Febbraio 27, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Ricardo Sa Pinto parla per la prima volta del suo addio allo Standard: “Senza tifo ho costruito una squadra vincente ma è stata distrutta”

Ricardo Sa Pinto parla per la prima volta del suo addio allo Standard: “Senza tifo ho costruito una squadra vincente ma è stata distrutta”

Cinque anni, sei mesi e diciotto giorni da quando ha parlato. Da quando ha annunciato la sua partenza la sera dell’ultima partita degli spareggi 1 a Charleroi (0-0), che ha qualificato lo Standard per le qualificazioni alla Champions League, non ha parlato. È ancora commosso, sconvolto e senza dubbio arrabbiato per la piega degli eventi. Il nostro uomo ha preferito mantenere un profilo basso e restare in silenzio per non gettare benzina sul fuoco. Oggi, 2.027 giorni dopo l’annuncio della sua partenza da parte sua, dopo aver letto una toccante lettera in cui ringraziava tutti i membri del club, ad eccezione dei dirigenti, Ricardo Sa Pinto, ora attivo all’APOEL Nicosia, ha accettato che il DH riveda le circostanze dovute a la sua partenza dallo Standard.

Ricardo Sa Pinto, perché sei rimasto in silenzio così a lungo?

“Perché quando sei arrabbiato non è il momento di parlare. Ho ancora amici nel club, gli ex giocatori sono ancora lì e non volevo creare caos e instabilità allo Standard. Amo questo club e lo penso sempre Gli auguro il meglio, ma ora che la dirigenza non c’è più è ora di parlare perché i tifosi meritano di sapere cosa è successo internamente in quel momento. Non sono supportato in Standard.

L’ultima volta che ha parlato è stata la sera della sua ultima partita a Charleroi, il 20 maggio 2018.

Sentirsi a proprio agio rapidamente.

“Da settembre siamo soli con il mio staff. È stato difficile perché dovevamo lottare contro l’avversario… ma anche contro gente del club che non voleva che vincessimo. Tutto ebbe inizio quando il nome Preud’homme fu liquidato tra settembre e ottobre. Quando sono arrivato, la maggior parte dei giocatori voleva andarsene. Alcuni erano frustrati e infelici, c’erano molte discussioni nel gruppo e non c’era spirito di squadra. Quando ho firmato con la Standard, le persone intorno a me mi hanno detto che probabilmente era il momento peggiore per arrivare alla Skills. Ma il club mi piaceva e volevo provare. Sono un uomo che affronta le sfide e credo nelle mie capacità e nelle capacità dei dipendenti che lavorano con me. Ho studiato la squadra e le sue esigenze. Ho messo giocatori come Lwendama, che era il numero 6, come difensore centrale. Marin non ha giocato prima di me, e nemmeno Emond. (Edmilson) Junior non difendeva molto e spesso giocava a carte. Ho aiutato molti altri giocatori ad aumentare il loro gioco. C’era lavoro. Sono stato onesto con tutti. Tutto è stato detto direttamente negli occhi. “Mi aspettavo lo stesso rispetto da me.”

Nawras

Sono stato chiamato a fare i lavori domestici, pulire il posto e prepararlo per Preud’homme.

Cosa non hai sentito?

“No, non ce l’avevo. A settembre ho capito perché ero stato portato qui. In realtà ero venuto per pulire la casa, per pulire la casa e per non restare troppo a lungo. Sono stato rapito perché avevo una grossa personalità, perché ero un leader e potevo dettare le regole. Non l’ho fatto. I leader volevano attrarre un allenatore per due o tre anni, volevano qualcuno che preparasse Il ritorno di Michel Prudhomme“.

READ  Romelu Lukaku retrouve il chemin des filets e si qualifie Chelsea pour la finale

In quel momento ha quasi pagato il prezzo dei pessimi risultati di inizio stagione (21/6).

Quando si avvia un processo e si ha un’idea chiara del gioco che si vuole realizzare, ci vuole tempo. Ho incontrato fan arrabbiati. Ho spiegato loro che eravamo sulla strada giusta e che sapevo che saremmo andati ai playoff. Da lì ci hanno dato tempo. “La stagione è come una maratona, soprattutto quando porti in campo un allenatore che deve ricostruire la squadra e ritrovare la gioia di vivere con la pressione che è insita in un club come lo Standard. Ci vuole tempo ma mi aspettavo di più dalle persone che erano attratti dalla squadra.”

Questo è da dire?

“Quando sono arrivato ho avuto un incontro con Benjamin Nequez che era il team manager. Mi ha detto che c’erano il presidente e il direttore sportivo, e poi io. Quindi ha voluto che rendessi conto di tutto. Prima di parlare con chiunque in sala club, dovevo prima parlare con loro. Sono rimasto scioccato. Poi ho risposto: “Non parliamo la stessa lingua”. Parlerò con il presidente e Olivier Renard (Direttore Sportivo) Le cose di cui avrò bisogno, non con te. Il tuo ruolo è lavorare per il club e soddisfare le esigenze dell’allenatore. Non mi ha mai aiutato né messo ostacoli sulla mia strada. A volte lo sorprendevo a parlare con lui (Emilio) Ferreira al telefono. Come ho detto, sapevo che si stavano preparando per il ritorno di Prudhomme.

Per te è tutto sistemato nell’autunno del 2017?

“Sì. Perché nessuno lo voleva in Belgio e per via dell’amicizia con Bruno Venanzi è tornato. Questo è l’errore più grande di Bruno perché ha mescolato professionalità e amicizia, questo è il mio parere”.

Qual è la natura del tuo rapporto con Bruno Venanzi?

“Prima di ottobre andava bene. Dopo gli ho chiesto di Michel Prudhomme. Lui ha negato di avere in programma un ritorno. Gli ho chiesto perché non si è rivolto ai media per sostenermi e smentire le voci sul Preud’homme. Non l’ha mai fatto. Da allora non abbiamo più avuto rapporti. Ci siamo parlati “Una volta, durante la cena di Natale, ho fatto un discorso a lui e a sua moglie, e sono rimasto composto, senza fare rumore. L’ho rivisto con il mio agente a “Qualche mese fa Venanzi mi ha inviato un invito a parlare, che ho accettato ma abbiamo non ci siamo ancora visti.

Qualche mese fa Finanzi mi ha inviato un invito a parlare, che ho accettato.

L’ultima volta che ho avuto una discussione è stata la mattina dell’ultima partita del PO1 a Charleroi.

“Sono andato a trovarlo due giorni prima della partita e gli ho detto che tutti sapevano che non contava più su di me e che il ritorno di Prudhomme era confermato. Allora ho detto: voglio restare? Sì. I tifosi e i giocatori lo vogliono anche? Sì. Abbiamo fatto una bella stagione? ? SÌ. Abbiamo la squadra per vincere il titolo la prossima stagione? SÌ. Ho la cosa più importante: il tuo sostegno e quello delle persone intorno a te? NO’. La mattina della partita di Charleroi abbiamo firmato i documenti e la sera stessa ho allenato lo Standard senza contratto. Senza essere un allenatore ufficiale del club, quel giorno ho qualificato il club per le qualificazioni alla Champions League. (Lui ride). La preoccupazione di Bruno era che si fidasse di troppe persone. “Le persone che avrebbero dovuto sostenermi non lo hanno fatto ed erano tutte favorevoli al ritorno di Michel Prudhomme”.

Nawras

A Charleroi ho qualificato il club per la Champions League anche se non ero più sotto contratto!

Ce l’aveva con l’allora direttore sportivo Olivier Renard?

READ  Suggerimenti per scommettere con successo sugli sport

“Sì, perché è stato lui a portarmi e so che non voleva che me ne andassi, ma non ha fatto quello che avrebbe dovuto fare: sostenermi pubblicamente. Avrebbe dovuto dire: ‘Lui è il mio allenatore e se lui se ne va, me ne vado anch’io.” Ma lui è rimasto. L’ho perdonato perché ho un buon rapporto con lui.” Ha anche ammesso pubblicamente di non essere favorevole alla mia partenza, e io lo ho avvertito allora, dicendo: ” Pensi di poterti fidare di lui.” (Parlando di Bruno Venanzi) ? Tu sarai il prossimo, ecco cosa è successo. Gli disse anche che Benjamin Nikez voleva il suo lavoro, che in seguito ottenne.

I giocatori sono sempre stati davvero dalla tua parte?

Erano il mio unico supporto. Avevo un bellissimo spogliatoio e alcune persone esterne al club hanno provato ad entrare, ma li ho fermati. Gli uomini non si sono mai arresi con me. Erano a conoscenza delle voci sul Preud’homme. Sono venuti da me per chiedermi sostegno in diverse occasioni e mi hanno esortato a rimanere forte al loro fianco.

Con il suo gruppo Ricardo Sa Pinto è riuscito a creare una vera famiglia.

Ascoltandoti, provi molto risentimento nei confronti di Michel Prudhomme.

“Perché ho lavorato con la sua ombra sopra la mia testa per otto mesi. Sarò onesto con te, senza Lucien.” (Donofrio), non sarà niente. Chi lo ha iniziato come allenatore? Luciano. Senza di lui non avrebbe avuto il successo che ha avuto allo Standard. Lucian D’Onofrio è stato come un padrino che gli ha dato tutti gli strumenti per vincere. Beh, era un grande portiere, sia in Nazionale che qui in Portogallo, ma come allenatore, secondo me, non era molto bravo in diversi ambiti. Col senno di poi, quello che ha fatto alle mie spalle, preparando per mesi il suo ritorno presentandosi in più occasioni sugli spalti per provocarmi, è una vera mancanza di rispetto. “L’ho abbandonato perché quello che mi ha fatto era imperdonabile.”

Nawras

Ho dovuto lavorare per 8 mesi con Prudhomme Shadow.

Hai parlato con lui?

“Mai, ed è meglio così, perché se avesse provato a parlare con me, avrebbe parlato da solo.”

READ  Riccardo Sa Pinto ritrova Heine Vanheisbroek a cinque anni dal loro fidanzamento: "Non gli stringerò la mano"

Immaginavi cosa sarebbe successo se avessi vinto il titolo?

“Dovevamo vincerlo. Questo gol di Vossen grazie alla mano di Vormer, non lo dimenticherò mai. Senza questo gol probabilmente avremmo potuto vincere il titolo all’ultima giornata. Ma nonostante tutte queste circostanze sfavorevoli, con il mio staff “E i miei giocatori eravamo i veri campioni. Abbiamo fatto un lavoro incredibile. Ho vinto le qualificazioni con nove punti di vantaggio sul Brugge. Sono state le migliori qualificazioni della storia. Inoltre lo Standard non ha mai vinto la coppa eliminando rispettivamente Ostenda e Anderlecht fuori casa ed eliminando il Club Brugge in semifinale e il Genk in finale.. Avevamo costruito una grande squadra, una squadra vincente che Michel ha completamente distrutto comprando troppi giocatori, uccidendo alla fine le finanze del club, della squadra e di Bruno. Ora gioca tranquillamente a golf. “Non l’ho mai perdonato.”

Ricardo Sa Pinto ha vinto il trofeo con la Roche nel 2018. ©BELGA

Nel corso della stagione hai dovuto fare i conti anche con la partenza di Orlando Sa, capocannoniere della squadra (13 gol).

Immaginatevi prima delle nostre due partite più importanti: l’ultima giornata della Classica e la Finale di Coppa, senza chiedermi assolutamente la mia opinione. Abbiamo venduto il nostro attaccante per 8 milioni di euro anche se in quel momento non avevamo bisogno di soldi. Ovviamente avrei rifiutato se Bruno me lo avesse chiesto. Ma poi Orlando è venuto a pregarmi di andarmene, ma non avevo niente da dire, la decisione era presa. Ancora una volta, ripeto, Bruno mi ha deluso perché spesso veniva influenzato nelle sue scelte da persone intorno a lui che non credevano nelle nostre possibilità di arrivare ai playoff e vincere la coppa. Ma sfortunatamente per loro, il karma li ha raggiunti.

Nawras

Chi può vantarsi di aver vinto la coppa eliminando Anderlecht e Brugge e battendo in finale il Genk?

Durante le qualificazioni non hai più parlato con la stampa belga: è stata una scelta tua o del club?

È stata una mia scelta. Nessuno mi impedirà mai di parlare. Ma a quel tempo sui media si parlava solo di Prudhomme e volevo anche trattenere i miei giocatori e concentrarmi sulle partite, altrimenti tutte le domande sarebbero state sulla mia partenza e sul ritorno di Michel.

Pensi che, col senno di poi, Bruno Venanzi prenderebbe la stessa decisione di lasciarti?

“Sono sicuro di no. Ripeto, avevamo una grande squadra da milioni con Marin, Lwendama e Djenepo. Se sono riusciti a venderlo è perché ci crediamo nel nostro processo. Abbiamo tirato fuori il meglio da loro, ed è lo stesso per Orlando SA.Se fossi rimasto, sarebbe stato “Bruno è ancora lì con i titoli e i soldi. Ma si fidava troppo di chi lo circondava e ha dovuto vendere”.

Nawras

Se fossi rimasto Bruno sarebbe ancora lì, con i titoli e tanti soldi.