Maggio 22, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

In Polonia, l’ansia della diaspora ucraina minacciava di ritornare nel Paese per andare al fronte

In Polonia, l’ansia della diaspora ucraina minacciava di ritornare nel Paese per andare al fronte

Di fronte alle difficoltà sul fronte, Kiev ha sospeso i servizi consolari per gli uomini in età da combattimento che vivevano all’estero per rimpatriarli. A Varsavia questa decisione è stata ampiamente criticata.

pubblicato

aggiornare


Tempo di lettura: 2 minuti

Gli ucraini si riuniscono fuori da un punto di servizio passaporti ucraino chiuso, a Varsavia, in Polonia, il 24 aprile 2024, dopo che Kiev ha sospeso i servizi consolari per gli uomini in età da combattimento che vivono all'estero.  (Sergey Gapon/AFP)

Al Centro ucraino di assistenza ai rifugiati di Varsavia, la notizia è stata sorprendente. Mentre Kiev ha votato B La Polonia ha dichiarato di essere pronta ad aiutare l’Ucraina a rimpatriare i suoi cittadini che vivono sul suo territorio per contribuire allo sforzo bellico contro la Russia, dopo che è stata approvata una nuova legge che impone un censimento militare di tutti gli uomini ucraini di età compresa tra i 18 e i 60 anni che vivono all’estero. Ciò fa parte degli sforzi per rafforzare l’esercito ucraino, che sta lottando per mantenere la linea del fronte, in parte a causa della carenza di soldati.

Mercoledì 24 aprile 2024 il governo ucraino ha pubblicato un testo in cui afferma che Kiev non rilascerà più passaporti all’estero agli uomini di età compresa tra 18 e 60 anni, una nuova regola i cui contorni non sono ancora chiari. Kiev sta cercando di mobilitare più soldati contro l’esercito russo. Il ministro degli Esteri ucraino, Dmytro Kuleba, considera ingiusta la situazione degli uomini espatriati quando i loro connazionali muoiono al fronte. “Non mi sorprende affatto che le autorità ucraine stiano facendo tutto il possibile per inviare soldati al fronte“, ha annunciato giovedì il ministro polacco Wladyslaw Kuciniak-Kamisz.

READ  E in Germania il grande risveglio della maggioranza silenziosa

Una pubblicità difficile da comprendere per gli espatriati ucraini in Polonia Lena. Secondo questo cinquantenne rimandare in Ucraina uomini in età da combattimento non ha senso: “Quelli che erano patrioti, che sapevano combattere, erano già lì. Quelli che restano sono quelli che non riescono a vedersi maneggiare un’arma, o quelli che non riescono a immaginare di uccidere qualcuno, o semplicemente hanno paura.“, sottolinea. Una paura che anche Natalia cerca di comprendere. Questi uomini dovrebbero difendere il Paese, ma questa azione è solo un modo per ritardare l’intervento dei paesi occidentali, una volta che tutti i nostri uomini saranno morti.“.

“Sono più utili qui che in Ucraina”

Alexander ha 60 anni, quindi non è abbastanza grande per fare le valigie. Ma ci assicura: la sua presenza all'estero non fa di lui un cattivo patriota. I miei figli vivono in Polonia da più di sei anni e non posso dire che non siano patrioti, perché appartengono a tutti i gruppi di soccorso, raccolgono fondi per l'esercito, tessono reti mimetiche militari e quello che fanno è necessario. . Penso addirittura che sia più utile qui che in Ucraina“.

Nel febbraio 2024, secondo l’agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati, in Polonia erano registrati 952.104 rifugiati ucraini, di cui il 16%, ovvero 152.656 persone, erano uomini in età militare. Se la Polonia mette in atto la sua minaccia, rischiano di essere deportati oltre confine.