Febbraio 27, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Premier League, Manchester City-Divino Kevin De Bruyne

Premier League, Manchester City-Divino Kevin De Bruyne

Un decimo di secondo fa… e sarebbe stato troppo presto. Un decimo di secondo dopo e sarà troppo tardi. Ma è la qualità delle grandi persone a premere il grilletto al momento giusto, e “The Great” Kevin De Bruyne è uno di questi. Con la giusta dose di potenza nel tiro – un passaggio leggermente più potente, tutto qui – ha mandato la palla tra le gambe dell'eccellente Sven Botman per ingannare l'altrettanto eccellente Martin Dubravka e ribaltare le sorti di una partita che sembrava destinata a fallire. è costato tre punti al Manchester City.

“Non capita tutti i giorni che un calciatore fermo per cinque mesi, fatta eccezione per un breve periodo contro l'Huddersfield in FA Cup, sia il vero giocatore”.“Uomo partita” Da una partita in cui ha giocato solo ventiquattro minuti. Eppure lo era, anche se il membro della giuria della BBC TNT, Ally McCoist, era favorevole a Rhodri.

I candidati non mancavano: accanto al centrocampista spagnolo, Bernardo Silva, probabilmente il miglior giocatore del mondo e autore dell'antologia Half Volley; Phil Foden, al limite del genio nel suo nuovo ruolo di N.10; Oppure, dalla parte di Gazza, Bruno Guimarães, nel forno, nel mulino e ovunque ce ne sia bisogno.

Kevin De Bruyne è stato decisivo in pochi minuti contro il Newcastle

Credito: Getty Images

Un rapporto speciale con il calcio

Di solito, i giocatori non gestiscono bene questo tipo di assenza a lungo termine. Stanno pensando. Soffrono più nella testa che nel corpo. Ma De Bruyne non è un giocatore qualunque, e non è nemmeno un uomo qualunque. Lo condivide con il suo ex compagno di squadra dei Red Devils Eden Hazard: ama il calcio, ma il calcio non gli consuma la vita. Odia perdere, ma non esagera nelle rare volte in cui assapora la sconfitta. Fa male? È un peccato, ma non è poi così male, se questo significa poter trascorrere del tempo con la moglie Michelle e i loro tre figli, andare in vacanza a Dubai e andare da casa a scuola ogni mattina come un normale padre; Ha colto l'occasione per introdurre un nuovo taglio di capelli che in realtà gli sta molto bene.

Come dice l'ex giocatore del Liegi e consulente televisivo belga Fred Wasig, che ha seguito il giovane Kevin fin dai suoi primi passi con la selezione, De Bruyne, l'uomo come il giocatore, “non ha filtri”. Quando sale in campo si vede, come è successo in Qatar nel 2022. Ma non succede spesso, e di certo non è stato il caso domenica a Newcastle. Puoi dire quanto sia affamato, ma non così affamato da potersi abbuffare. E lo stesso vale per De Bruyne. In circostanze simili, altri avrebbero potuto lasciarsi trasportare dall’eccessivo entusiasmo e “fare troppo”; non lui. I suoi ventiquattro minuti al St. James's sono stati vicini alla perfezione.

READ  "Un passo avanti nel 2023"
immagine

Il gruppo crolla e De Bruyne viene accusato: dietro le quinte della crisi belga

La determinazione c'era, ma non era eccessiva. Ogni scatto aveva un significato, ogni gesto aveva un'intenzione. Doku si trova sulla sua ala larga quaranta metri; Si prende il suo tempo per scambiare ciò che hai con Walker dall'altra parte; Fornendo l'unico passaggio in grado di superare Kieran Trippier – il cui posizionamento era impeccabile – ha regalato il 3-2 a Oscar Pope negli ultimi respiri di una partita mozzafiato. Potrebbe essere stato un 'passaggio dal gol' per il pareggio. Si trattava semplicemente di prendere la decisione giusta, niente di più, niente di meno. Non è un caso che la sua autobiografia porti questo titolo Mantienilo semplice“Mantieni le cose semplici”.

Chi riuscirà a fermare il City?

La differenza è che la semplicità di De Bruyne non è la semplicità di Mr. Everyman. È un genio, un genio su cui Pep Guardiola potrà contare fino al 19 maggio, quando nessuno si sorprenderà se il Manchester City riuscirà a conquistare il sesto titolo in sette anni. Anche se la battaglia è più serrata del solito, il City ha l'abitudine di affrontare la seconda metà della stagione meglio dei suoi rivali. Considerando lo stato di forma che stanno mostrando oggi, e con De Bruyne tornato in questa forma, possiamo facilmente immaginare che raggiungano una serie di risultati simili a quelli visti nel 2018-19 (quattordici vittorie negli ultimi quattordici giorni) e nel 2022-23 ( dodici successi consecutivi tra febbraio e maggio). Chi può farlo?

Il calendario sembra abbastanza favorevole anche per gli attuali campioni, che giocheranno in casa cinque delle otto partite che restano a disposizione contro le altre squadre della top 10. Tra questi club, Arsenal e West Ham non hanno ottenuto un solo punto. Al-Ittihad dal 2015 e Aston Villa dal…2011. Il City sembra anche più energico degli avversari che, in realtà, non hanno una squadra con cui confrontarsi. Il Mondiale per Club farà molto bene anche ai cittadini. Considerato il divario di classe che li separava dai rivali dell'Arabia Saudita, Urawa Red Diamonds e Fluminense, questo breve soggiorno sotto cieli più caldi di quelli inglesi è stato più simile ad un allenamento di metà stagione che ad una “vera competizione”, mentre tutto proveniva da un allenamento che era come l’allenamento di metà stagione”. I contendenti al titolo hanno perso punti in loro assenza.

Questo ritorno di De Bruyne ha anche un valore simbolico: un altro ritorno: il ritorno del Manchester City nel suo ruolo preferito, qualunque sia l'assetto odierno, dopo una prima metà di stagione in cui i Citizens hanno faticato più del solito. Quasi dimentichiamo che Erling Haaland tornerà a fine mese. Buona fortuna a tutti.