Novembre 27, 2021

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Dobbiamo combattere l’obesità in tutti i casi?

L’autore è professore alla Laval University School of Medicine, direttore scientifico di VITAM – Center for Sustainable Health Research e membro dell’American Heart Association (FAHA). È stato anche insignito del titolo di Chevalier de l’Ordre national du Québec (CQ).

La dimensione dello studio è impressionante e i suoi risultati sembrano innegabili. nei giorni scorsi articolo scientificoI ricercatori utilizzano i dati del gruppo UK Biobank – un campione di 381.363 persone seguite per 11 anni per vari problemi di salute – per concludere che il concetto di “obesità sana” (” Obesità metabolica sana Lei è una leggenda.

Questi ricercatori hanno conservato i dati sui membri del gruppo che hanno soddisfatto il criterio diagnostico per l’obesità: indice di massa corporea (BMI) uguale o superiore a 30 kg/m22, calcolato in base al peso e all’altezza. Hanno quindi concentrato la loro analisi su coloro, tra gli altri, che avevano buoni punteggi per quattro dei sei indicatori di salute considerati nel loro studio (pressione sanguigna, proteina C-reattiva. [un marqueur inflammatoire]Trigliceridi, colesterolo lipoproteico a bassa densità, colesterolo lipoproteico ad alta densità e HbA1c [un indice du contrôle de la glycémie]).

I risultati di questo studio sono stati ampiamente discussi dai media, che l’obesità fa male alla salute e che il controllo del peso dovrebbe essere raccomandato a tutti.

Dato che mi interesso di obesità da decenni, vorrei commentare questo studio. Quarant’anni fa, nell’ambito del mio lavoro di dottorato sul legame tra obesità e salute, sono stato subito colpito da una nota meravigliosa. Alcune persone con diagnosi di obesità non hanno la pressione alta o il diabete e non hanno fattori di rischio per le malattie cardiovascolari. Al contrario, altri hanno un BMI normale (uguale o inferiore a 25 kg/m2Questi fattori di rischio sono dimostrati. Come è stato possibile?

READ  L'orbita solare stanotte sfiorerà la Terra

Non tutti i depositi di grasso sono uguali

La tomografia computerizzata, una tecnica di imaging che ho iniziato a utilizzare all’inizio della mia carriera di ricercatore universitario nel 1986, fornirà una spiegazione a ciò. Con questa tecnologia, è ora possibile misurare con precisione il grasso corporeo precedentemente invisibile nell’addome che invade gli organi interni come il cuore e il fegato.

Le differenze tra le persone obese ma senza fattori di rischio e quelle che mostravano problemi di salute sono diventate sbalorditive: con pesi corporei simili, le persone che erano “grasso interno” (una condizione che il nostro team ha chiamato “obesità viscerale”) avevano maggiori probabilità di avere problemi. sano.

L’uso dell’imaging è diventato molto popolare nella ricerca sull’obesità e da allora diversi gruppi di ricerca hanno confermato i nostri risultati: l’obesità viscerale è la forma più pericolosa di obesità per la salute, indipendentemente dal peso corporeo.

Tuttavia, possiamo legittimamente affermare che alcune persone obese, ma senza il grasso viscerale extra, sono sane? Il nostro gruppo di ricerca ha notato che il grasso di glutei e cosce, che si trova spesso nelle donne e raramente negli uomini, non solo era sicuro, ma poteva anche prevenire le malattie metaboliche associate all’obesità. Perché è così? Diversi studi, compreso il nostro, hanno dimostrato che il grasso dei glutei e delle cosce agisce come un deposito di energia in eccesso che protegge il corpo dall’accumulo di grasso non solo nella cavità addominale, ma anche nei tessuti magri come cuore, fegato e muscoli.

Pertanto, la forma femminile di obesità (grasso sottocutaneo localizzato principalmente nei glutei e nelle cosce, insieme a una quantità significativamente ridotta di grasso viscerale) è più compatibile con la salute rispetto alla tipica obesità maschile (stomaco solido, grasso localizzato nella cavità addominale).

READ  86 milioni di euro per gli Ospedali Savoia

Prendiamo di mira il nostro vero nemico: lo stile di vita sedentario

Va ricordato che i ricercatori britannici consideravano i partecipanti in buona salute: appena quattro dei sei indicatori valutati erano normali. Un attento esame del loro profilo ha rivelato che queste persone mostravano tuttavia lievi anomalie nei loro fattori di rischio, differenze sufficienti a spiegare il loro aumento del rischio. Una persona detenuta potrebbe, ad esempio, avere un leggero aumento della pressione sanguigna o assumere farmaci per l’ipertensione o il colesterolo alto. Pertanto, i soggetti in questo studio che erano considerati sia obesi che in buona salute metabolica non erano obesi. Alcune forme di obesità possono essere compatibili con la salute metabolica, ma i criteri spesso utilizzati per diagnosticarla non sono sufficienti. Inoltre, altri problemi di salute sono associati a un peso corporeo più elevato, come ad esempio le articolazioni (fianchi e ginocchia), per citarne alcuni.

In breve, l’obesità è un evidente fattore di rischio. Le persone magre hanno la fortuna di poter mantenere segreta la loro condizione anche se soffrono di pressione alta, dislipidemia (livelli anormali di trigliceridi o colesterolo nel sangue), diabete o il suo più importante fattore di rischio. salute del cuore e delle vie respiratorie.

Invece di stigmatizzare le persone obese, dovremmo esaminare attentamente il nostro stile di vita, perché siamo senza dubbio nel mezzo di un’epidemia globale di stile di vita sedentario. Mai prima d’ora nella storia del Quebec i nostri bambini hanno sofferto di una salute cardiorespiratoria così scarsa; Molte persone hanno difficoltà a svolgere attività fisica come camminare, correre, andare in bicicletta o fare sci di fondo.

READ  Cambio di orario: quali sono gli effetti negativi sulla salute?

Tuttavia, la capacità respiratoria del cuore non viene ancora misurata nelle cliniche del Quebec.

Combattere l’obesità semplicemente promuovendo la perdita di peso non è il modo migliore quando si comprendono i fenomeni socio-economici associati a questo stile di vita epidemico. In clinica, oltre al peso, il nostro lavoro ha dimostrato che è possibile misurare con precisione quelli che chiamiamo i quattro ‘segni vitali’ nel nostro stile di vita, ovvero l’obesità addominale (misurando la dimensione del ruolo), la capacità cardiorespiratoria (attraverso un breve sistema) e stress test su Un tapis roulant molto comodo), la qualità complessiva della nostra dieta e il nostro livello di attività fisica. La nostra ricerca ha dimostrato inequivocabilmente che questi indicatori di stile di vita predicono indicatori di salute misurati in clinica (pressione sanguigna, colesterolo, glicemia). Tuttavia, la risposta medica alla diagnosi di questi fattori di rischio è quella di prescrivere farmaci piuttosto che aiutare i pazienti a ripristinare il loro stile di vita, il che richiederebbe una massiccia aggiunta di kinesiologi e nutrizionisti nell’offerta di servizi.

Per quanto riguarda la salute pubblica, dobbiamo, da un lato, privilegiare l’educazione sanitaria attraverso l’acquisizione di competenze nelle scuole a disposizione di tutti in termini di alimentazione sana e attività fisica. D’altra parte, dobbiamo rimodellare il nostro modello sociale ed economico per offrire a tutti i quebecchesi (non solo ai ricchi) cibo sano e ambienti di vita sani e convenienti. Staremmo tutti meglio per questo.