Aprile 23, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Serena Samba Maiella si è classificata seconda nei 60 ostacoli, Armand Duplantis ha riconquistato il titolo, Noah Lyles nella 4×400.

Serena Samba Maiella si è classificata seconda nei 60 ostacoli, Armand Duplantis ha riconquistato il titolo, Noah Lyles nella 4×400.

Serena Samba Maiella ha regalato alla Francia la sua seconda medaglia ai Campionati mondiali indoor IAAF vincendo l'argento nei 60 metri ostacoli dietro alla bahiana Devin Charlton, che ha abbassato il proprio record mondiale domenica sera a Glasgow.

Nel salto con l'asta, la stella svedese Mondo Duplantis ha mantenuto il titolo con una distanza di 6,05 metri, ma non è riuscita a battere il suo record mondiale (6,23 metri) dopo aver avuto molta paura all'inizio della competizione.

Serena Samba-Maella, campionessa del mondo indoor 2022, non era tra le favorite quando è arrivata in Scozia, ma ha fatto una forte impressione nella serie prima di migliorare il proprio record francese in semifinale (7:73).

Sulla pista 5 della finale, ancora una volta ha completato una gara senza errori (7'74) per aggiudicarsi la medaglia d'argento dietro a Bahime Devine Charlton, che ha colto l'occasione per migliorare il suo record mondiale sulla distanza (7'65). “È stato magico“Godetevi CSM dopo la sua gara.”Mi ha ricordato le stesse circostanze del 2022 (intitolato Belgrado) e sono rimasto su quella serie di vittorie consecutive, l'ho adorato“.

Sono contento perché originariamente non avrei dovuto fare una stagione indoorL'atleta 23enne, che si allena dalla caduta degli Stati Uniti, ha aggiunto un nuovo allenatore.Il fatto di andare negli Stati Uniti e cambiare allenatore e tecnica… Forse ci aspettavamo che non pagasse subito, ma mi sono divertito“E regala così alla Francia la sua seconda medaglia ai Campionati del mondo indoor, il giorno dopo che Just Kwao Mathi è arrivato terzo, anche lui nei 60 ostacoli.

READ  Thunder Bombing: Il Leone, che viene punito, giocherà gli argini invece del titolo!

Duplantis è puntuale

La serata finale di questi mondiali indoor è stata segnata anche dalla vittoria della stella del salto con l'asta Mundo Duplantis, che ha superato i 6,05 m nel suo ultimo tentativo prima di non riuscire a migliorare il proprio record mondiale (6,23 m).

Lo svedese, diventato meno brillante del solito dall'inizio dell'inverno, all'inizio della gara era molto spaventato. Dopo aver superato 5,65 metri senza problemi ma mostrando un cipiglio frustrato, il 24enne è inciampato due volte a 5,85 metri prima di superare l'asticella nel suo ultimo tentativo. Allora è stato l'unico a superare 5,95 metri, poi 6,05 metri.

Secondo è l'americano Sam Kendricks con 5,90 metri, davanti al greco Emanuel Karalis (5,85 metri). Quinto ai Campionati del mondo della scorsa estate e contendente al podio in Scozia, il francese Thibaut Collet ha mancato la concorrenza e ha superato solo un ostacolo (5,65 m), lontano dalle sue ambizioni e dal record stabilito 10 giorni fa (5,92 m).

Lyles sulla 4×400

Anche l'americano Noah Lyles, tre volte campione del mondo nei 100, 200 e 4 x 100 metri la scorsa estate, ha ottenuto una sorpresa partecipando domenica alla prima gara 4 x 400 metri della sua carriera, il giorno dopo essere arrivato secondo in la corsa dei 60 metri.

Partito come terzo tedoforo, l'energico corridore ha preso il comando ed è riuscito a mantenere il primo posto per tutta la corsa. Ma l'ultimo corridore americano è stato raggiunto negli ultimi metri dal corridore belga.

Ho detto a tutti che volevo correre la 4×400 alle Olimpiadi, quindi dovevo dimostrare che potevo appartenere a quel posto.Ha spiegato di aver annunciato lo scorso dicembre che non lo avrebbe fatto.Non dirò di no” alla selezione nel girone americano di Parigi, dove punta anche a realizzare il triplo nei 100, 200 e 4×100 metri.

Tra le donne, la medaglia d'oro è stata conquistata dai tedofori olandesi guidati da Femke Boal e Leke Klaver. Nell'ultima gara della serata, la francese Agathe Guillemot è arrivata sesta sui 1.500 metri. Benjamin Robert è stato squalificato dalla finale degli 800 metri.