Marzo 4, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

“Questo documentario è il re come lo conosciamo quotidianamente”: Philippe rompe la sua armatura in una confessione senza precedenti per un re belga

“Questo documentario è il re come lo conosciamo quotidianamente”: Philippe rompe la sua armatura in una confessione senza precedenti per un re belga

Probabilmente ci sarà un documentario prima e dopo “Philip”. Un anno con il re dei belgi” va in onda venerdì sera su RTBF.

Da più di un anno, Nicolas Delvaux, autore dell’ultimo libro “Accanto al Parco Paola”Segui il re durante le sue attività, incontri e viaggi.

Certamente il contenuto del documentario, ampiamente concordato e strutturato, difficilmente metterà la monarchia in una posizione difficile. Alcuni compaiono da dietro le quinte del palazzo e non da dietro le quinte. Ma non è questo il punto. Questo documento audiovisivo permette ai belgi di intravedere il lato personale e poco conosciuto del re Filippo, che parla come mai prima d’ora.

Anche se il re ha approvato la pratica in occasione del decimo anniversario del suo regno, ha visto l’arrivo del documentario con un certo disagio. L’idea nasce dal desiderio di comprendere meglio la personalità del re e il suo messaggio alla popolazione. Come accoglieranno i belgi la sua testimonianza?

I primi echi, al nord e al sud, appaiono positivi.

Non è un’intervista nel senso stretto del termine. Philippe dal Belgio parla ad alta voce, in tono intimo, in una serie di foto scattate nel 2022 e 2023.

“Mi sono reso conto molto presto che la vita non era facile. Il punto di vista delle persone che mi giudicano a scuola e tutto ciò che è difficile“Si fida di varie testimonianze con toni di onestà.”Ero diverso, ero un po’ diverso. “Non è stato facile.”

Filippo, introverso per natura, forse è nato in un ambiente particolarmente privilegiato, ma la sua vita familiare, con i genitori poco presenti, non è stata semplice. “Dalla culla alla tomba, è difficile per tutti“, cantava Etienne Dahu…

READ  Il fallimento dell'ultimo film di "Indiana Jones" è un esempio della "profonda crisi" della Disney, secondo Hughes Days

Filippo ripercorre il suo passato di giovane principe riservato e incompreso, esprimendo discretamente il suo disagio da bambino, poi da adolescente, poi da giovane adulto. “Guardavo molto, non ero molto socievole, non ero disponibile, non ero estroverso.

È riuscito a compiere a modo suo un destino unico ed esigente, che non ha né scelto né rifiutato.

Non sono il tipo di persona che si ribella così, stupidamente, per cacciare via la cosa. Non ho avuto una crisi, l’ho semplicemente accettato e ho cercato come costruire il mio mondo, Aggiunge. Hai dato un capitale. Non l’ho rifiutato, ho detto: cosa dovrei fare con questo? “

Nawras

“Mi sono sentito come se quando ho prestato giuramento fosse successo qualcosa. La gente ha capito un po’ di più chi ero. Per me è stato così… E lì ho potuto essere me stesso, addirittura.

La sua incoronazione dieci anni fa ha rappresentato un cambiamento radicale nelle regole del gioco. “Ero in pace con questo il giorno in cui sono diventato re. “Non sono passati nemmeno 10 anni, mi spiace.” Egli conferma: “Mi sono sentito come se quando ho prestato giuramento, fosse successo qualcosa. La gente ha capito un po’ di più chi ero. Per me è stato così… e lì ho potuto essere me stesso.”

Un vero gentiluomo desideroso di fare un buon lavoro

Cosa viene fuori da questo documentario? “Il documentario mostra il re come lo conosciamo, quotidianamente“, ci racconta una fonte informata. Lontano dall’immagine macho coltivata da alcuni leader populisti, il re Filippo, al contrario, accetta di denunciare i propri errori e di esprimere la propria sensibilità. Appare come un re autentico, appassionato, desideroso di fare un bel lavoro che, nonostante caratterizzato da un passato familiare complicato, sembra aver finalmente potuto esprimere la sua personalità così com’è. Secondo me tutti sono sensibili. Tutti attraversano momenti difficili e sono stati feriti dagli altri, dalla vita. Ma molte persone nascondono le loro allergie”.

READ  Meghan Markle vorrebbe costringere Harry ad andare agli Oscar nonostante l'apparente riluttanza del principe

Filippo mostra anche un lato sconosciuto di sé. Un re che amava ridere e far ridere, come suo padre, il re Alberto II, che era noto per il suo senso dell’umorismo, a differenza di suo figlio. “Anche in famiglia abbiamo qualcosa in comune: ridiamo molto, abbiamo il senso dell’umorismo e questo per noi è importante. ha detto Filippo.

In effetti, il Re è molto toccante quando mette in risalto, in questo documentario, come in ogni discorso, il ruolo della regina Matilde. “Ammiro il modo in cui mia moglie si comporta con le persone. Li mette subito a loro agio.

Perché il re non concede mai udienza?

In ogni caso, una simile pratica per un capo di Stato belga in carica non ha precedenti. A parte i discorsi di Natale e delle festività nazionali, il re parla raramente in pubblico. Non senza motivo. ““Non appena fa dichiarazioni che potrebbero avere ripercussioni politiche, il re deve essere coperto dal primo ministro”.“, ricorda Christian Berndt, costituzionalista dell’ULiège.Tradizionalmente, il re non rilascia interviste. Un’intervista condotta con un organo di stampa è caratterizzata dalla spontaneità e dalle domande che non vengono poste in anticipo. Ciò, poiché il re deve sempre essere coperto politicamente, pone dei problemi. Perché nel nostro Paese qualsiasi affermazione può avere ripercussioni politiche, anche su temi inaspettati come l’arrivo dei panda a Pairi Daiza… E poiché non potevamo anticipare le domande, è chiaro che non potrà esserci una copertura ministeriale delle sue risposte . Se il Re non concede l’intervista non è per malafede. “Questo è il risultato della nostra monarchia costituzionale”.

READ  La discoteca Le Lido di Parigi chiude i battenti

“Clip molto generose e uniformi”

La situazione è diversa per un discorso la cui autenticità può essere verificata in anticipo dal Primo Ministro, o con il sistema di voice over utilizzato nel documentario della RTBF. “In questo caso particolare, il palazzo ha potuto analizzare le audiocassette e verificarne l’autenticitàChristian Berndt continua. Non c’è imprevedibilità. Finché questa affermazione non avrà alcun impatto politico, la copertura del Primo Ministro non sarà necessaria. Inoltre, i commenti sono molto consensuali. Ci sono passaggi dignitosi e uniformi molto appropriati per un capo di Stato in una monarchia costituzionale. Questo documentario ha un carattere unico, poiché il re non parla della sua infanzia e di altre cose ogni anno. Affinché ciò funzioni, deve esserci una certa quantità di scarsità. “Al momento vediamo che anche al nord le reazioni sono abbastanza buone”.