Agosto 13, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Progressi nei colloqui sull’esportazione di grano tra Russia e Ucraina: “Oggi abbiamo visto una pietra miliare”

Il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres ha detto ai media dopo la fine dei colloqui russo-ucraini in Turchia che erano stati compiuti “progressi davvero sostanziali” e sperava che un “accordo formale” sarebbe stato concluso presto.

“Oggi abbiamo assistito a Istanbul a una pietra miliare molto importante, un passo avanti nel garantire un’esportazione sicura e protetta di prodotti alimentari ucraini attraverso il Mar Nero”, ha continuato, “Abbiamo un barlume di speranza nell’alleviare la sofferenza umana e alleviare la fame nel mondo. “

Un cauto ottimismo è stato espresso anche dal ministro della Difesa turco Hulusi Akar, il quale ha osservato che esperti militari russi e ucraini hanno concordato “controlli comuni” nei porti e mezzi per “garantire la sicurezza delle rotte di trasporto”, in altre parole. Corsie sicure per il trasporto marittimo di prodotti agricoli.

Ha sottolineato che “si è convenuto che le delegazioni di Russia e Ucraina si sarebbero incontrate nuovamente in Turchia la prossima settimana”, considerando che è poi intervenuto l’accordo finale sul grano attualmente interrotto nei porti ucraini a causa dell’invasione russa iniziata il 24 febbraio .

In serata, il presidente Volodymyr Zelensky ha risposto: “La delegazione ucraina mi ha informato che sono stati compiuti progressi. Concorderemo i dettagli con il Segretario generale delle Nazioni Unite nei prossimi giorni”.

“Siamo sul punto di raggiungere un accordo”, aveva precedentemente stimato il capo della diplomazia ucraina, Dmytro Kuleba.

Turchia in azione

L’accordo negoziato da Antonio Guterres per più di due mesi mirava non solo a rimuovere circa 20 milioni di tonnellate di grano bloccate nei silos ucraini attraverso il Mar Nero, principalmente a Odessa (sud), ma a facilitare le esportazioni russe di grano e fertilizzanti.

READ  Nous avons suivi un convoi de manifestants français qui se dirigent vers Bruxelles: "Dans chaque ville, on a été accueilli"

Un sacco di prodotti che sono gravemente carenti nel mercato globale.

Era la prima volta in tre mesi che russi e ucraini si incontravano a Istanbul. Organizzato sul versante europeo del Bosforo, alla presenza di rappresentanti delle Nazioni Unite. I colloqui sono durati in totale tre ore.

L’Ucraina è uno dei maggiori esportatori mondiali di grano e altri cereali e il tempo stringe poiché l’aumento dei prezzi alimentari globali rappresenta una minaccia di carestia, in particolare in Africa.

Secondo il ministero della Difesa russo, “la delegazione russa ha preparato e presentato (…) una serie di proposte per una risposta rapida e pratica a questa domanda”.

Martedì Mosca ha ricordato la sua richiesta “di ispezionare e ispezionare le navi per evitare il contrabbando di armi e l’impegno di Kiev a non organizzare provocazioni”.

La Russia vuole anche che l’Ucraina rimuova le mine dai suoi porti, cosa che quest’ultima rifiuta per paura di un attacco anfibio a città come Odessa.

La Turchia, membro della NATO e alleato delle due parti in guerra, da mesi sta intensificando i passi diplomatici per facilitare la ripresa delle consegne.

Funzionari turchi hanno confermato di avere 20 navi mercantili nel Mar Nero pronte per essere caricate rapidamente con grano ucraino.

Finora, gli sforzi turchi, compiuti su richiesta delle Nazioni Unite, non sono riusciti a risolvere la situazione.

La visita del ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov ad Ankara all’inizio di giugno non ha portato a progressi in questo fascicolo, in assenza di una rappresentanza ucraina.

Ma i due presidenti russi, Vladimir Putin, e quelli turchi, Recep Tayyip Erdogan, si incontreranno il 19 luglio a Teheran a margine di un vertice sulla Siria, che potrebbe fornire un quadro favorevole all’annuncio di un accordo.

READ  Volodymyr Zelensky ha denunciato a Davos la mancanza di "unità" dei paesi occidentali

Il capo di stato turco ha agito da mediatore dall’inizio della guerra, ma è stato attento, fornendo droni da combattimento all’Ucraina, a non offendere Mosca.

“pausa operativa”

La Turchia e la sua economia vacillante, con un tasso di inflazione record del 79% su base annua, dipendono fortemente dal commercio con la Russia e dal gas russo.

L’Ucraina si è persino montata più volte contro gli autobus delle navi mercantili turche attraverso il Mar Nero, da e verso i porti ucraini sotto il controllo russo.

La Russia non ha lanciato una grande offensiva di terra da quando ha superato le ultime sacche di resistenza nella regione di Lugansk all’inizio di luglio e si è formata con il bacino minerario di Donetsk Donbass, in parte controllato dai separatisti filo-russi dal 2014.

Secondo l’agenzia di stampa centrale coreana ufficiale, giovedì mattina il regime nordcoreano ha riconosciuto ufficialmente queste due regioni come paesi indipendenti.

La Corea del Nord è il terzo paese, insieme alla Russia e alla sua alleata Siria, a riconoscere queste due regioni come stati indipendenti.

Gli analisti parlano di una “pausa operativa” delle forze russe prima dell’attacco alle città di Sloviansk e Kramatorsk, il centro amministrativo del Donbass ancora sotto il controllo ucraino, nella regione di Donetsk.

Ma il governatore della regione di Donetsk, Pavlo Kirilenko, ha detto giovedì mattina “un morto e cinque feriti” a Bakhmut. E il risultato, secondo lui, del bombardamento russo di questa regione.

Per i funzionari statunitensi, i russi stanno cercando di far fronte alle loro perdite mentre negoziano l’acquisto di centinaia di droni da combattimento con l’Iran.

Da parte sua, l’Ucraina sta lanciando attacchi sempre più potenti utilizzando nuovi sistemi missilistici americani ed europei contro depositi di armi.

READ  Tre candidati presidenziali sotto accusa

Il bilancio delle vittime dello sciopero russo di domenica in un condominio a Chasiv Iyar, nello stesso bacino del Donbas, è salito a 48, secondo l’agenzia di soccorso ucraina.

In questo contesto, una quarantina di paesi, tra cui Stati Uniti, membri dell’Unione Europea, Regno Unito e paesi asiatici, hanno invitato la Russia, mercoledì in una dichiarazione congiunta rilasciata a New York, a interrompere immediatamente le sue “operazioni militari in Ucraina .” .