Agosto 10, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Crisi energetica: Ungheria in “stato di emergenza”

“La situazione è molto difficile ovunque in Europa a causa della guerra (in Ucraina) e delle sanzioni imposte in risposta. Quindi è tempo di dichiarare lo stato di emergenza”, ha sottolineato il capo di stato maggiore del premier Viktor Gergeli Golias. Orban in conferenza stampa a Budapest.

A fronte dei prezzi elevati e dei “dubbi” sulle forniture nel prossimo inverno, all’inizio di agosto entreranno in vigore una serie di misure.

Tra i punti salienti, il governo ha deciso di “aumentare vigorosamente la produzione nazionale di lignite”, un tipo di carbone che viene prodotto e consumato principalmente a livello nazionale.

Allo stesso tempo, Golias ha sottolineato che il grande impianto termale di Matra, situato sulle montagne montuose del nord del Paese, “deve essere rilanciato immediatamente”, contrariamente agli impegni climatici del Paese.

Il sito, chiuso dalla metà del 2021 per problemi tecnici, avrebbe dovuto essere riconvertito entro il 2025 al fine di ridurre le emissioni inquinanti.

Sarà inoltre aumentata la produzione di gas sul suolo ungherese e diversificate le fonti di approvvigionamento.

L’Ungheria, naturalmente povera di risorse, importa attualmente il 65% del suo petrolio dalla Russia e l’80% del suo gas.

Un’altra misura è che gli individui “che consumano più gas ed elettricità della media dovranno adeguare i propri consumi o pagare il surplus al prezzo di mercato”.

Secondo il capo di stato maggiore, un quarto della popolazione potrebbe essere colpito.

Dal 2012 gli ungheresi beneficiano di prezzi regolamentati, che attualmente sono cinque volte inferiori a quelli che pagherebbero se il settore fosse liberalizzato.

Infine, il governo “prolungherà la vita operativa” dei vecchi reattori della centrale nucleare della Pax, vicino a Budapest, costruita negli anni ’80 e che ora rischia di essere operativa fino al 2047.

READ  Legislazione in Francia: l'astensione crescente, ecco i primi risultati

Un progetto di espansione è stato assegnato al gigante nucleare russo Rosatom nel 2014, ma è stato ritardato e la messa in servizio di nuove unità è stata posticipata al più presto al 2030.