui equipaggio dipende l’uno dall’altro.

Le circostanze esatte dell’emergenza del Covid-19 a Wuhan alla fine del 2019 sono ancora un mistero. Incolpare i pangolini? Lui stesso infettato dai pipistrelli? Tuttavia, è certo fin dall’inizio della crisi sanitaria: che l’uomo soffre sempre più per le conseguenze dei suoi attacchi alla biosfera. La deforestazione costringe i pipistrelli ad avvicinarsi alle aree popolate, l’espansione agricola espone i lavoratori a riserve naturali di agenti patogeni e il riscaldamento globale sta permettendo alle zanzare di invadere nuove aree. Allo stesso modo, il commercio di animali selvatici e l’agricoltura intensiva nelle periferie delle aree urbane aumentano i rischi di inquinamento.

One Health / One Health a Bruxelles

L’impatto sanitario ed economico del Covid-19 ci incoraggia a immaginarci nel periodo post-crisi. Si avverte la necessità di identificare a monte i rischi di nuove malattie infettive, per prevenirli e ridurli. L’epidemia di coronavirus ha riportato alla ribalta il concetto “una salute/una salute”, che sottolinea l’interdipendenza tra salute, cibo, agricoltura, biodiversità e cambiamento climatico. Questo approccio integrato incoraggia la considerazione di tutti i fattori di apparizione di nuove malattie. I promotori del concetto, veterinari, scienziati animali, virologi, scienziati infettivi, epidemiologi, ambientalisti e funzionari della sanità pubblica, chiedono un ripensamento della governance sanitaria globale per includere una visione multisettoriale. Chiedono lo sviluppo della cooperazione tra gli attori sanitari e la creazione di reti regionali per la prevenzione e l’individuazione nelle aree ad alto rischio. Grande sfida. Poiché questa strategia è ancora “poco culturalmente coinvolta, attualmente scarsamente regolamentata, non sufficientemente pratica e di difficile lettura”, rileva, in Francia, il gruppo di esperti del Consiglio scientifico sul Covid-19, nel suo rapporto dell’8 febbraio.

READ  Qu'est-ce qu'une kilonova dont des rémanents viennent d'être détectés pour la première fois ?
Tutti i disturbi sono incarnati nel maiale, secondo Eric Orsina: allevamento in fabbrica, abusi, inquinamento, malattie. © GETTY IMMAGINI

Il concetto sta ancora guadagnando terreno? Il 15 giugno Bruxelles ospiterà la conferenza “One Health”. (Leggi il riquadro). La prima tavola rotonda, guidata da Le Vif, sarà incentrata sul rapporto tra salute umana, salute animale e rispetto degli ecosistemi. Monique Elliott, Direttore Generale dell’Organizzazione Mondiale per la Salute Animale, Veronique Trillet-Lenoir, Rappresentante oncologo, eurodeputato e dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS), e Mark Peters, esperto di biodiversità presso il Royal Institute of Natural Sciences, a Bruxelles. Il secondo scambio metterà in discussione gli sforzi europei per affrontare la sfida di una migliore armonia di vicinato. animazione talentoriunirà in particolare il biologo ULB Eric Muriel, Laetitia Limperor, di FPS Public Health, e Stefan De Keersmaecker, portavoce sanitario della Commissione Europea.

Il pipistrello è il campione dell’immunologia

Ospite d’onore della conferenza: l’economista e scrittore Eric Orsina, ambasciatore dell’Istituto Pasteur e autore di articoli su zanzare, maiali e pipistrelli. “Quando divento maggiorenne, mi rendo conto di aver trascorso la mia vita appassionata di interazioni in tutte le sue forme”, riconosce. Commercio, in qualità di economista, amore, romanziere ed esperto di guerra, ricopre attualmente la carica di professore di geopolitica dei fiumi all’Ecole de guerre di Parigi. Nella primavera del 2020 sono stato rinchiuso in casa, ho studiato immunologia e ho cercato di capire perché i pipistrelli, pubblicizzati come serbatoi naturali di molte malattie mortali per l’uomo, resistono alle infezioni. Ho contattato i ricercatori del laboratorio dell’Institut Pasteur nella Guyana francese e ho seguito lezioni sull’argomento per un mese”.

L’autore che è stato la penna di François Mitterrand (1983-1984) e ha vinto il Premio Goncourt nel 1988 per mostra coloniale Sowell, estratto dalla sua ricerca sui pipistrelli, un racconto per bambini, Marcel il pipistrello a ferro di cavallo, pubblicato lo scorso settembre (Edizioni Mnhn). Il pipistrello a ferro di cavallo più piccolo è un pipistrello molto timido con un naso a forma di ferro di cavallo che arriccia le ali quando è a riposo e in letargo. Il libro fa eco alle notizie sulla salute: i pipistrelli sono stati accusati di essere la fonte della trasmissione del virus Corona all’uomo. Lo scrittore avverte che questi mammiferi volanti sono essenziali per il nostro ecosistema. Di fronte alle epidemie che si accumuleranno, potremmo essere inclini ad eliminarle. Penso che sarebbe utile capire come funziona il sistema immunitario unico di questi animali, mantenendoli inalterati dai virus che ospitano”.

Eravamo concentrati sulla cura, mentre il focus doveva essere sulla prevenzione.

l’unicità della vita

Orsina insiste sull’unicità degli esseri viventi, umani, animali, virus. La Cina intrappolata in una strategia “zero covid” illustra l’aberrazione della frammentazione. Allo stesso modo, non fornire vaccini ai paesi poveri significa consentire lo sviluppo di nuove variabili in queste regioni, che minacceranno poi l’Occidente. La Terra è un’astronave i cui equipaggi dipendono gli uni dagli altri . Guarda alla guerra in Ucraina: questo conflitto europeo ha conseguenze alimentari negli angoli più remoti del pianeta. Provoca persino la carestia. Prima di studiare economia, ho preso lezioni di filosofia. Alla Sorbona, il nostro professore, Raymond Aron, ci ha detto di stare attenti commercio, che è erroneamente percepito come una garanzia di pace tra le nazioni. Diceva che le passioni degli uomini, in particolare la follia del nazionalismo, superano sempre i loro interessi finanziari. Non si sbagliava”.

READ  Perché Macron vuole imporre agli anziani la terza dose del vaccino?
I pipistrelli sono essenziali per il nostro ecosistema.
I pipistrelli sono essenziali per il nostro ecosistema. © GETTY IMMAGINI

All’Accademia di Francia, Eric Orsina occupa la diciassettesima cattedra, quella di Louis Pasteur. Accanto a lui sedeva François Jacob, il premio Nobel per la medicina. Ogni giovedì, in udienza, mi diceva: «Non hai la legittimazione ad occupare la poltrona di Pasteur, perché non sai niente di lui. Ai suoi occhi ero ignorante come economista e bugiardo come romanziere. Continuava a dirmi: “Devi prenderti cura di te stesso”. Mi sono dedicato all’editoria, nel 2015, Vita, morte, vita. Louis Pasteur (villaggio) E il Una biografia letteraria di questo genio che ha cercato di difendere la vita. Mi sono reso conto che virus e batteri erano vivi come noi e che questi organismi ci danno il meglio e il peggio. Vengo spesso criticato per essere un imprenditore multi-professionale, ma è la vita stessa che tocca tutto”.

Il maiale è uno specchio della nostra società

Nel 2020 lo scrittore pubblica maiali. Viaggia in paesi vivi (Faiardo). “Nel maiale, specchio della nostra società, tutte le turbolenze si incarnano, si sviluppano. Allevamenti intensivi, abusi, inquinamento e malattie lo cuociono nelle profondità del suo corpo grasso. Lo scrittore si dice anche preoccupato per lo stato di salute di la popolazione nel nostro Paese. È in declino, mentre i bilanci pubblici per la salute continuano a crescere. Perché una tale discrepanza? Poiché ci siamo concentrati sulla cura, il modo migliore per mantenere in salute quante più persone possibile è puntare sulla prevenzione. I chirurghi ortopedici sono celebrati, non i professori di salute pubblica”.

Conclude Orsina: “La mia felicità è capire e trasmettere. Sono lieta di presentarmi come insegnante. Ma un giorno un vero insegnante mi ha detto: “Eric, non dimenticare che sei prima uno studente. “Quindi sono uno studente di 75 anni e continuerà a imparare finché avrà la forza per farlo”.

READ  Vivere insieme o morire sani? ?

Per più

Dopo Bordeaux lo scorso marzo e prima di Lione e Parigi all’inizio dell’anno scolastico, Bruxelles. Il 15 giugno, alle 18, Berlamont, sede della Commissione Europea, ospiterà il secondo dei quattro eventi proposti da One Health / One Health e UPSIn collaborazione con Le Vif e Knack. Un giornalista di ciascuna redazione condurrà una tavola rotonda sul tema “Salute umana, salute animale, salute ambientale: l’equazione del nostro futuro”.

Informazioni e registrazione: 1seulesante.fr