Maggio 23, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Sito della più grande centrale elettrica a gas del mondo in costruzione a Flemal: completamento previsto entro il 1° novembre 2025

La nuova centrale elettrica con turbine a gas e a vapore (TGV) a Flemal verrà costruita poco a poco. “Possiamo dire che siamo a metà di un business importante”.Lo afferma Rudi Cordinus, vicedirettore della costruzione delle centrali elettriche per treni ad alta velocità di ENGIE. Dovremo infatti attendere fino a novembre 2025 prima che possa iniziare a produrre energia. Ma giovedì 18 aprile è arrivato un oggetto molto importante: la turbina che servirà a produrre l'energia.

Come promemoria, questo sito include in realtà una centrale elettrica. Nel 1951 è stata alimentata a carbone e ha prodotto elettricità fino ad agosto 2020, per più di 69 anni. La produzione di elettricità si è evoluta con le sfide e le tecnologie contemporanee, funzionando con olio combustibile, gas e carbone e, nel 2005, è stata la prima al mondo con un'unità al 100% a biomassa.

Dopo due anni e mezzo di lavoro è stato completato il progetto di smantellamento della centrale elettrica di Owairis a Flemally

Ma nel 2021 le autorità federali lanceranno un bando di gara. Engie si è quindi aggiudicata l'appalto per il progetto con l'obiettivo di eliminare gradualmente l'energia nucleare e garantire la sicurezza dell'approvvigionamento energetico. Il costo di investimento della fabbrica ammonta a 500 milioni di euro.

Il sito ospiterà quindi una nuova centrale elettrica con una capacità di 875 MW, in grado di produrre energia sufficiente al consumo annuale di oltre un milione di famiglie. Otterrà un rendimento superiore al 63%, secondo le stime di Engie. La sola caldaia produrrà un terzo dell'energia della centrale.

Secondo il gestore, questo tipo di attrezzatura permette di ridurre significativamente le emissioni di ossido di azoto perché recupera il calore perso dalla turbina a gas, lo converte in vapore utilizzando l'acqua del vicino fiume Mosa e poi lo inietta in vapore. Una turbina per generare elettricità. La caldaia è lunga 73 metri, larga 25 metri e alta 60 metri. Sarà in grado di resistere a temperature del vapore superiori a 600°C.

READ  Il grande fallimento del treno della birra tra Goupil e Nenov: "Buona idea... ma inutile"

Sul posto lavorano mediamente 500 persone per eseguire i lavori, e 35 persone garantiranno il funzionamento e la manutenzione dell'impianto una volta operativo. Angie ha annunciato che è stato recentemente completato Campagna di reclutamento per questo scopo. “I futuri dipendenti riceveranno una formazione della durata di un anno e mezzo. C’è da dire che dovremo imparare a gestire questo sistema completamente nuovo.identifica il direttore dei lavori della centrale elettrica TGV di Engi, Raf Ani.

Il progetto della turbina a gas e a vapore Flémalle procede. ©Michele Tonio

La centrale a ciclo combinato gas e vapore di Flémalle utilizzerà le caldaie a recupero di calore più grandi ed efficienti al mondo

Neutralità carbonica nel 2045?

Un nuovo sistema è destinato a diventare neutrale rispetto al biossido di carbonio. O catturando l’anidride carbonica emessa o bruciando gas verdi come idrogeno, biogas o gas sintetico. Engie Group ha annunciato di voler diventare carbon neutral nel 2045.

“Potremo bruciare il 30% di idrogeno grazie ai bruciatori che stiamo installando. L’obiettivo è aumentare la percentuale fino al 100% entro il 2030”.“, dice Rav Ani. Infatti, quando l'idrogeno viene bruciato, questo gas non emette anidride carbonica, anche se la produzione di idrogeno produce anidride carbonica.

“Dovresti sapere che l'idrogeno è costoso e non sappiamo se possiamo ottenerne abbastanza da bruciarlo a sufficienza. Tuttavia, penso che dobbiamo pagarne il prezzo se vogliamo raggiungere la neutralità del carbonio come annunciato.“, dice Rudy Cordinus, vicedirettore di questa costruzione.

Non esiste ancora uno studio cumulativo per le due centrali TGV

Sul fronte ambientale, il Gruppo ENGIE spiega che sarà prevista anche un'installazione di catalizzatori. Questa macchina permette di ridurre gli ossidi di azoto emessi, una molecola che può essere pericolosa per la salute respiratoria se la dose è troppo elevata. Informazioni che riflettono la preoccupazione del PTB di Seraing che chiede uno studio congiunto delle centrali TGV di Seraing e Flémalle.

READ  Dichiarazioni controverse di Raoul Hidebo su Colruyt: il PTB ammette di aver commesso un "errore"

“La costruzione di due centrali ad alta velocità nella nostra valle, nel raggio di 5 chilometri l’una dall’altra, fa temere un grave inquinamento che potrebbe avere un impatto significativo sulla salute di decine di migliaia di abitanti della valle, colpendo, in vari modi, , il sistema respiratorio.”Damien Robert si è sentito preoccupato durante la riunione del consiglio comunale dello scorso marzo.

Attualmente è stato condotto uno studio per ciascun impianto, ma il PTB è in attesa di conoscere le dosi di rigetto di questa molecola mentre questi due impianti funzionano contemporaneamente.

Alta concentrazione di ossido e biossido di azoto: il Comune richiede uno studio sull'impatto cumulativo delle centrali elettriche a gas di Seraeng e Velmali