Dicembre 3, 2021

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Salute mentale del personale: “Questo non dovrebbe essere solo per i sostenitori delle risorse umane, ma anche per Comex/Codir”

un’azienda

, attraverso Fabian Bee

Di fronte alla crisi del Covid-19 e con lo sviluppo di nuove organizzazioni del lavoro, come il telelavoro e gli uffici flessibili, la salute mentale dei dipendenti francesi si sta deteriorando. Per il FIRPS, questo problema dovrebbe allertare i datori di lavoro. Non solo difensori dei diritti umani, ma a livello di organi amministrativi.

“Nel contesto del cambiamento delle organizzazioni sindacali con l’enorme e improvvisa corsa al lavoro da remoto, assistiamo a un forte deterioramento degli indicatori di salute mentale dei francesi e questi dati allarmanti sono l’occasione per ricordare il ruolo e la responsabilità delle aziende in il campo della salute sul lavoro”, Avvisi FIRPS (Federazione Interventisti Rischio Psicosociale), in un comunicato stampa pubblicato martedì 2 novembre 2021.

secondo Ultime statistiche da Public Health France, il 15% dei francesi mostra segni di stato depressivo (+5 punti rispetto al livello fuori dall’epidemia), il 23% i segni di uno stato ansioso (+10 punti), il 63% di disturbi del sonno (+14 punti) . Inoltre, il 10% ha avuto pensieri suicidi durante l’anno.

“Mentre tutti si aspettano una ripresa, come possiamo sperare di sostenere questo aumento dell’attività ‘post-pandemia’, con dipendenti depressi, disillusi e persino disimpegnati?” , chiede FIRPS. “La salute dei dipendenti non è solo un argomento rivolto ai reparti HR, ma dovrebbe essere più che mai un argomento prioritario per Comex/Codir, che dovrebbe interrogare le proprie organizzazioni fino a quando non diventino più attente alle conseguenze delle condizioni aziendali in relazione agli sviluppi in corso. Spetta infatti alle aziende svolgere appieno il proprio ruolo di garanti della salute mentale dei dipendenti”. Lei completa.

Leggi anche Telelavoro: “La distanza aumenta il rischio di pratiche di dipendenza sul lavoro”

In questo contesto, FIRPS formula 5 raccomandazioni:

Attuazione della politica sanitaria e QWL (qualità della vita sul lavoro) “Per vincere la sfida posta dalle ripercussioni della crisi Covid e dei cambiamenti normativi”;

– Condurre studi di impatto e supportare il cambiamento per le aziende “a fronte di trasformazioni in accelerazione, a volte con un brusco cambiamento del proprio modello economico”;

– formazione dei dirigenti, “Come attori della prevenzione, di fronte alle nuove forme di gestione (a distanza, mista, ecc.) e ai rischi e alle difficoltà delle proprie squadre”. Soprattutto questa formazione dovrebbe aiutarli a rilevare e guidare le persone colpite da pratiche di dipendenza (in aumento dal 2020 e dalla crisi del Covid).

Fornire consulenza, consulenza psicologica e linee di supporto che consentono l’accesso immediato, 24 ore su 24, a psicologi qualificati e guidano professionisti selezionati.

Leggi anche Telelavoro: “Dobbiamo adottare senza indugio una politica precauzionale di ampio respiro”

“Ricordiamo che i dipendenti non collegati spesso portano a mettere in discussione il significato del lavoro e che le domande crescono in un modo senza precedenti e i rapporti con l’azienda non si sono mai indeboliti”, scrive FIRPS. Secondo la federazione, l’emergere di nuove organizzazioni, telelavoro e uffici flessibili comporta nuovi rischi. E se non lo sono “Determinato e notificato oggi dal management e dagli amministratori”, Ha concluso che questi rischi possono “Porta ad un aumento delle tensioni nelle squadre e a grandi difficoltà” nella gestione delle risorse umane.

READ  BAGNOLS / CÈZE Ségur de la santé: 4,3 milioni di euro per il polo ospedaliero