Aprile 18, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Frode nell'esame giudiziario: un membro della giuria, che è un giudice, dà consigli a un candidato i cui genitori sono giudici

Frode nell'esame giudiziario: un membro della giuria, che è un giudice, dà consigli a un candidato i cui genitori sono giudici

È emerso nei giorni scorsi che un membro della giuria, che è anche giudice, aveva comunicato in anticipo la prova a uno dei candidati. Lo aggiorno anche sugli ultimi cambiamenti del test poco prima dell'esame. Anche i genitori del candidato in questione sono entrambi giudici.

Prova sufficiente

Poiché disponeva di prove sufficienti, domenica la Corte internazionale di giustizia ha riferito i fatti alla procura di Gand con l'obiettivo di aprire un'indagine penale. Il candidato e il membro della commissione hanno poi ammesso gli incidenti durante un colloquio con altri membri della commissione esaminatrice. Il membro della giuria si è immediatamente dimesso dal Consiglio giudiziario supremo.

Considerata la frode, la giuria ha deciso di annullare completamente gli esami scritti di diritto penale e diritto delle obbligazioni di gennaio 2024. Per non ritardare la selezione dei nuovi giudici, ha deciso anche di organizzare presto nuove prove, dalle quali il candidato testato sarebbe stato escluso.

Altri test potrebbero essere influenzati

L'esaminatore accusato ha prestato servizio in varie giurie negli ultimi tre anni. In questa fase non si può escludere che altri candidati siano stati informati in anticipo delle prove, aggiunge il CSJ. La prossima indagine penale dovrebbe stabilirlo.

Siamo profondamente scioccati e deploriamo fortemente questa frode. Il contesto in cui si è verificato costituisce, a nostro avviso, un'aggravante. Nelle ultime ore lo stupore e l’incomprensione sono stati enormi”.“, reagisce Hilda Mellot, presidente del Consiglio giudiziario supremo. ““Ovviamente, ci rammarichiamo che questa frode possa minare la credibilità di altri giudici”.