Dicembre 3, 2021

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Quando gli uccelli smettono di migrare verso l’Africa “è come se l’evoluzione stesse accadendo proprio davanti ai nostri occhi”.

Uccelli che rimangono in Europa e non migrano più in Africa, giovani uccelli che nascono in ottobre invece che in primavera … Per gli scienziati, l’osservazione è chiara: il cambiamento climatico ha un impatto così grande sugli uccelli che cambia persino completamente il loro comportamento.

Inoltre, questi cambiamenti nel comportamento “Così potente che è stata anche una delle prime indicazioni biologiche dell’effetto”. A proposito del riscaldamento globale, sottolinea Jean-Yves Paquet, direttore del Dipartimento di Studi di Natagoras. “Le cose cambiano, a volte molto più velocemente di quanto si possa immaginare”, sviluppa il mondo degli uccelli, “È come se l’evoluzione stesse accadendo proprio davanti ai nostri occhi.”

Cambiare i metodi di immigrazione e concorrenza



6 foto





La silvia non migra più in Nord Africa per svernare. Migrare in Gran Bretagna. © Tutti i diritti riservati

Ad esempio, un warbler (vedi sopra) non migra più in Nord Africa per svernare (inverno) ma in Gran Bretagna. Sebbene molte specie continuino a migrare in Africa, “È stato osservato che in 30 anni questi uccelli trascorrono altri 15 giorni in Europa. Di conseguenza, questo riduce di 15 giorni in Africa in inverno. Quindi c’è una chiara tendenza per gli uccelli migratori a trascorrere più tempo in Europa. In inverno, “ Jean-Yves Paquet spiega.

Il problema è che questi uccelli migratori possono eventualmente competere con le specie sedentarie, quelle che non migrano. Il cibo – scarso in inverno – deve poi essere distribuito a più specie. “Possiamo presumere che ciò accadrà, e aggiungiamo ulteriore stress e causiamo problemi imprevisti”pensa Jean-Yves Paquet.

Tutto ciò che serve è un inverno freddo e tutti questi uccelli muoiono all’istante

Un altro problema con la sopravvivenza in Europa… Questa specie è più sensibile ai cambiamenti improvvisi del tempo. “Prima, la rondine, ad esempio, trascorreva l’inverno in Africa. Per diversi anni rimasero ai margini del Mediterraneo, nell’Europa meridionale. NSMa tutto ciò che serve è un inverno freddo e una settimana di gelo, e tutti questi uccelli muoiono in una volta ” Spiega l’ornitologo Mario Ninan.



6 foto





Rondini © Gettyimages

Anche gli uccelli sedentari sono colpiti dai cambiamenti climatici. In Belgio, l’Associazione reale per la protezione degli uccelli si occupa della raccolta di uccelli in difficoltà. Responsabile è l’ornitologo Mario Ninan. “Questa settimana sono stato informato della nascita di bambine dall’Egitto, cioè in ottobre! Non è normale. Il loro periodo di riproduzione non è così regolato come il clima”, Lui spiega. Il problema è “Quando gli uccelli nidificano (fanno il nido e depongono le uova) in autunno, i loro piccoli non sono adatti per l’inverno.”

Al contrario, alcuni uccelli nidificano molto presto, quando gli inverni sono molto miti. “A gennaio-febbraio e marzo a volte pensiamo che sia già primavera e alcuni merli iniziano a nidificare. Ma all’improvviso, basta un colpo di freddo e i genitori non possono più nutrire i loro piccoli. “

Uccelli migratori indeboliti

Tuttavia, gli uccelli migratori sono ancora più vulnerabili degli uccelli sedentari. “Ci sono segnali che gli uccelli migratori, in media, non stanno bene”Jean-Yves Paquet conferma. Questo può essere correlato alla migrazione stessa. Per comprenderlo appieno, è importante rivedere come funziona la migrazione degli uccelli.

“Nel Nord dei Continenti le risorse sono molto abbondanti ma temporanee”, Jean-Yves Paquet spiega. “C’è un raccolto molto forte e una produzione di insetti che avviene per un tempo molto breve e il resto dell’anno non c’è niente da mangiare.Quindi, spiega, “La migrazione consente agli uccelli di essere al nord quando c’è abbondanza di cibo, e quindi di trascorrere la cattiva stagione al sud, dove le risorse sono più stabili durante tutto l’anno, ma meno abbondanti”.

I bruchi si sono già trasformati in farfalle

Quando il picco di abbondanza inizia nel nord, gli uccelli tornano lì meccanicamente per nutrire i loro piccoli. Il problema è che, a causa del cambiamento climatico, i tempi di questo picco di abbondanza possono variare. Quindi il pericolo è che gli mancherà. “Alcuni uccelli trascorrono l’inverno in Africa e tornano per nutrire i loro piccoli con le larve. Ma quando arrivano lì, le larve si sono già trasformate in farfalle. Quindi non riescono più a trovare cibo per i loro piccoli lì”. Spiegato da Mario Neinan.

E quindi , “L’intero modello di disponibilità delle risorse sta cambiando. La grande domanda è se gli uccelli saranno in grado di adattarsi a questi cambiamenti”, chiede Jean-Yves Paquet.



6 foto





© Gettyimages

Inevitabilmente, “Le specie che migrano sono più vulnerabili di quelle sedentarie perché non riescono a percepire i segnali (inizio della comparsa delle foglie, ecc.) che indicano il picco di abbondanza. [et l’arrivée des chenilles] prima,Jean-Yves Baquet conferma.


>>> Leggi anche: Gli obiettivi climatici del Belgio alla COP26: a che punto siamo e, soprattutto, cosa bisogna fare?


“Vediamo che il capezzolo nidifica presto e prima ancora, hanno i giovani quando escono le foglie. Quindi sono in grado di nutrirli con le larve”, Jean-Yves Paquet continua. molto stabile, “Una cincia che rimane sul posto può vedere che la vegetazione inizia a muoversi più velocemente e quindi può adattarsi. Questo non è il caso degli uccelli migrati in Africa”.

L’uccello migratore “pigliamosche nero” che si trova nelle nostre foreste affronta questo problema. Ha anche bisogno di larve per nutrire i suoi piccoli quando torna dall’Africa. E per alcune popolazioni di questo tipo, dice Jean-Yves Paquet, “Siamo stati in grado di dimostrare che non si sono adattati per modificare i tempi di emergenza di foglie e larve”.

Gli uccelli saranno in grado di adattarsi?



6 foto





Gobemouche noir © Ron Knight

Quanto sono bravi gli uccelli ad adattarsi? a causa del riscaldamento globale, “Molte cose stanno cambiando drasticamente. Questi non sono solo cambiamenti molto rapidi, ma anche cambiamenti notevoli”, Jean-Yves Paquet conduce. Ma nonostante ciò, aggiunge, “Vediamo anche negli uccelli adattamenti che avvengono molto rapidamente”.

Pensiamo che ci saranno più perdenti

Tuttavia, dice, “Fortunatamente hanno la capacità di adattarsi, altrimenti sarebbe davvero disastroso. A dire il vero, sappiamo che ci saranno inevitabilmente vincitori e vinti, ma pensiamo che i vinti saranno più numerosi”.

Da parte sua, l’ornitologo Mario Ninan si è detto soprattutto “realista”. “C’è qualcosa di pessimista. Alcune popolazioni sono in caduta libera. Abbiamo già perso fino al 70% di alcune specie. Ad esempio, questi uccelli sono stati gravemente colpiti. Questi uccelli nidificano a terra, ma i loro nidi – con quelli piccoli – sono spesso distrutti dai mietitori, perché i raccolti vengono fatti sempre prima a causa del cambiamento climatico”.


>>> Da leggere anche: Appello dei dinosauri sul podio delle Nazioni Unite: “Non scegliete l’estinzione”


Fondamentalmente, l’impatto del cambiamento climatico dipenderà molto da specie a specie. “Vediamo che sono le specie specializzate ad essere degradate, cioè quelle che si nutrono esclusivamente di un tipo di alimento, o che si nutrono in un certo modo”Spiega l’ornitologo. Anzi, “Le specie generalizzate, quasi onnivore, sono in aumento. È il caso, ad esempio, dei corvi”.

Cosa fai per aiutare gli uccelli?

Nella stagione giusta, questo è essenziale “Sviluppa il tuo giardino nel modo più naturale possibile. Aumenta la biodiversità. Ciò significa, ad esempio, non falciare ogni settimana”Spiega Mario Neinan. “Devi lasciare i fiori, ad esempio i denti di leone. Attirano insetti e cibo per uccelli. Idealmente dovresti anche lasciare un quadratino di ortiche, attira le larve”.

In inverno, da dicembre a marzo, c’è una soluzione per nutrire gli uccelli. Ma attenzione, come dice un ornitologo, “La mangiatoia deve essere pulita, altrimenti provoca malattie e, soprattutto, i semi devono essere rinnovati. Perché una volta che l’uccello si sarà abituato a mangiare, tornerà sempre. Smetti di nutrirlo e lo disturberà”.



6 foto





© Tutti i diritti riservati
Informazioni sulla newsletter

Ricevi le principali notizie ogni mattina.


READ  Previsioni del tempo: IRM emette un avviso giallo